NEWS

La Kia raddoppia l’Optima ibrida

12 febbraio 2016

Oltre all’ibrida riveduta e corretta, inedita la Kia Optima plug-in Hybrid con autonomia prossima ai 1000 km dichiarati.

La Kia raddoppia l’Optima ibrida
DUE MEGLIO DI UNA - Al pari della crossover Nitro, potrebbe avere un futuro europeo la Kia Optima ibrida: o, meglio, le due varianti della berlina esposte al Salone di Chicago. Parte della famiglia EcoDynamics, la Optima è disponibile nella variante ricaricabile plug-in (PHEV) o non ricaricabile (HEV). La prima promette un tempo di ricarica pari a tre ore con un caricabatteria dedicato; collegandosi alla normale rete di casa, il tempo richiesto triplica. La PHEV è inedita, mentre la versione HEV era già presente nella gamma della generazione precedente della Kia Optima (qui per saperne di più).
 
ACCORGIMENTI SPECIFICI - Entrambe le Kia Optima ibride mantengono la stessa linea, classicheggiante ma aerodinamica (con un coefficiente di penetrazione dichiarato pari a 0,24) delle sorelle a benzina di recente introduzione: presenti le griglie attive, che si aprono e chiudono automaticamente ad alta e bassa velocità, ma alcuni particolari sono differenti per ridurre la resistenza all’avanzamento - dai paraurti ai cerchi in lega. La PHEV, inoltre, presenta uno sportello per la ricarica da rete elettrica. 
 
Kia Optima ibrida
 
IN TANDEM - La Kia Optima HEV ha ora un motore termico 2.0 GDI da 154 CV per il quale viene dichiarata una maggiore efficienza, con cambio a 6 marce rivisto rispetto al precedente con convertitore di coppia, e un’unità supplementare da 52 CV; la potenza complessiva dichiarata è di 193 CV. Il motore elettrico che sfrutta una batteria agli ioni di litio da 1,62 kWh alloggiata sotto il divano posteriore: più compatta rispetto a prima, ha permesso ai progettisti di mantenere il pratico sedile frazionabile (60%-40%).
 
LA PLUG-IN DURA DI PIÙ - La Kia Optima PHEV (nelle foto sopra), cioè l’ibrida ricaricabile, prevede un motore elettrico maggiorato (da 68 CV): l’autonomia complessiva sfiora dichiaratamente i 1000 km nel più favorevole dei casi. Tre le modalità di guida: quella completamente elettrica, quella ibrida (con il motore elettrico a supporto di quello termico) e quella dedicata alla ricarica della batteria, utilizzando il motore termico (anche) come generatore. Non manca su entrambe il sistema chiamato Driver Assistance System che consiglia lo stile di guida più appropriato, oltre a un buon numero di sistemi per l’assistenza alla guida - dalla frenata d’emergenza al controllo dell’anglo cieco fino al dispositivo anticollisione e al mantenimento della carreggiata.
Kia Optima
TI PIACE QUEST' AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
19
23
21
6
14
VOTO MEDIO
3,3
3.3253
83
Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
12 febbraio 2016 - 12:25
Per la redazione: alla prima riga avete scritto "Nitro", un modello Dodge, quello della Kia è "Niro".
Ritratto di AMG
13 febbraio 2016 - 00:01
Reputo la Optima un validissimo e signor mezzo. Con un rapporto qualità prezzo veramente allettante.
Ritratto di Emmanuel Wönhart
13 febbraio 2016 - 20:15
Mi è sempre piaciuta,in questa veste ibrida poi è molto interessante ed è anche molto elegante,sarebbe bello vederla in variante sw visto che queste berlinone qui in Europa si vendono solo se premium...da tenere d'occhio
Ritratto di narvallinos
15 febbraio 2016 - 17:57
1
Mi piaciono molto i vari dispositivi del modello Optima quella di grado superiore,veramente in gamba le tre modalità d'impiego,ma per mè è una macchina super-costosa,m'orienterò sulla Yaris Ibrida da 101 Cv 100 e un n° da vomito come 1940 o 1941,li 1941 ci stà dentro l'altro non dice niente come 100 o 101,la cabala e la numerologia sono esoteriche ma ci prendono,cribbio! Appena mi metto ha fare dei conti una Prof. di Matematica si fa viva!Chi vuol capire,capisca!Aug.