NEWS

Tokyo Auto Salon: Mazda e Suzuki tra le protaoniste

2 gennaio 2016

Alla rassegna del tuning la Mazda e la Suzuki presenteranno diverse proposte di allestimenti dei loro principali modelli.

Tokyo Auto Salon: Mazda e Suzuki tra le protaoniste
ELABORAZIONI DI TONO - Il 15 gennaio aprirà i battenti il Tokyo Auto Salon 2016, rassegna di tre giorni specializzata nelle proposte di tuning e fuoriserie, ma dove le case costruttrici non disdegnano di esporre proposte per il futuro, in genere dai toni piuttosto forti. Lo testimoniano la presenza della Mazda e della Suzuki entrambe impegnate con diverse concept car in sintonia con la filosofia della rassegna. La Mazda porterà al Tokyo Auto Salon cinque proposte, la Suzuki tre.
 
MAZDA CON QUATTRO MODELLI - Le concept-elaborazioni della Mazda hanno come base i modelli MX5 (la nuova edizione, quella “cugina” della Fiat 124 Spider), la CX-3, la Mazda 6 e la Mazda 2. Addirittura due sono le proposte sviluppate sulla base della MX5: una che punta sulla sportività elegante, l’altra guarda alla pista.  La prima si presenta in una raffinata tonalità grigia con motivi di rosso nelle parti aerodinamiche e gruppi ottici anteriori bruniti. All’interno i sedili Recaro hanno rivestimenti in pelle e Alcantara. 
 
 
UNA MX-5 CHE PENSA ALLE CORSE - La seconda proposta su base MX5 si chiama Mazda MX-5 NR-A Racing Spec ed è impostata appunto come per un futuro agonistico. Abbondano gli elementi aerodinamici e nell’abitacolo si fa notare il rollbar. Si vedrà se la Mazda comunicherà qualcosa in merito a possibili programmi sportivi. Per quanto riguarda la Mazda CX-3 (foto qui sopra) la preparazione ricalca un po’ quella messa a punto per la MX5 stradale: dunque soluzioni eleganti e raffinate, ma abbinate a un tono sportivo fatto di motivi grafici color rosso, richiamati poi dalle pinze dei freni e da inserti rossi nei cerchi. All’interno, i sedili hanno rivestimento totalmente in Alcantara, anche qui con una presenza di rosso, come le cuciture. Anche per la “piccola” Mazda2 è stata pensata una interpretazione sportiva, ma in questo caso in chiave rallistica. La Mazda 2 è stata allestita con tutto quanto si ritrova appunto sulle vetture impegnate nelle gare rallistiche: rollbar a gabbia, appunto di derivazione sportiva, e cerchi in lega della OZ “vestiti” di pneumatici in sintonia. All’esterno si notano anche i paraspruzzi tipici delle vetture impegnate nei rally. 
 
TANTO BON TON PER LA “6” - Infine la Mazda 6, che in qualità di ammiraglia della gamma non può che puntare sull’eleganza e il bon ton. Rispetto alla versione di serie varia le appendici aerodinamiche, ovviamente discrete, ma comunque differenti da quelle della Mazda6 nota, così come gli elementi aerodinamici laterali, cioè le “minigonne”. Differenti anche i paraurti e i cerchi. 
 
 
SUZUKI PENSA ALL’ACQUA - Tre sono invece le proposte Suzuki: la Ignis Water Activity (nella foto di apertura più in alto), la Hustler Rough Road e la Alto Works GP (qui sopra). La Ignis Water Activity è allestita pensando al tempo libero trascorso con spirito d’avventura. Sotto alla vettura vi sono abbondanti protezioni che assieme alle ruote di dimensioni generose fanno pensare a impieghi su piste e sterrati, mentre il colpo d’occhio è dominato dal color verde integrato da inserti arancioni. Completa, e rende esplicita, la declinazione “acquatica” della Ignis Water Activity la Canoa installata sulle barre portapacchi sul tetto.
 
PER FARSI NOTARE - La Hustler Rough Road non lascia dubbi fin dal primo sguardo: la sua natura originaria di piccola 4x4 è accentuata dall’assetto rialzato e dalla vistosa livrea gialla con ancora più vistosa scritta “Hustler”. Completano la personalità della vettura le griglie di protezioni ai fari e la “slitta” protettiva sotto il vano motore. Per quanto concerne la meccanica la Hustler Roug Road ha sospensioni irrobustite. Ci sarà poi la Alto Works GP, caratterizzata da un allestimento decisamente sportivo con riferimento al team Suzuki del campionato MotoGP. La livrea è infatti blu elettrico con inserti gialli. Ma non di solo gioco cromatico si tratta: il cofano della Alto WorkGP è in fibra di carbonio, così come specifici sono i cerchi. Non ci sono invece notizie su novità particolari sotto il cofano della Alto WorkGP.
Aggiungi un commento
Ritratto di MAXTONE
2 gennaio 2016 - 12:32
Davvero pregevole la Alto Works GP con quella livrea e il cofano in carbonio non mi dispiacerebbe affatto averne una. Mi lascia interdetto il nome "Hustler" il cui significato in italiano e' spesso riconducibile a un termine non proprio edificante che inizia per Z e finisce per A, 7 lettere :D
Ritratto di Fabio_01
2 gennaio 2016 - 14:22
Fanno tutte schifo
Ritratto di SINISTRO
2 gennaio 2016 - 15:19
3
dai, addirittura..
Ritratto di Fabio_01
2 gennaio 2016 - 16:30
Ma le hai viste??
Ritratto di SINISTRO
2 gennaio 2016 - 17:52
3
per il Brasile, ok.
Ritratto di Fabio_01
2 gennaio 2016 - 17:57
Per me non sono belle da nessuna parte del mondo poi ognuno ha i propri gusti
Ritratto di ivanvalenti
2 gennaio 2016 - 14:39
1
carine!
Ritratto di Fabio_01
2 gennaio 2016 - 17:44
Ma vero fai?
Ritratto di ivanvalenti
2 gennaio 2016 - 18:15
1
mi piacciono i colori della ignis, poi la cx3 è davvero bella (anhe in versione "normale").
Ritratto di Fabio_01
2 gennaio 2016 - 18:39
A me piace l'Atenza
Pagine