DR

Fondata nel 2006 a Macchia d'Isernia dall'imprenditore Massimo Di Risio, importa componenti prodotti dalla cinese Chery Automobile e li assembla in Italia. All'inizio, la commercializzazione delle DR (il modello del debutto è stato la DR5, suv imparentato con la Chery Tiggo) è avvenuta in collaborazione con la catena di ipermercati Iper; oggi invece la DR possiede una rete di vendita e assistenza. Tra le prime mosse della dirigenza, la trattativa con Bertone per rilevare l'azienda in difficoltà; la trattativa non è tuttavia andata a buon fine, perché la Bertone viene venduta alla Fiat.
 
La volontà di crescita si manifesta con l'intenzione di rilevare gli stabilimenti Fiat di Termini Imerese: l'investimento previsto è di 341 milioni di euro per la riqualificazione della fabbrica, a partire dal 2012, e la riassunzione di circa 1500 addetti. All'inizio del 2013, la DR si trova a sostenere e rinegoziare il debito con le banche: la questione legata a Termini Imerese passa in subordine e l'azienda fa richiesta di concordato preventivo, accolta a fine anno dal Tribunale di Isernia, che sancisce l'avvio ufficiale della procedura concorsuale, sia pure di continuità.
La gamma attuale è composta dalla citycar DR Zero con motore 1.0 a benzina, dalla suv DR5 (motori da 1.6 a 2.0, anche a trazione integrale) e dalla CityCross, crossover di piccole dimensioni spinto da un 1.3 a benzina sul quale sono installabili impianti a Gpl o a metano.

 

Novità DR

  • DR4: la crossover debutta a Monaco

    La DR è una crossover lunga 432 cm che sarà venduta in Italia a 15.980 euro con il motore a benzina 1.6 da 120 CV.
  • La DR si rilancia con 4 modelli

    L’azienda molisana, dopo anni di crisi, nel 2017 ripropone una gamma con quattro modelli: le DR3, DR4, DR5 Evo e DR6.
  • Di Risio (DR): “Puntiamo su quattro nuovi modelli”

    Motor Show di Bologna 2016, la DR pronta al rilancio con un poker di modelli inediti.
  • Massimo Di Risio: “Ricomincio da quattro”

    La DR di Massimo Di Risio torna sulla scena al Motor Show di Bologna con un poker di novità. E grandi ambizioni…
  • DR: in arrivo un nuovo modello?

    Le foto spia di un lettore fanno supporre che la DR sia al lavoro su un nuovo modello da inserire nella sua gamma.
  • La DR1 si dà allo sport e ai rally

    Al Motor Show il costruttore molisano presenterà la DR1 S, versione sportiva della sua citycar. Sarà seguita a settembre dalla DR1 SR da 100 CV, derivata dalla vettura che l'anno prossimo parteciperà al Campionato Italiano Rally.
  • DR3: berlina a cinque porte “low-cost”

    Disponibile con un 1.5 a benzina alimentato anche a "gas", sarà in vendita da giugno con prezzi a partire da circa 11.000 euro.
  • Tante novità dalla DR Motor

    Motor Show di Bologna saranno presentate l'inedita DR3 e la versione "famigliare" della DR1. Per quest'ultima c'è anche un 1.1 benzina da 67 CV e il cambio robotizzato per la 1.3. Rivista pure la DR5, con motori aggiornati e allestimenti ridefiniti.

Primi contatti DR

  • € 11.330
    La DR1 attira per la ricca dotazione di serie, dal climatizzatore, ai sensori di parcheggio, ai cerchi in lega. Ma delude per la qualità dei materiali.
  • € 18.830
    Per la DR5, nata a due ruote motrici, arriva la trazione integrale (assieme a un nuovo motore 2.0 da 128 CV), che la fa diventare una “vera Suv”. Considerando che di serie offre anche i sedili in pelle, è venduta a un prezzo imbattibile. Però, è rumorosa, ha finiture migliorabili e non può montare l’ESP nemmeno a richiesta.

Prove DR

dagli archivi

  • DR3: berlina a cinque porte “low-cost”

    Disponibile con un 1.5 a benzina alimentato anche a "gas", sarà in vendita da giugno con prezzi a partire da circa 11.000 euro.
  • Tante novità dalla DR Motor

    Motor Show di Bologna saranno presentate l'inedita DR3 e la versione "famigliare" della DR1. Per quest'ultima c'è anche un 1.1 benzina da 67 CV e il cambio robotizzato per la 1.3. Rivista pure la DR5, con motori aggiornati e allestimenti ridefiniti.
  • La DR1 si dà allo sport e ai rally

    Al Motor Show il costruttore molisano presenterà la DR1 S, versione sportiva della sua citycar. Sarà seguita a settembre dalla DR1 SR da 100 CV, derivata dalla vettura che l'anno prossimo parteciperà al Campionato Italiano Rally.