PRIMO CONTATTO

BMW i3: scatta bene e fa più strada

Sempre vivace come una sportiva, la BMW i3 aumenta la propria autonomia di oltre il 50%: la percorrenza dichiarata è ora di 300 km. L'accesso al divano, però, è sempre scomodo, e il baule è di piccole dimensioni.

18 novembre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 37.700
  • Consumo medio

    - km/l
  • Emissioni di CO2

    0 grammi/km
  • Euro

    -
BMW i3
BMW i3 125 kW
“Bruciasemafori”

bmw i3

La BMW i3, l’utilitaria di lusso completamente elettrica, ha ora nuove batterie agli ioni di litio. La capacità passa da 60 a 94 Ah: quanto serve per garantire, secondo la casa, un’autonomia di 300 chilometri contro i 190 km di prima (vedi qui http://www.alvolante.it/prova/bmw-i3), un balzo di oltre il 50%. La nuova versione da 94 Ah non sostituisce però la precedente, da 60 Ah, che rimane a listino a 1.200 euro in meno. Detto delle batterie, nel nostro test la vettura si è confermata agile e vivace: i 170 CV del motore elettrico (che aziona le ruote posteriori) la rendono molto scattante, e lo “0-100” dichiarato (lievemente peggiore, passando da 7,2 a 7,3 secondi a causa del peso cresciuto da 1205 a 1245 kg) ci è sembrato credibile. Merito non solo del favorevole rapporto tra il peso e la potenza della vettura, ma anche della robusta coppia motrice (250 Nm) che il motore elettrico rende disponibile da 0 fino a 4800 giri.

Percorrenze? Dipende

bmw i3

Prima, la BMW i3 si guidava senza pensieri solo in città; adesso è anche utilizzabile per qualche tragitto fuori porta. Anche se  i 300 km dichiarati dalla casa sono pressoché teorici, ottenibili cioè in condizioni d’utilizzo ideale, e guidando a “fil di gas”: nella realtà, nell'utilizzo urbano, stimiamo che si possano percorrere circa 170 km. Il tempo di ricarica è di 10 ore da una presa casalinga, ma scende drasticamente (fino a 1 ora) da una colonnina rapida. L’utilitaria bavarese viene venduta con motore solo elettrico a 37.700 euro oppure, a 4.650 euro in più, in versione Range Extender, che aggiunge un motore bicilindrico a benzina che subentra quando le batterie rimangono senza corrente e garantisce un’autonomia supplementare di 150 km. 

Basta farci l’abitudine

bmw i3

La BMW i3 è silenziosa, ma occorre sempre un po’ d’abitudine nel dosare il piede sull’acceleratore, così da evitare che il freno motore diventi fastidioso. Lo sterzo diretto, dal raggio di svolta corto, consente inversioni a U in spazi piccoli. Tuttavia, i cerchi grandi, le gomme ribassate e le sospensioni rigide mal si conciliano con le rotaie e il pavé. Una vettura dal design personale, con interni futuribili e realizzati con molta cura. Non comodissima, però, per chi deve entrare e sedersi sul divano: occorre chinarsi, anche se non si è molto alti. E la capacità del bagagliaio, a causa della meccanica sottostante, non è il suo forte: solo 260 litri, incluso il mini-scomparto anteriore.

Secondo noi

bmw i3

PREGI
> Interni
. Personali, futuribili e realizzati con molta cura. 
> Maneggevolezza. 
L’auto sguscia nel traffico, piccola e veloce. 
> Scatto. L’accelerazione è fulminea: merito del motore elettrico.

DIFETTI
> Accessibilità posteriore. Per sedersi sul divano occorre chinarsi, anche se non si è molto alti.


> Bagagliaio. Solo 260 litri di capacità dichiarata, incluso il mini-scomparto anteriore.
> Comfort sulle buche. Sospensioni solide e cerchi di diametro elevato: le buche delle nostre città si sentono.

SCHEDA TECNICA
Motore elettrico trifase
Potenza massima kW (CV)/giri 125 (170)/4800
Coppia max Nm/giri 250/-4800
Tipo batteria ioni di litio
Tensione - capacità 360 V - 33 kWh
Tempo massimo ricarica 10 ore (a 220 V)
Autonomia 300 km
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) -
Accelerazione 0-100 km/h (s) -
Consumo medio (km/l) -
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 400/178/160
Passo cm 257
Peso in ordine di marcia kg 1245
Capacità bagagliaio litri 260/1100
Pneumatici (di serie) 155/70 R19
BMW i3
TI PIACE QUEST' AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
41
25
42
36
108
VOTO MEDIO
2,4
2.424605
252
Aggiungi un commento
Ritratto di v8sound
18 novembre 2016 - 13:52
E certo, viste le immense file fuori dai concessionari per ordinare l'auto elettrica...
Ritratto di AlexTurbo90
18 novembre 2016 - 15:00
@V8Sound Ahahahah! Seriamente, 300 Km sono ancora troppo pochi per poter pensare ad un uso "a tutto tondo" dell' auto. E poi non capisco perché deve essere così dannatamente potente... se avesse 130 cv (massimo 150), potrebbe arrivare abbastanza facilmente a 500 km di autonomia.
Ritratto di v8sound
18 novembre 2016 - 15:24
Non penso sinceramente che l' autonomia sia il vero problema delle elettriche. Facciamo che per esempio l' autonomia reale sia di 150 km, considera quanti automobilisti non percorrono giornalmente nemmeno la metà di quel chilometraggio. E' pure vero che se fosse anche per 1 volta all' anno che hai l' esigenza di percorrere più km ti troveresti in difficoltà. Però magari come seconda auto non lo vedrei un gran problema quello dell' autonomia e, tutto sommato, nemmeno come prima auto per una parte di automobilisti. Riguardo all' ipotesi che fai, ovvero di un motore meno spinto che permetterebbe percorrenze più elevate, non penso che la cosa sia così automatica, in quanto nell' articolo stesso è scritto che alle percorrenze dichiarate si arriva in condizioni di guida "ideali", poi stimano 170 km effettivi nella guida urbana, dove comunque per muoverti necessiti solo di una parte della potenza disponibile. Un saluto.
Ritratto di v8sound
19 novembre 2016 - 14:45
Le auto ibride sono accettate con maggior facilità dall'automobilista medio, perché non lo metti di fronte a qualcosa che rivoluziona il concetto canonico di automobile, inoltre l' ibrido costa un po' di più della corrispondente versione solo endotermica, ed è una tecnologia piuttosto versatile, tant'è che nelle varie "ricette" è applicato ad utilitarie da città (es. Yaris) e su ipersportive (es. LaFerrari e 918). Nonostante ciò, aldilà delle chiacchere, le ibride sono ancora un numero marginale sul totale dell'immatricolato, che però dovrebbe crescere proprio perché molte case punteranno, giustamente a mio parere, su questa tecnologia. Per l' elettrico il discorso è molto diverso, ti sposta moooooolto più dell' ibrido dall' auto tradizionale. 10 anni fa molte persone e "professionisti" dell' automotive dicevano che nel giro di qualche anno si sarebbero vendute solo auto elettriche.... Infatti i listini pullulano di auto elettriche.... Ma dai, non ti rendi conto che oltre il 50% dell' offerta sull' elettrico di fatto sono 2 - 3 progetti partiti anni addietro e via via affinati perlopiù per passare da 150 km di autonomia dichiarata a 250 - 300? Poi perché la gente dovrebbe comprarsi l'auto elettrica? Costi/km (considerando tutte le voci di spesa) superiori, autonomia comunque limitata, smaltimento batterie esauste... senza considerare che in Italia l' energia elettrica è prodotta solo in parte da fonti rinnovabili!
Ritratto di mArCo1928
23 novembre 2016 - 13:17
Un commento più idi0ta non ti è venuto in mente?
Ritratto di Probabilmente
18 novembre 2016 - 10:47
Tamburi al posteriore? Si tratta di un refuso oppure sono davvero così spilorci alla BMW?
Ritratto di admin
18 novembre 2016 - 21:02
L'errore è stato corretto, grazie della segnalazione.
Ritratto di v8sound
18 novembre 2016 - 13:48
Ritorno degli aspirati in F1? Magari!!!!!
Ritratto di nicktwo
18 novembre 2016 - 14:05
eppure una 500abarth hibrida leggera, in modo da essere anche ecofriendly oltre che friendly in tutto il resto come lo e' gia', penso che su questo sito la vorrebbero in tanti... saluti
Ritratto di lordpba
18 novembre 2016 - 15:46
7
"una 500 abarth ibirda eco-friendly"??? Mi si e' bloccata la digestione scusami...
Pagine