PRIMO CONTATTO

Mercedes E Coupé: Brillante, ben fatta, poco personale

La nuova Mercedes E Coupé diventa più grande e comoda e ha un look da sportiva. Vivace il 2.0 a gasolio da 194 CV. Ma l’originalità non è il suo forte.

10 marzo 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 75.370
  • Consumo medio

    18,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    137 grammi/km
  • Euro

    6
Mercedes E Coupé
Mercedes E Coupé 220 d Premium Plus 4Matic
Sembra più cattiva

Derivata dalla nuova Classe E berlina, la Mercedes E Coupé ha una linea equilibrata e filante (che, però, ricorda parecchio quella della più piccola C Coupé): tratti morbidi lungo le fiancate, lunghe nervature sul cofano, un frontale con la giusta dose di grinta e una parte posteriore sfuggente, che ben si accorda al carattere da coupé elegante e lussuosa, ma non ne nasconde le velleità sportive. Lunga 483 cm (9 meno della berlina ma 13 più del vecchio modello, che raggiungeva i 470, più o meno quanto una C Coupé attuale), la vettura è anche un po’ più larga e alta: ma, soprattutto, ha un passo che guadagna 11 cm (raggiungendo quota 287 cm), per garantire un abitacolo degno di una Classe E. 

Coupé, ma spaziosa

A bordo della Mercedes E Coupé ci si rende subito conto che la macchina è cresciuta rispetto alla versione precedente. I quattro posti sono tutti comodi: anche i due posteriori, che finalmente offrono sufficiente spazio per le ginocchia e per le spalle (sopra la testa, invece, tutto ok solo per chi è alto meno di 180 cm). Certo, l’accesso ai posti dietro resta un po’ difficoltoso, ma è lo scotto da pagare per viaggiare in una coupé. Come nella E, la plancia ha un andamento a onda che prosegue, ben raccordato, nei pannelli delle porte; al centro e ai lati ci sono le grandi bocchette tonde dell’aria, e sotto l’ampia palpebra antiriflesso i tecnologici schermi di 12,3” (del cruscotto digitale, sfogliabile tramite i comandi tattili al volante, e del sistema multimediale) creano una scenografia tipo maxischermo. Le poltrone hanno la seduta ampia e comoda e offrono tutte le possibili regolazioni elettriche, compresa quella in lunghezza per il cuscino. Il pratico selettore del cambio dietro il volante libera spazio sul tunnel centrale, che ospita due vani, contribuendo a rendere più funzionale, ma anche più elegante e ariosa, la parte anteriore dell’abitacolo. Le finiture in legno (lucido oppure opaco), i dettagli in alluminio e la morbida pelle dei rivestimenti, così come il sofisticato impianto hi-fi, danno un’impressione di lusso. Peccato solo per la posizione infelice del tasto delle frecce d’emergenza, piccolo e molto in basso nella consolle. E, come in altre Mercedes, non ci piace la levetta che comanda il freno di stazionamento elettronico: è a sinistra del volante, irraggiungibile dal passeggero nelle emergenze.

Bene per “correre”, ma anche per andare a passeggio

Completamente rinnovata rispetto a quella del vecchio modello, anche la meccanica della Mercedes E Coupé riprende quella della berlina. L’assetto, però, è ribassato di 1,5 cm per migliorare il controllo della vettura nella guida sportiva, assicurandole uno scarso coricamento laterale in curva e un controllo facile e sicuro anche nelle manovre di emergenza, senza compromettere il  comfort di marcia, che resta di alto livello. Sempre sicura la tenuta di strada, specie con la trazione intregrale a controllo elettronico 4Matic della macchina del test. L’abitacolo è ben isolato dai rumori esterni, il motore insonorizzato come si deve e le imperfezioni della strada vengono smorzate efficacemente dalle sospensioni (ancora di più se si scelgono quelle ad aria, Air Body Control, che costano 2.318 euro). Il quattro cilindri 2.0 turbodiesel da 194 CV della Mercedes E Coupé 220 d offre una spinta corposa e costante, si fa sentire poco e, assieme al veloce e dolce cambio automatico a 9 marce, consente riprese senza esitazione, per sorpassi in tutta sicurezza: i 239 km/ora che la casa promette per la velocità di punta sembrano realistici. E pure sul piano dei consumi pare che la vettura sappia difendersi bene, visto che nel nostro test siamo riusciti a far segnare al computer di bordo una media di 14 km/l, in ogni condizione di traffico e su strade urbane, extraurbane e in autostrada (per la E Coupé 220 d a trazione posteriore, il dato ufficiale è di 25 km/l).

Ha anche il pilota (quasi) automatico

La Mercedes E Coupé riprende alcune dotazioni introdotte sulla berlina, fra cui la frenata e la chiamata d’emergenza automatiche di serie per tutte le versioni, la connessione a internet per l’assistenza e la diagnosi a distanza dei guasti e la guida semiautomatica Drive Pilot (in autostrada e nel traffico l’auto frena, riparte e mantiene la corsia automaticamente fino a 210 km/h): quest’ultimo dispositivo funziona davvero bene, anche se è necessario portare di tanto in tanto le mani sul volante. A tutto questo si aggiunge la novità delle luci posteriori direzionali: si illuminano dall’interno dell’auto verso l’esterno quando si aprono le portiere, e nella direzione opposta quando si chiudono.

La 4x4 arriva con l’estate

La Mercedes E Coupé va in vendita nelle concessionarie italiane a partire dal 18 marzo, a un prezzo di partenza di 56.050 euro per la 220 d; a parità di allestimento, la versione a trazione integrale 4Matic (in arrivo a giugno) costa 840 euro in più. A benzina c’è la 400 4Matic, col 3.0 da 333 CV, a 80.040 euro; la 200, con il 2.0 da 184 CV, sarà nelle concessionarie più avanti, nel corso dell’anno. Gli allestimenti sono quattro, con consistenti differenze di prezzo: Sport; Business Sport (3.130 euro in più); AMG line (9.190 euro più della Sport); Premium Plus (qui il divario con la Sport è di 18.480 euro). La Mercedes Italia rende disponibile per l’acquisto della E Coupé la nuova formula di finanziamento Dynamic Lease, con la rata che si adatta automaticamente alla quantità di km percorsi (monitorati in tempo reale tramite il programma di manutenzione telematica).

Secondo noi

Pregi
> Comfort. L’abitacolo è accogliente e più spazioso di quello della vecchia E Coupé. E le sospensioni lavorano davvero bene.
> Finiture. Come ci si aspetta da una E Coupé, sono di qualità, fin nei minimi dettagli, e il montaggio è accurato.
> Guida. Al volante non ci si accorge della stazza di questa coupé, che si destreggia bene tra le curve, ha un motore brillante, un rapido cambio automatico sequenziale e uno sterzo preciso.

Difetti
> Freno a mano. La levetta a sinistra del volante è scomoda e non raggiungibile dal passeggero.
> Originalità. Pur nella sua linea filante e armoniosa, questa E Coupé ha (fin) troppo della più piccola (e meno cara) C Coupé.
> “Quattro frecce”. Il comando è piccolo, e resta seminascosto nella parte bassa della consolle

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1950
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 143 (194)/3800 giri
Coppia max Nm/giri 400/1600-2800
Emissione di CO2 grammi/km 137
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 9 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 239
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,6
Consumo medio (km/l) 18,9
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 483/186/143
Passo cm 287
Peso in ordine di marcia kg n.d.
Capacità bagagliaio litri 425
Pneumatici (di serie) 245/40-275/35 R19
Mercedes E Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
0
1
0
0
VOTO MEDIO
4,3
4.333335
3
Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
10 marzo 2017 - 07:09
Non vi sono grandi difetti. Anche se sono d'accordo che almeno nel frontale potevano proporre almeno adesso qualcosa di nuovo. Abbiamo già conosciuto bene lo stile, adesso aggiungiamo qualcosa. Bene la coda, ispirata in parte alla Renault. Non tanto bene il paraurti anteriore, che c'è simile su tutte le Mercedes non in allestimento Sport. Ha quelle prese d'aria finte così cheap che fanno davvero paura, e ina linea che danneggia l'auto per me
Ritratto di MAXTONE
10 marzo 2017 - 12:11
A mio avviso però le dimensioni generose e vari dettagli diversi da C Coupé come l'aggiunta della terza luce, la rendono nettamente più riuscita di C, più compiuta, più importante e anche molto più sexy: Sempre più spesso stiamo assistendo a corsi stilistici fantastici, vedi Mazda, che peggiorano progressivamente man mano che si applicano a dimensioni più contenute, per farla breve: S, S Coupé ed E Coupé sono perfette con questo sexy morbido profilo che le avvolge ma la C Coupé appare molto meno bella di quella che ha sostituito perché tutta questa morbidezza, e di0 solo sa quanto ne avessimo bisogno attualmente con questa moda dei tagli con l'accetta perdurante da anni, applicata su un corpo di dimensioni contenute, restituisce un impressione di panzerotto ripieno più che da agile Coupé. Detto ciò, questa E è fantastica, più luxury che premium e nettamente più bella e affascinante di quella che sostituisce la quale tra l'altro dopo il facelift si trovava in bilico tra morbidezza del frontale e taglio squadrato, appartenente al precedente corso.
Ritratto di marcoss
11 marzo 2017 - 17:01
non ho voglia di replicare ai troll, infatti la mia non è una replica ma una constatazione basata sui dati di fatto (le vendite): sia C Coupè che S Coupè sono MAGNIFICHE, e di conseguenza lo è anche questa E Coupè. sarà anche simile alla C, ma i venduti a bmw di alvolante chissà come mai queste cose non le dicono mai per le bmw che sono tutte uguali (e fanno tutte schifo). La C Coupè comunque è magnifica ma è anche più sportiva di questa E Coupè, quindi non si pestano i piedi, una è più da guidare l'altra più da gran turismo. E poi che c'è di male a somigliarsi quando si è meravigliosi? Il problema è quando si fa schifo, come la bmw serie 4 che infatti è un fiasco. Complimenti Mercedes!
Ritratto di Nellaccio
10 marzo 2017 - 07:58
linea notevole , bella anche se oramai identica come per le berline della stella c/e/s , la plancia proprio non riesco a vederla , un autentico obbrobrio in tema di design
Ritratto di Mattia Bertero
10 marzo 2017 - 08:42
2
CLASSE E. Inizialmente, osservando solamente la foto, l'avevo scambiata per la Classe C Coupè... Come linea esterna è favolosa nonostante il troppo Family Feeling, gli interni invece li trovo orribili: quell'enorme mega schermo della strumentazione e dell'infotainment distrugge in un colpo le rotondità del resto della plancia. Poi un diesel su una coupé?...
Ritratto di MAXTONE
10 marzo 2017 - 12:21
In effetti su un coupé, tra l'altro così raffinato e, come scritto sopra, più tendente al luxury che al semplice premium, e presentato nel 2017 avrei visto nettamente molto meglio tutta una gamma di powertrain ibridi visto che da questo punto di vista Mercedes-Benz ha un know-how incredibile grazie alla F1, vedi anche l'incredibile concept AMG presentato a Ginevra.
Ritratto di Luzo
11 marzo 2017 - 09:36
la berlina c'è ibrida, ma ha buona parte ( tutto in pratica) del powertrain ibrido messo in coda: sicuramente anche questa la proporranno con quel powertrain ( 2000cc 4L + ibrido) magari in un secondo momento ( tipicamente 1 anno dopo per MB) , se non hanno problemi di alloggiamento .
Ritratto di C200
10 marzo 2017 - 09:57
Serie 4 e audi A5 sono concorrenti di Classe C coupè non di questa ;)
Ritratto di marcoss
11 marzo 2017 - 17:02
ops, si vede che ne capisci ahahahhahahahahahaha chissà però come mai la serie 4 è un fiasco, per me la risposta è ovvia
Ritratto di Massi VT
10 marzo 2017 - 09:50
2
Minimo SETTANTACINQUEMILA euro per una "coupé" di quasi 5 metri (483 cm è lunga la C5 Tourer...) motorizzata da un 2.0 turbodiesel. Troppi davvero, un prezzo fuori da ogni raziocinio - persino da ragioni affini al posizionamento di mercato ed al brand prestigioso. Pazzia.
Pagine