NEWS

Giugiaro presidente di Transportation Design allo IAAD

28 gennaio 2016

Il grande designer metterà a disposizione la proprie competenze degli studenti.

Giugiaro presidente di Transportation Design allo IAAD
PUNTO DI RIFERIMENTO - Giorgetto Giugiaro (al centro nella foto) è stato nominato Presidente e Maestro del dipartimento di Transportation design presso lo IAAD di Torino, facoltà sorta nel 1978 e diventata da allora un vero punto di riferimento nella formazione privata successiva al diploma ed alla laurea: gli studenti raggiungono qui un elevato livello di specializzazione ed acquisiscono competenze specifiche nello studio dei principali mezzi di trasporto. La cerimonia si è svolta giovedì 28 gennaio presso il Museo dell’Automobile di Torino. Giugiaro metterà a disposizione le sue enormi competenze in materia di design e cultura automobilistica, non ricoprendo però un ruolo attivo ma “soltanto” di guida e di supervisione.
 
DALLA STORIA ALLA PROGETTAZIONE - L’Istituto d'Arte Applicata e Design (IAAD) va considerato l’università italiana per il design. I suoi studenti ricevono nozioni relativa a settori molto differenti, fra cui ad esempio quello automobilistico e quelli relativi alla moda, al restauro ed all’amministrazione del patrimonio artistico. Nel nostro paese lo IAAD si trova a Torino ed a Bologna, ma in Francia sono presenti cinque sedi ed il numero complessivo di studenti è superiore alle 5.000 unità. Il corso di Transportation design prevede una base di storia e critica dello stile automobilistico, che forniscono il lasciapassare verso discipline molto più specialistiche: i docenti insegnano per esempio scienze e tecnologie dei materiali, tecniche di rappresentazione, psicologia della forma, disegno a mano libera e l’utilizzo di software necessari alla progettazione, come Photoshop, Alias e Rhino. Il corso di Transportation design è a numero chiuso.
 
DA BERTONE PER GLI SCI - La presenza di Giugiaro rappresenta un indubbio valore aggiunto per l’istituto, che acquisirà in tal modo ulteriore richiamo dall’estero. Il 68enne di Garessio va infatti considerato uno fra i più influenti e capaci designer nella storia dell’automobile: la sua mano ha disegnato vetture di notevolissimo significato, come ad esempio la Fiat Panda (1980), la Lancia Delta (1979) e la Volkswagen Golf (1974). Giugiaro ha iniziato la propria carriera alla Bertone e da lì sarebbe poi passato alla carrozzeria Ghia, prima di mettersi in proprio e dare origine alla Italdesign. Bertone si accorse immediatamente della sua bravura e gli chiese di progettare una coupé per l’Alfa Romeo, che sarebbe poi diventata la 2600 Sprint. “Dalla tensione non riuscii a deglutire per i successivi sei mesi” ha spiegato Giugiaro durante la conferenza stampa di questa mattina (nelle foto) nella quale è stata annunciata la sua nomina. “Fu il primo progetto ad essere approvato. Quel ricordo è fra i migliori della mia carriera”.
Aggiungi un commento
Ritratto di SINISTRO
29 gennaio 2016 - 09:22
3
Complimenti per la Moderatrice...