NEWS

Accuse alla FCA per manipolazione dei dati di vendita

14 gennaio 2016

Due concessionari americani accusano la Fiat Chrysler di avere richiesto una falsificazione dei dati di vendita in cambio di denaro.

Accuse alla FCA per manipolazione dei dati di vendita
ACCUSE RESPINTE - Due concessionari Fiat Chrysler operanti nell’area urbana di Chicago (Stati Uniti) hanno denunciato il gruppo FCA per averli indotti a falsificare i numeri di vendita, con l’obiettivo di migliorare i risultati dell’azienda in termini di automobili vendute. La notizia è riportata dal sito Automotive News. In un comunicato la FCA ha negato fermamente di praticare attività di questo tipo ed ha aggiunto che intende difendersi vigorosamente nelle sedi opportune. I numeri di vendita della FCA sono in crescita da 69 mensilità consecutive. 
 
OFFERTA IN DENARO - La denuncia è stata presentata martedì 12 gennaio davanti ad un’autorità federale. I due concessionari fanno parte del gruppo Napleton Automotive, dell’imprenditore Edward Napleton, che gestisce una rete di 50 punti vendita in 4 differenti stati. L’impresa venne fondata nel 1931 ed è specializzata nella vendita di vetture nuove ed usate. Automotive News rivela che Edward Napleton si sarebbe visto offrire 20.000 dollari per mettere a bilancio la vendita di 40 automobili. Ciò sarebbe avvenuto alla fine di un mese non precisato, su indicazione di un manager della FCA assegnato alla specifica area geografica. Il numero di auto vendute sarebbe poi stato stornato nel mese successivo.
 
DUE EPISODI - Nel documento di accusa è scritto inoltre che Napleton ha rifiutato di mettere in pratica la truffa, ma questa sua rinuncia ha portato a galla un episodio precedente: il responsabile di un concessionario avrebbe accettato di dichiarare il falso sulla vendita di 16 automobili. Il pagamento dei 20.000 dollari sarebbe stato giustificato come investimento pubblicitario concordato. Automotive News rivela poi che un punto vendita concorrente avrebbe accettato una proposta simile da parte della FCA, ricevendo in cambio “svariate migliaia di dollari” per riportare la vendita di 85 vetture.
 
SISTEMA DI RICOMPENSA - La FCA metteva in pratica negli Stati Uniti un meccanismo (chiamato Volume Growth Program) per ricompensare i concessionari più attivi, concedendo un premio economico a chi raggiungeva il 100% dell’obiettivo previsto a livello mensile. Questo dispositivo è stato sospeso pochi giorni fa, da quando si è scoperto che il premio è stato fornito anche ai concessionari che hanno raggiunto il 90% del target mensile. Il gruppo  Napleton ha venduto 21.500 veicoli nel 2014 e si è classificato in 32° posizione nella lista dei 150 migliori concessionari del gruppo negli Stati Uniti.
Aggiungi un commento
Ritratto di Ercole1994
14 gennaio 2016 - 15:46
Pur sempre meglio che ingannare milioni di clienti con emissioni fuori legge...
Ritratto di anarchico2
14 gennaio 2016 - 15:47
Le balle negli Usa non sono gradite, ricordiamoci di Clinton e di Monica.
Ritratto di MAXTONE
14 gennaio 2016 - 15:48
Stavo per scrivere lo stesso commento prima di leggere il tuo. Non posso che quotare al massimo.
Ritratto di MAXTONE
14 gennaio 2016 - 16:00
Mi riferivo a quello di Ercole 94, preferisco respirare, se dicono balle sui dati di vendita questo non influisce certo sui miei polmoni.
Ritratto di pastrellandrea
14 gennaio 2016 - 16:06
D'accordo con te MAX, poi bisogno anche capire se queste accuse sono ben fondate. Abbiamo visto la mentalità opportunista degli states ultimamaente, e mi fa pensare che potrebbe essere un altra bella presa per il cu.lo.
Ritratto di francyluc4
14 gennaio 2016 - 16:13
Non si capisce bene chi ci guadagna da questi allarmisti, che comunque negli stati uniti mi paiono essere all'ordine del giorno. Non mi è chiaro il meccanismo, FCA incentivava la dichiarazione dell'aumento delle vendite per poi dare dei bonus per aver raggiunto l'obiettivo che avevano incentivato? Mi sembra una manovra un po' controproducente. Poi per carità io non sono certo un capitano d'industria...
Ritratto di LanciaRules
14 gennaio 2016 - 16:04
In quell caso hanno truffato anche gli enti pubblici guadagnando incentivi sulle emissioni e vendendo prodotti che non potevano essere immessi sul mercato. Ad ogni modo questa di FCA, se confermata, sarebbe un'azione piuttosto stupida...
Ritratto di follypharma
14 gennaio 2016 - 15:55
2
non c'entra la fca secondo me, mi pare un banalissimo tentativo di truffa da parte del direttore vendite della zona (di fca) che voleva intascarsi maggiori premi .. tutto li... son questioni non della casa madre ma dei singoli ... La fca premia chi vende, e i venditori non abili a sufficienza ci provano con sotterfugi .. tanto piu' che le vendite venivano stornate nei mesi successivi quindi ai fini dei conteggi ufficiali (annuali ) non cambiava nulla direi cosa di ben altra caratura rispetto ai recenti scandali visti in giro
Ritratto di lorenzo.forte
14 gennaio 2016 - 16:22
Infatti FCA ha appena emesso un comunicato stampa in cui si dichiara innocente e promette azioni legali vigorose.
Ritratto di Vrooooom
14 gennaio 2016 - 16:22
In effetti la cosa è gravissima: tutte questa vetture 'invendute' dove le hanno smaltite?
Pagine