NEWS

Honda Clarity: in vendita a 60.000 dollari

24 gennaio 2016

La berlina ad idrogeno arriverà negli Usa entro fine 2016. Sarà disponibile solo in California con la formula del leasing.

Honda Clarity: in vendita a 60.000 dollari
SI COMPRA O SI NOLEGGIA - La Honda Clarity ha l’aspetto di una tradizionale berlina a quattro porte, ancorché dallo stile molto più coraggioso ed elaborato rispetto alla media. La sua carrozzeria nasconde in realtà una meccanica di prim’ordine: il motore elettrico viene alimentato da una cella a combustibile (fuel cell), la cui fonte di energia è l’idrogeno contenuto all’interno di un serbatoio ad alta pressione. La Honda Clarity va pertanto considerata una fra le primissime vetture di serie ad utilizzare questo tipo di carburante. Tale novità si riflette nel prezzo di listino: la berlina giapponese sarà in vendita entro la fine del 2016 ad una cifra vicina ai 60.000 dollari (55.000 euro al cambio corrente), ma potrà essere noleggiata versando circa 500 dollari (460 euro) al mese. 
 
PREZZI SIMILI ALLA MIRAI - La formula di pagamento della Honda Clarity è molto simile a quella stabilita per la Toyota Mirai, l'unica vettura di serie a celle di combustibile oggi in vendita: la Mirai può essere acquistata a 58.335 dollari o noleggiata a 499 dollari al mese, cifra nella quale rientra la disponibilità gratuita di idrogeno per un tempo massimo di tre anni. Non è chiaro se la Honda preveda agevolazioni di questo tipo, come va ancora stabilita l’esistenza di un eventuale anticipo: il noleggio della Mirai viene sbloccato versando 3.649 dollari al momento della firma, ma questa eventualità non viene al momento citata dalla Honda. L’azienda ha stabilito in ogni caso di offrire la Clarity inizialmente sotto forma di noleggio, per poi iniziare la vendita “libera” quando il mercato sarà più maturo. 
 
Honda Clarity
 
SOLO IN CALIFORNIA - La Honda Clarity sarà ordinabile in quattro aree selezionate della California, all’interno di punti vendita certificati: questi si trovano a Los Angeles, nella Contea di Orange, nell’area della Baia di San Francisco ed a Sacramento. La Honda si aspetta numeri di vendita molto contenuti, in rapporto alle dimensioni ancora poco sviluppate del mercato automobilistico per le vetture ad idrogeno: basti sapere che in tutti gli Stati Uniti vi sono appena 14 distributori di idrogeno. La berlina va pertanto considerata una sorta di manifesto tecnico: porta all’esordio una tipologia di alimentazione che potrebbe conquistare in futuro una schiera di fedelissimi, ma allo stesso tempo fa da traino a modelli più tradizionali e di volume. Nel 2018, ad esempio, verrà lanciata sul mercato una ibrida con batterie ricaricabili (plug-in) costruita sulla medesima piattaforma della Clarity.
 
IBRIDO DI NUOVA FATTURA - Questa vettura porterà all’esordio uno schema ibrido di seconda generazione, chiamato i-MMD, che la Honda ritiene più evoluto rispetto al sistema ibrido della Accord Plug-In Hybrid: la tecnologia è molto simile, ma le batterie saranno più moderne e garantiranno percorrenze maggiori. La Honda dichiara un’autonomia in modalità elettrica superiore di circa 20 chilometri rispetto alla Accord ibrida, capace di “soli” 24 chilometri. L’azienda sottolinea che i circa 45 chilometri di autonomia “elettrica” sono più che sufficienti per consentire alla maggior parte degli automobilisti statunitensi di compiere i loro trasferimenti giornalieri senza produrre emissioni nocive, anche viaggiando lungo tratti autostradali.
 
 
IL PIENO IN TRE MINUTI - La Honda Clarity 2016 rappresenta l’ultima evoluzione di un progetto risalente al 2002, quando la Honda stabilì di impegnarsi con decisione su una vettura alimentata ad idrogeno. Da allora ha realizzato tre generazioni di auto a idrogeno (le altre sono le FCX del 2002 e FCX Clarity del 2008) che sono state dati in leasing solo a clienti selezionati e istituzioni. La Clarity è una berlina lunga 489 cm, a quattro porte, dai numeri non troppo diversi rispetto ad una comune berlina per le famiglie: la casa giapponese dichiara una potenza massima di 177 CV ed un’autonomia di 700 chilometri, sufficienti per eliminare la percezione di avere i chilometri contati (tipica delle auto elettriche). Bastano circa tre minuti per effettuare un pieno di idrogeno. L’aspetto tecnologico della carrozzeria si riflette anche nell’abitacolo, dove sono presenti la strumentazione digitale ed un ampio schermo a sfioramento: da qui è possibile gestire buona parte delle funzioni.
Honda Clarity Fuel Cell
TI PIACE QUEST' AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
3
4
0
4
VOTO MEDIO
3,9
3.92
25
Aggiungi un commento
Ritratto di ROSSIFUMI
24 gennaio 2016 - 13:24
Maremma se è brutta.
Ritratto di Giovannona Coscialunga
24 gennaio 2016 - 13:32
Mamma mia che cesso! Proprio 60 mila euro buttati nel cesso!
Ritratto di impala
25 gennaio 2016 - 20:47
... si sa che i Giapponesi sono fortissimi nella tecnica, ma come fanno per fare auto cosi brutte ... questa auto mi lascia senza voce.
Ritratto di Pelide
24 gennaio 2016 - 13:41
Ne venderanno 4 o 5.
Ritratto di MAXTONE
24 gennaio 2016 - 14:19
Mi piace un botto per questo aspetto così high-tech da auto di Robocop, non è bella ma proprio come la Mirai, ha questo fascino da auto del futuro. Mi ricorda molto anche la nuova Civic sebbene quest'ultima abbia ovviamente equilibri migliori. Detto ciò mi piace molto anche per le soluzioni tecniche adottate, sulla carta validissime, da verificare poi con prova su strada.
Ritratto di MAXTONE
24 gennaio 2016 - 14:25
Osservandola più attentamente si capisce bene che se avesse avuto le ruote poste agli angoli estremi della scocca (e magari poco più grandi) sarebbe stata canonicamente bella come la Model S, il fatto e' che quando sotto una carrozzeria si cela tutto quel ben di di0 non e' compito facile per i designer
Ritratto di MAXTONE
25 gennaio 2016 - 00:38
No
Ritratto di FRANCESCO31
24 gennaio 2016 - 15:33
non sarebbe meglio usare un SUV x costruire queste auto a idrogeno ?
Ritratto di honda forever
24 gennaio 2016 - 21:07
Quattro o cinque saranno acquistate dalla sola Wolkswagen per studiarne gli accorgimenti tecnici e costruttivi,un po' come accadde ai tempi della nascita della golf quando si riportarono in Germania qualche Fiat 128 per farle a pezzi e copiarne cambio ed altro.
Ritratto di ngelotto
24 gennaio 2016 - 23:20
1
Tra le japponesate di quest'anno questa è la più ridicola, ma che roba è? L'auto di mazinga?
Pagine