Citroën

Come molte altre Case automobilistiche europee, la Citroën porta con sé una data di nascita prossima alla Grande Guerra e il cognome di un genuino visionario della locomozione. Nel 1900 il giovane André Citroën acquisì dal cognato, attivo in Polonia, la licenza di fabbricazione di particolari ingranaggi detti “a doppia elica”, tuttora simbolo dell'azienda francese appartenente al gruppo PSA e alle cui dipendenze lavorano 13.900 persone. Nel giro di un paio d'anni la piccola officina si ingrandì e trasferì a nord di Parigi, mentre nel 1905 venne registrata la ragione sociale di Citroën, Hinstin & Co. Convinto della validità di modelli come la Peugeot Bebè e dei processi di funzionamento delle catene di montaggio americane, l'11 novembre 1918 (giorno dell'armistizio) André Citroën diede il via alla conversione di una fabbrica di granate in atelier automobilistico. Con la consueta tempestività che aveva sempre caratterizzato il fondatore, nel marzo 1919 fu presentata la prima vettura prodotta dal "Double Chevron", ossia la Type A, che ebbe però forti ritardi: il primo esemplare venne venduto soltanto in luglio, ma le basi del futuro erano state lanciate. 
 
Oggi la Citroën può contare su un listino di “piccole”, e non solo, pepatissime vetture come C1, C3, C3 Picasso, C4, C4 Picasso, Grand C4 Picasso, C4 Aircross, C5, C8, DS3, DS4, DS5, Berlingo e C-Zero, ma nella storia non mancano prodotti capaci di inserirsi nella scia del motto aziendale: “créative technologie”: dalla Type C, che negli Anni 20 era “completa” di assistenza tecnica in caso di guasto, servizio di approvvigionamento e fornitura di pezzi di ricambio e dei primi finanziamenti per acquisti rateali, alla 8CV e alla rivoluzionaria Traction Avant (1934), il tutto prima della morte di André e della vendita dell'azienda alla Michelin alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale. Nel 1948 videro però la luce nuovi prodotti, in particolare la 2CV, che diverrà un best-seller globale e verrà prodotta per 42 anni in quasi 4 milioni di esemplari, motorizzando la Francia rurale. Dopodiché, la storia Citroën racconta l'ingresso nel capitale azionario della Panhard, la sostituzione nel 1955 della Traction Avant con la DS (la prima a racchiudere in sé trazione anteriore, scocca portante, cambio semiautomatico e sospensioni idro-pneumatiche) e l'acquisto della Maserati nel 1968. 
 
Il primo giugno 1974, per ovviare a una lunga serie di errori strategici, compresi i troppi fondi destinati ai progetti GS e CX e l'assenza di un modello per la classe borghese, la Citroën si fonderà con la Peugeot e inizierà un'avventura in simbiosi, tecnica e progettuale, che la vedrà realizzare macchine di buon impatto sul pubblico: LN, Talbot Samba, BX, AX e AX Sport, Evasion, Berlingo, ZX (primo vero modello di fascia media), Saxo e Saxo VTS, Visa e Xsara SW. Nel nuovo millennio, oltre all'arrivo della berlina C5 nel segmento D, la C3 sarà un'utilitaria di dimensioni generose, la C2 la sua versione compatta e la C4 la segmento C del lotto. Ultime ad arrivare, l'ammiraglia C6, raffinata berlina lunga quasi 5 metri, la C1, posta al di sotto della C2, e il SUV denominato C-Crosser. L'attività sportiva, all'inizio osteggiata dallo stesso André Citroën e poi entrata nel patrimonio genetico della “Doppia Elica”, si incentrò sui rally iridati, la Parigi-Dakar e i trofei monomarca nazionali.

Novità Citroën

Video Citroën

  • Citroën C3
    La terza edizione della Citroën C3 si allunga di 5 centimetri, sfiorando i 4 metri, e cambia profondamente, riprendendo dalla crossover C4 Cactus alcune componenti dello stile.
  • Intervista a Massimo Roserba
    Il mondo è cambiato e il gruppo PSA Peugeot Citroën sta cambiando con lui, grazie a nuovi modelli chiamati a confermare il successo delle generazioni precedenti. Ne parliamo con il direttore generale del gruppo PSA in Italia.
  • Citroën C3 Facebook-Only
    Vuole essere una “social car”, al top per connettività e si può ordinare soltanto attraverso il social network più diffuso.
  • Citroën DS: il raduno
    L’evento Ouverture di Primavera 2016 ha richiamato un centinaio di berline, tutte con una lunga storia da raccontare.
  • Citroën Cactus M
    Deriva dalla C4 Cactus questo scanzonato prototipo che si ispira alla storica Mehari ed è dedicato alle vacanze e al tempo libero.
  • Citroën DS4
    Sulla Citroën  DS4 debuttano nuovi motori, tutti turbo ed Euro 6. Oltre al tricilindrico 1.2 PureTech da 131 cavalli e al quattro cilindri 1.6 THP da 165, si potrà così avere anche il 1.6 BlueHDi a gasolio da 120 CV.

Primi contatti Citroën

Prove Citroën

Listino usato Citroën

dagli archivi

  • Nuova versione Deejay per la Citroën C1

    La citycar francese, recentemente ristilizzata, è disponibile con un nuovo allestimento pensato per i giovani e dedicato ai 30 anni della nota emittente radiofonica.
  • Piccoli ritocchi per la Citroën C5

    La berlina francese riceve un nuovo logo, dalle forme più arrotondate, e un navigatore satellitare più evoluto. Per la C5 Tourer si può avere anche la telecamera posteriore per fare manovra.
  • La Citroën DS4 al Ring va ben oltre le apparenze

    Chi pensava che un’originale crossover più alta da terra di una berlina e con l’impostazione di guida da suv fosse inadatta a girare al Nürburgring, viene prontamente smentito dalla Citroën DS4. Col suo brillante 1.6 turbo da 200 cavalli, le sospensioni solidissime e i freni all’altezza della situazione, si è dimostrata sorprendentemente a suo agio nel toboga tedesco, ove ha spuntato un tempo vicinissimo a quello ottenuto dalla Volkswagen Golf GTI.