NEWS

Cinture di sicurezza dietro: ecco quanto sono importanti

9 agosto 2017

Il problema è sottovalutato negli Stati Uniti come in Italia, nonostante esponga a conseguenze molto pericolose.

Cinture di sicurezza dietro: ecco quanto sono importanti

GRAVI DANNI - Il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza posteriori è sanzionato in Italia con una multa da 80 euro a 323 euro, che si accompagna alla decurtazione di 5 punti sulla patente del guidatore nel caso in cui la persona senza cintura sia minorenne. L’impatto economico della multa rimane però ben inferiore rispetto a quello sul corpo in caso di incidente. Lo dimostra un filmato dell’IIHS (qui sotto), organizzazione americana senza fini di lucro che lavora per diminuire il numero di incidenti e migliorare le condizioni di sicurezza sulle strade del Paese, dove il problema del mancato utilizzo delle cinture di sicurezza posteriori è sottovalutato come in Italia. Per questo motivo l’IIHS ha realizzato un video molto esplicito, dove si vedono le conseguenze di un impatto per chi è nell’abitacolo: il passeggero senza cinture, complice la forza dell’impatto, viene scagliato contro il retro del sedile anteriore e schiaccia la persona che vi siede.

QUESTIONE DI ABITUDINE - Secondo l’indagine, realizzata coinvolgendo 1.172 persone da 18 anni in su, le persone intervistate considerano più sicuri i posti dietro rispetto a quelli davanti e non allacciano le cinture di sicurezza anche per questo motivo. Alla domanda sul perché non usino questa fondamentale dotazione di sicurezza, la maggior parte degli intervistati ha risposto che dietro si sente meglio protetta, che si dimentica o che non ha l’abitudine di farlo. Il 12% ha spiegato di sentirsi scomodo o limitato, mentre il 10% ritiene la cintura difficile da usare o non trova il gancio a cui fissarla. Quattro persone su 5 fra i “trasgressori” confessano di non preoccuparsi della cintura quando viaggiano sui sedili posteriori di un taxi o durante un breve trasferimento, anche per colpa della mancanza di leggi adeguate: negli Usa solo 29 stati (su 50) e il distretto di Washington D.C. hanno in vigore leggi sulle cinture di sicurezza per i passeggeri posteriori.

Aggiungi un commento
Ritratto di Thresher3253
9 agosto 2017 - 19:18
Quasi nessuno utilizza la cintura davanti, dietro é totalmente impossibile trovare qualcuno che se la allacci. Ci vorrebbero controlli rigorosi per chi non utilizza un dispositivo salvavita praticamente fondamentale.
Ritratto di Paolo.bravo
9 agosto 2017 - 21:32
Buonasera Allora sono l'eccezione che conferma la regola! Chiunque salga sulla mia auto o utilizza le cinture o non sale, ovviamente anche dietro! Concludo sostenendo che vi è una vera ignoranza diffusa sull utilizzo delle cinture posteriori, a volte, devo veramente arrivare a minacciare di far scendere i passeggeri che sostengono che non sia un obbligo indossarle.
Ritratto di UnAltroFiattaro
10 agosto 2017 - 00:45
Verissimo!!! Io per esempio sono l'unico tra i miei conoscenti che indossa la cintura dietro... (Cosa che fra l'altro accade molto di rado perché di solito o guido o sto avanti) Tra quando faccio presente che devono indossarla la maggior parte risponde "ma non è obbligatoria!" Quanta disinformazione c'è in giro... Quei pochi che lo sanno invece ti rispondo o "ma vabbè" o peggio ancora "tanto non serve". Ma la cosa che mi fa incavolare di più è che spesso sono gli stessi che se superi anche di poco il limite di velocità, lo sottolineano e te lo fanno notare!
Ritratto di LOL25
10 agosto 2017 - 02:22
Io le indosso quasi sempre anche dietro, soprattutto se sono costretto a salire su auto di gente che guida molto male. Ogni volta suscito l'incredulità degli altri passeggeri "Ma che ti metti la cintura anche dietro?" oppure "Ma che sei svizzero? Guarda che non serve a niente"
Ritratto di Lo Stregone
11 agosto 2017 - 11:01
Purtroppo questo modo di pensare è radicato all'infinito. Dove possibile meglio allontanarsi da questi soggetti.
Ritratto di 500L Living
10 agosto 2017 - 14:12
6
La cosa peggiore è che questa gente non insegna a farle mettere ai figli!
Ritratto di Lo Stregone
11 agosto 2017 - 10:59
Brutto da scrivere, ma se capita qualcosa di grave in auto a costoro, se la sono cercata.
Ritratto di the arabian phoenix
10 agosto 2017 - 07:00
Se in Italia si continua a fare pubblicità mediocre , soprattutto in TV, delle conseguenze derivanti da negligenza su strada, stiamo freschi. Se per un mancato allacciamento facessero vedere la fine vera che si fa in un veicolo accartocciato, con tanto di sangue e traumi/morti, se per ogni persona che gira in bici senza giubbotto catarifrangente si facesse vedere i voli e far sentire rumore di ossa rotte e grida , già dal giorno dopo si avrebbe il feedback desiderato. Ma i benpensanti che ripudiano queste scene in TV , inseme al governo, pensano di avere a che fare con 60 milioni di persone provenienti tutti dai salotti per bene ...
Ritratto di Igor Quaini
10 agosto 2017 - 08:32
Condivido. Dovrebbero fare anche degli spot per i ciclisti: passano con il rosso e non rispettano la segnaletica stradale, le precedenza e gli stop. semplicemente vanno come se niente fosse. ci vorrebbe un bello spot anche per loro e per le conseguenze della loro negligenza. ah ci vorrebbe anche l'assicurazione proprio come per le macchine e la targa. Forse così infrangerebbero meno il codice della strada.
Ritratto di LOL25
10 agosto 2017 - 12:53
Assolutamente vero, i ciclisti si sentono autorizzati a fare tutto ciò che vogliono senza seguire minimamente nessuna regola. Penso di essere tra i pochi al mondo che scende e porta la bici a mano quando deve attraversare sulle strisce
Pagine