PRIMO CONTATTO

Ferrari California T: quando la cabrio sfodera gli artigli

Col nuovo pacchetto Handling Speciale, la Ferrari California T baratta un pizzico di comfort per una maggiore reattività: risultato, emozioni in abbondanza. Quei comandi, però…

9 marzo 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 190.920
  • Consumo medio

    9,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    250 grammi/km
  • Euro

    6
Ferrari California T
Ferrari California T V8 turbo DCT
Col pacchetto guidi davvero
Ferrari California T
 
La Ferrari California T è una 2+2 (dietro i sedili anteriori c’è solo una coppia di strapuntini) dalla molteplice personalità. Lasciando briglia sciolta ai suoi 560 cavalli lo scatto è da levare il fiato, ma si può anche viaggiare in pieno relax, per godersi meglio il panorama, e sfruttare il tetto rigido retrattile (che si apre e chiude solo ad auto ferma) per un migliore comfort. Avevamo guidato la cabrio-coupé modenese un paio d’anni fa, al momento del lancio: oggi, però, il debutto del nuovo pacchetto Handling Speciale offre l’occasione per riparlarne. Per 7.076 euro aggiuntivi, infatti, una lunga serie di modifiche alla meccanica assicurano un’auto più adatta alla guida “d’assalto”, e ancor più coinvolgente.  
 
Cambia tanto ma si vede poco
Ferrari California T
 
Con il termine Handling, gli inglesi definiscono la guidabilità di un veicolo: le caratteristiche di sterzo, trazione, stabilità, tenuta di strada, maneggevolezza. Per ottenere un handling davvero… speciale, i tecnici della Ferrari sono partiti dall’adozione di molle delle sospensioni più rigide (del 16% davanti, del 19% dietro), in modo da ridurre le oscillazioni del corpo vettura in curva, in accelerazione e in frenata, rendendo quindi più rapide e prevedibili le reazioni. Hanno poi adeguato la risposta degli ammortizzatori (quelli adattativi a controllo magnetico costano 4.026 euro) e affinato l’elettronica di gestione della vettura, che, come nella Ferrari California T “normale”, è regolabile (tramite un “manettino” sul volante) in tre posizioni: Comfort, Sport ed Esc Off  (escludendo i controlli di stabilità e trazione, consente a chi ci sa fare, e in pista, una guida “senza filtri”). A completare il tutto, modifiche all’idraulica del cambio robotizzato a doppia frizione, che velocizzano drasticamente i passaggi di rapporto (del 30% in “salita” e del 40% in scalata) e nuovi terminali di scarico (ora con un risonatore, inseribile o meno tramite una valvola comandata elettronicamente) che garantiscono un suono più corposo (circa 3 dB in più) a tutti i regimi. Per riconoscere una Ferrari California T dotata del pacchetto Handling Speciale serve un occhio molto attento: a distinguerla provvede una targhetta nella parte posteriore del tunnel interno, mentre i quattro terminali di scarico sono in nero opaco invece che cromati. In quest’occasione, poi, la Ferrari ha introdotto anche la possibilità di avere il tetto e i cerchi in nero opaco: come nella California T che abbiamo guidato. 
 
Una “belva” che non fa paura
Ferrari California T
 
Per verificare appieno la portata delle modifiche sulla Ferrari California T, che (parola di Ferrari) balza da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e può toccare i 316 km/h, servirebbe un circuito. Noi, invece, abbiamo avuto a disposizione una strada stretta, tortuosa e infida: una pioggia insistente, culminata con una spruzzata di neve, aveva lasciato l’asfalto umido e sporco, senza contare che la temperatura prossima allo zero non andava molto d’accordo con i corsaioli pneumatici estivi. Onore al merito a chi ha messo a punto i controlli elettronici, allora: anche in condizioni così critiche, l’auto resta facile da gestire per chiunque, sicurissima eppure godibile. In uscita dalle curve più strette, bastava una lieve pressione sul pedale del gas per vedere lampeggiare a lungo la spia del controllo della trazione: le pur larghe gomme posteriori di 20” (optional, a 5.856 euro) alzavano presto bandiera bianca a fronte dei 615 Nm di coppia massima dell’otto cilindri turbo (la coppia è limitata elettronicamente nelle marce inferiori). Eppure, l’auto non si “piantava” affatto, accelerando con una certa rapidità e in buona progressione. Raggiunta una zona asciutta, poi, e passati in modalità Sport, ci siamo potuti godere meglio la rapidità e linearità d’inserimento in curva, la precisione dello sterzo (sempre leggero, ma in grado di fornire un’immediata confidenza), la potenza dei quattro freni a disco carboceramici e quel gran capolavoro nascosto sotto il cofano anteriore.
 
Voce stentorea
Ferrari California T
 
L’otto cilindri non ha guadagnato cavalli, anche perché non se ne sentiva il bisogno. Il nuovo impianto di scarico, però, gli conferisce una voce più adeguata a un motore che riporta la scritta Ferrari sui collettori di aspirazione. La risposta, vigorosa già verso i 2500 giri, è ora accompagnata da un rombo cupo e sostanzioso fin verso i 4500, quando si trasforma in un ringhio davvero rabbioso; mentre l’auto si accuccia sulle ruote posteriori, la spinta aumenta fino ai 7400-7500 giri, quando si innesta (in un lampo) la marcia successiva. E, limiti di velocità permettendo, il divertimento ricomincia…. 
 
La vera sorpresa? il comfort
Ferrari California T
 
I tecnici di Maranello hanno chiarito che il pacchetto Handling Speciale (che era già stato introdotto con la precedente California, quella con motore aspirato)  nasce per i più appassionati, e comporta una certa riduzione del comfort. È così, ma questo purosangue resta comunque comodo, e adatto anche ai lunghi viaggi: il motore “canta” che è un piacere se si spinge un po’, ma a velocità costante mette la sordina, mentre la bontà di assorbimento dello sconnesso resta migliore di quella di tranquille berline con un quinto dei cavalli. Per i fortunati che se la possono permettere, questa cabrio-coupé è davvero una “GT” tuttofare; peccato solo per i comandi (soprattutto quelli raggruppati sul volante, come “tergi” e frecce) che sono disposti in maniera disordinata e poco intuitiva, e per la visuale anteriore, che (per chi è di statura medio-bassa) non è delle migliori.
 
Secondo noi
 
Pregi
> Guida. Sa soddisfare i palati raffinati e, grazie agli “aiuti” elettronici, non mette mai in difficoltà.
> Turbo. Il motore è una vera furia, e adesso ha anche un “sound” da pelle d’oca. Meglio di così….
> Versatilità. Anche con il pacchetto Handling Speciale, questa coupé-cabriolet resta comoda e godibile in tutte le situazioni.
 
Difetti
> Comandi. Sono disposti in maniera poco convenzionale: disorientano un po’, e alcuni sono proprio scomodi.  
> Parabrezza. Oltre ad essere soggetto a riflessi, ha montanti inclinati che limitano la visuale nelle svolte a sinistra.  
> Trasformazione. Occorre fermarsi per aprire e chiudere la capote.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 3855
No cilindri e disposizione 8 a V di 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 412 (560)/7500 giri
Coppia max Nm/giri 755/4750
Emissione di CO2 grammi/km 250
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (doppia frizione) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 316
Accelerazione 0-100 km/h (s) 3,6
Consumo medio (km/l) 9,5
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 457/191/132
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1625
Capacità bagagliaio litri 340 (240 a capote aperta)
Pneumatici (di serie) 245/40 - 285/40 R19

 

Ferrari California T V8 turbo DCT
TI PIACE QUEST' AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
24
4
0
1
2
VOTO MEDIO
4,5
4.51613
31
Aggiungi un commento
Ritratto di M9quattro
9 marzo 2016 - 20:12
Consuma davvero poco 250 km/l e 9,5 gCO2/KM hahaha....
Ritratto di mao2151
9 marzo 2016 - 20:40
infatti nonostante il prezzo un pò altino ci stavo facendo un pensierino
Ritratto di Dicoluc
9 marzo 2016 - 21:15
3
La trovo orrenda. Una delle Ferrari più brutte di sempre.
Ritratto di The Dark Knight Rises
9 marzo 2016 - 21:49
Tu stai veramente male. Fatti curare che è meglio.
Ritratto di The Dark Knight Rises
9 marzo 2016 - 21:52
Azz... 250km/l per una macchina che ha un serbatoio da 80 litri fanno 20.000 km con un pieno. Domani vado a comprarla immediatamente, ovviamente rossa fiammante.
Ritratto di robix
9 marzo 2016 - 21:53
non me mai piaciuta, non dico che e brutta ma da una ferrari ci si aspetta molto di piu, bruttina :-)
Ritratto di Veloce
10 marzo 2016 - 09:46
Io trovo che abbia un motore della m*donna e una linea molto aggressiva. Semmai era la California precedente a non essere all'altezza delle altre Ferrari.
Ritratto di puccipaolo
10 marzo 2016 - 18:30
3
Anche io condivido. Daccordo è sempre una Ferrari e tecnicamente niente da dire, ma il frontale per me è anonimo,. Mi ricorda il becco d'anatra di Paperino, e i fanali, a mio giudizio, sono striminziti e non gli conferiscono la giusta personalità da sportiva. Per il resto nulla da dire
Ritratto di DamуAno
9 marzo 2016 - 22:47
bellisma, ispirarsi copiando il posteriore della mia mito (quella di mia mamma) la resa davvero bellisma, anche lanteriore ha un non so che di mito il che vuole dire proprio che avevo ragione quando dissi che la mia mito (di mia mamma) e una piccola ferrari. saluti
Ritratto di luca-motard
10 marzo 2016 - 10:52
Facevi più ridere quando sfottevi damien !
Pagine