NEWS

Volkswagen: iniziano i richiami dei diesel

2 febbraio 2016

Gli interventi si concluderanno entro fine 2016 e dureranno fino ad un massimo di 45 minuti.

Volkswagen: iniziano i richiami dei diesel
TEMPI E MODALITÀ DIVERSE - La Volkswagen Amarok è il primo modello ad essere richiamato nelle officine per l’aggiornamento del motore 2.0 TDI. L'intervento è necessario per rendere conformi i motori a gasolio sui quali era installato il software per ridurre in maniera artificiosa le emissioni inquinanti di ossidi d’azoto (NOx) durante i test. Il richiamo si svilupperà in diverse fasi e con varie modalità: per primi verranno richiamate l’Amarok, le Passat e tutte le automobili con motore 2.0 TDI, seguite dalle vetture con motore 1.2 TDI e 1.6 TDI. La Volkswagen promette di richiamare tutte le automobili entro fine 2016. I clienti verranno informati per iscritto e dovranno poi fissare un appuntamento con l’officina di riferimento.
 
MODIFICHE HARDWARE SUL 1.6 - Saranno coinvolti nel richiamo tutti i motori a gasolio appartenenti alla famiglia EA189, ovvero i 1.2 TDI, 1.6 TDI e 2.0 TDI montati su svariate automobili dell’Audi, della Seat, della Skoda e della Volkswagen. La casa tedesca ha comunicato che il 1.2 TDI ed il 2.0 TDI riceveranno un aggiornamento di natura software, la cui installazione richiede meno di 30 minuti. Il 1.6 TDI necessita invece di un intervento più significativo: i tecnici dell’officina dovranno modificare il codice software ed installare uno stabilizzatore di flusso all’interno del condotto di aspirazione dell’aria, che l’azienda descrive come “una griglia che riduce la formazione di vortici d’aria ed aumenta la precisione nella misurazione del flusso”. In questo caso l’intervento durerà circa 45 minuti. Le misure correttive sono state approvate dall’Autorità Federale per i Trasporti tedesca (KBA).
 
PRESTAZIONI INVARIATE - La stessa KBA ha confermato che le modifiche non incideranno sui consumi, sulle prestazioni, sulle emissioni di anidride carbonica e sull’inquinamento acustico. Il richiamo verrà esteso nelle prossime settimane a diverse versioni della Passat e ad altre vetture con motore 2.0 TDI. Dalla fine del secondo trimestre toccherà poi alle automobili equipaggiate con il 1.2 TDI, seguite nel terzo trimestre dai veicoli con motore 1.6 TDI. La Volkswagen sottolinea come i richiami verranno gestiti in “accordo con le autorità competenti e secondo i requisiti nazionali”. Il significato dell’operazione è rimarcato dalla presenza congiunta del Ministro dei Trasporti tedesco (Alexander Dobrindt) e del Presidente della Volkswagen (Herbert Diess), presenti entrambi nell’officina di Berlino (nelle foto) dov’è giunto un Amarok fra quelli richiamati. Ora per il gruppo Volkswagen rimane da chiarire la portata degli interventi per il mercato nord americano, dove non è ancora stata approvata dalle autorità una soluzione al problema.
Aggiungi un commento
Ritratto di FERRARI F1
2 febbraio 2016 - 18:48
Finalmente che iniziano i richiami dei motori diesel per Volkswagen.
Ritratto di MAXTONE
2 febbraio 2016 - 21:21
Ah ma io il ricircolo continuerò a metterlo in funzione quando avrò un diesel davanti, qualunque marca e modello esso sia.
Ritratto di Gasswagen
3 febbraio 2016 - 10:23
Ma questi stanno prendendo per il fondoschiena (eufemismo) tutta lItalia (dell'Europa non me ne frega niente). Cioè: una modifichina al software da 15 minuti perchè ci pensa il PC, un tubetto e alè. Ma perchè non l'hanno fatto subito. Costo zero per l'uno e 10 Euro per l'altro. Ma questi sono dei malandrini con tanto di patente, mentre i clienti sono degli sprovveduti imbarazzanti. Morale della favoletta: IMMORALI tutti!!!
Ritratto di Avant88
2 febbraio 2016 - 19:01
Da quello che si sente in giro i clienti se non arriverà qualche obbligo del governo non ci andranno in molti a farsi risistemare la macchina
Ritratto di PongoII
2 febbraio 2016 - 19:31
5
Più che obblighi del Governo immagino possano quelli delle norme fiscali... Se guidi una E5 o 6 che invece è una E3 e non approfitti della regolarizzazione, quantomeno ti verrà chiesto di pagare il bollo relativo...
Ritratto di PongoII
2 febbraio 2016 - 19:35
5
Volendoci speculare con un po' d'ironia... ma chi controllerà che il nuovo software sia corretto? Il leggere che la prima auto giunta dal "dottore" sia stata ... un'utilitaria, cioè un'Amarok, il pick up con l'imprecazione incorporata, fa capire il perché VW abbia rischiato (riuscendoci) di gettare decenni di rispettabilità nel WC...
Ritratto di SR71s
2 febbraio 2016 - 21:46
Cominciano le risate. Raga, volevo trasformare la mia Euro 5 in una Euro 7. Ho trovato un kit da 20€ su amazon che prevede una griglia stabilizzatrice di flusso ottimizzata + software ottimizzato da ammiocuggino. Ho letto che aumenta la potenza di 10 cv! Esperienze? Me lo consigliate?
Ritratto di Subaru_Impreza
2 febbraio 2016 - 22:39
Si, ne ho sentito parlare, sembra un affarone. Io invece pensavo di mettere il tubo della caldaia al posto del condotto di aspirazione così diventa almeno euro 8 e sto a posto per un po', un mocio Vileda al posto del filtro dell'aria per canalizzare meglio i flussi e poi magari faccio un salto dal ferramento per una bella calamita potente da mettere nel catalizzatore, così trattiene gli ossidi (se sono ossidi saranno di ferro...) e divento amico dell'ambiente.
Ritratto di mirko.10
2 febbraio 2016 - 22:59
Hahaha! Attento che ti rubano l'idea in vw...brevettala, traducila in tettesco e spedisci. Sostituiresti Muller licenziato che voleva raddoppiare gli investimenti....ahahahah!
Ritratto di AlexTurbo90
4 febbraio 2016 - 00:34
Ahahahahah
Pagine