Audi RS 4 Avant: addio al V8, c’è il V6 biturbo

13 settembre 2017

La famigliare tedesca rimane spaziosa e poco appariscente, ma una volta su strada fa divertire: per lo 0-100 km/h bastano 4,1 secondi.

Audi RS 4 Avant: addio al V8, c’è il V6 biturbo

TRATTAMENTO SPORTIVO - Il motore V6 a benzina già visto sulle RS 5 e TT-RS viene ripreso anche dalla Audi RS 4 Avant, famigliare sportiva ad alte prestazioni che arriverà nei concessionari a partire da inizio 2018 con un prezzo di circa 80.000 euro. La nuova edizione della RS 4 Avant ricalca lo stile delle tre precedenti, modelli basati sulla normale Audi A4 Avant ma allestiti per l’occasione dal reparto sportivo Audi Sport, che si occupa di preparare le vetture più impegnative e veloci della casa tedesca. I tecnici hanno optato per il motore 2.9 biturbo da 450 CV, meno rabbioso del vecchio otto cilindri ma più equilibrato in termini di erogazione: i 600 Nm di coppia sono costanti fra 1.900 e 5.000 giri e rendono l’auto molto svelta ai comandi dell’accelerazione.

NUMERI DA SPORTIVA - L’Audi R S4 Avant 2017 ha prestazioni in linea con le sportive più blasonate, nonostante lo spazio a bordo e il baule rimangano pari alle normali A4 Avant: la casa tedesca dichiara un tempo di 4,1 secondi per l’accelerazione 0-100 km/h e una velocità massima di 250 km/h, ma ordinando il pacchetto a richiesta RS Dynamic il limite si sposta a 280 km/h. L’equipaggiamento tecnico è completato dalla trazione integrale permanente e dal cambio automatico Tiptronic a 8 marce. Optional il differenziale posteriore sportivo, che migliora la trazione sui fondi difficili. I tecnici della Audi Sport hanno ricalibrato l’assetto (ribassato di 7 mm), montato sospensioni sportive e rivisto la carrozzeria, in particolare allargando gli archi passaruota e ampliando le prese d’aria sul frontale. I due terminali di scarico sono ovali come in tutte le Audi RS.

TANTI OPTIONAL A SCELTA - Le dotazioni a richiesta sono molto esclusive e rendono l’Audi RS 4 Avant ancor più emozionante da guidare: la lista degli accessori include le sospensioni sportive a controllo elettronico, i dischi freno in materiale composito e lo sterzo ad assistenza variabile. E’ in opzione anche la vernice blu Nogaro, ispirata al blu della prima Audi RS 4 Avant (quella del 1999). L’abitacolo è decorato sui toni del nero e include i sedili anteriori a guscio, il volante tagliato in basso e le soglie d’accesso illuminate, mentre il quadro strumenti digitale Audi Virtual Cockpit informa il guidatore anche sull’accelerazione laterale, sulla pressione dei pneumatici e sulla coppia erogata dal motore. Optional i rivestimenti interni in fibra di carbonio.

Audi A4 Avant
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
75
61
53
26
67
VOTO MEDIO
3,2
3.18085
282
Aggiungi un commento
Ritratto di Enrico1975
13 settembre 2017 - 13:33
Questa vettura è un caccia.... una familiare che può dare emozioni simili a una super sportiva tipo porche o simili. Ho avuto modo di fare un giro di pista a Misano con una rs6. Vi dico che mi sono divertito di più di quando ho guidato una Ferrari sempre in pista. La cosa che mi ha impressionato di più sono i freni! Rs6 che frenata. Il rumore poi.... una sinfonia da pelle d'oca!
Ritratto di BARRACUDA74
13 settembre 2017 - 14:41
Oddio... a me onestamente danno molte emozioni anche le "PORCHE"!!!!!!!
Ritratto di boys2
14 settembre 2017 - 22:18
Grande macchina in tutti i sensi.
Ritratto di steves
15 settembre 2017 - 18:51
eh ma le porche succhiano un sacco!!!
Ritratto di boys2
15 settembre 2017 - 21:26
steves si vede che non sono auto alla tua altezza, mamma mia
Ritratto di steves
16 settembre 2017 - 21:56
ahahahahah mi sa che non hai capito la battuta...io e barracuda74 ci siamo capiti ;) porsche si scrive con la s in mezzo...le porche sono altre..............!
Ritratto di boys2
17 settembre 2017 - 00:26
In effetti ottima battuta
Ritratto di twinturbo
13 settembre 2017 - 13:36
Come dicevo in altro articolo, sarà sicuramente un caso ma l'uso si un 2.9 V6 biturbo (cioè proprio quella cilindrata, proprio quella disposizione e proprio quel numero di trubo) anziché riconfermare l'aspirato, e l'uso del sequenziale 8 marce (né una in più ne una in meno) anziché il doppia frizione li vedo come una nota di plauso a quanto fatto da Alfa con la Giulia. Presumo poi niente trazione posteriore, come l'italiana, ma solo integrale giusto per non stravolgerla oltre i canoni del marchio. Ergo, Bravi Audi a captare l'onda del momento
Ritratto di fastidio
13 settembre 2017 - 13:54
3
Qui l'integrale è d'obbligo perche altrimenti sarebbe stata anteriore e con quelle potenze era impossibile
Ritratto di bridge
13 settembre 2017 - 18:46
Onda del momento? Povero Twinturbo... Pensa che la RS4 c'è solo nella variante wagon...
Pagine