NEWS

Dieselgate Volkswagen: niente indennizzi agli europei

22 gennaio 2016

La Volkswagen è sicura di poter risolvere la questione semplicemente mettendo in regola le auto non conformi.

Dieselgate Volkswagen: niente indennizzi agli europei
INCONTRO A BRUXELLES - La Volkswagen non sembra intenzionata ad offrire alcun tipo di compensazione agli automobilisti europei coinvolti nel Dieselgate, ovvero lo scandalo legato alle emissioni inquinanti di suoi alcuni motori a gasolio. La conferma è arrivata nel pomeriggio di giovedì 21 gennaio, quando si è svolto a Bruxelles un incontro fra il Commissario Europeo per l’Industria e l’Imprenditoria (Elzbieta Bienkowska) ed i massimi dirigenti della società tedesca: erano presenti l’amministratore delegato del gruppo Volkswagen (Mathias Müller) ed il responsabile del marchio (Herbert Diess). Del colloquio riferisce il Financial Times.
 
NESSUNA DISPARITÀ - Bienkowska avrebbe invitato Müller e Diess a rivedere la posizione dell’azienda sul tema dei rimborsi, già accordati negli Stati Uniti ma ancora non previsti in Europa. Il Commissario, secondo quanto emerso, avrebbe suggerito ai manager di trattare i clienti nella stessa maniera e di non creare disparità, ma il suo appello sembra caduto nel vuoto: poche ore dopo la fine della riunione, l’azienda ha pubblicato una nota per mezzo della quale spiega che “non offriremo alcun tipo di compensazione in Germania o in Europa. Abbiamo già trovato una soluzione per risolvere il problema”. Il rimedio è un filtro dell’aria, valutato 10 euro, la cui efficacia è già stata provata dalla motorizzazione tedesca (qui per saperne di più).
 
1000 DOLLARI NEGLI USA - La Volkswagen, nell’interpretazione del Financial Times, è sicura di poter risolvere la vicenda mettendo in regola i motori, senza fornire un bonus per scusarsi dell’accaduto: negli Stati Uniti la Volkswagen ha fornito alle persone coinvolte nel Dieselgate un indennizzo dal valore pari a 1000 dollari. Tale decisione si spiega con la differente posizione occupata dall’azienda sui due mercati: negli Stati Uniti la Volkswagen non è leader del mercato e deve pertanto accattivarsi la clientela in ogni modo possibile, mentre in Europa non ha questa esigenza.
Volkswagen Golf
TI PIACE QUEST' AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
229
164
118
82
181
VOTO MEDIO
3,2
3.229975
774
Aggiungi un commento
Ritratto di Sepp0
22 gennaio 2016 - 12:02
"Il rimedio è un filtro dell’aria, valutato 10 euro". Quindi noi dovremmo credere che hanno fatto tutto sto casino col firmware correndo rischi pazzeschi... per non spendere a monte 10 euro di filtro dell'aria. E poi c'era la marmotta che incartava la cioccolata...
Ritratto di Porsche
22 gennaio 2016 - 12:10
quello che non è chiaro è che il software era per gli USA, nella UE non serviva.
Ritratto di Highway_To_Hell
22 gennaio 2016 - 12:21
Quello che è chiaro è che tu di questa vicenda hai capito davvero poco o nulla...
Ritratto di Porsche
22 gennaio 2016 - 12:23
detto da te è un complimento.
Ritratto di Highway_To_Hell
22 gennaio 2016 - 12:26
No, quella detta da me è la pura constatazione di un fatto su alcune limitate capacità...
Ritratto di Porsche
22 gennaio 2016 - 12:27
ok va bene, la frode nasce per la UE. Così stai più sereno.
Ritratto di hulk74
22 gennaio 2016 - 13:15
Se in Europa non serve , allora perché sarebbe fuorilegge? Evidentemente qualcosa c'è Ma il problema è che chi ha preso VW, continua con vw Quindi perché pagare
Ritratto di str
22 gennaio 2016 - 18:41
Se uno è innamorato non gli cambi idea adesso, continuerà a sentirsi una vittima. Chi era un pò informato sapeva già chi era il carnefice ed evitava certi acquisti incauti.
Ritratto di Davelosthighway
23 gennaio 2016 - 13:16
Quoto Sepp sul fatto che Porsche non ha capito proprio niente . Pure in UE i software di manipolazione emissioni sono illegali. Sul fatto poi che le case si autocertificano le emissioni in casa e della mancanza della sorveglianza questo é un altra cosa
Ritratto di Sepp0
22 gennaio 2016 - 12:33
Sì, era per gli USA, ma l'hanno montato pure qui e i veicoli coinvolti sono molti più che negli USA. Se non serviva a un tubo, perchè montarlo worldwide, quando ovunque tranne che negli USA bastava un filtro dell'aria da 10 euro per rientrare nei limiti?
Pagine