PRIMO CONTATTO

Skoda Rapid Spaceback: accogliente e con un valido tre cilindri

Al debutto con il 1.0 turbo a benzina da 95 CV, la rinnovata berlina ceca è fluida nella guida e si conferma spaziosa. Scomodo, però, il quinto posto.

11 maggio 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 19.630
  • Consumo medio

    22,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    101 grammi/km
  • Euro

    6
Skoda Rapid Spaceback
Skoda Rapid Spaceback 1.0 TSI 95 CV Design Edition
Giusto una rinfrescata

A quattro anni dal lancio, per la pratica berlina media Skoda Rapid Spaceback (lunga 430 cm) è arrivato il momento di un leggero aggiornamento: la parte inferiore del paraurti anteriore è impreziosita da uno spesso profilo cromato, i fendinebbia sono più sottili e i fari sono dotati di luci diurne e di indicatori di direzione a led. Minime le differenze nella parte posteriore: cornice nera per i fanali e catarifrangenti di grandi dimensioni inseriti nel paraurti (in una posizione, però, piuttosto esposta alle “toccatine”). Quanto ai motori, la novità sono i 1.0 turbo a benzina, che sostituiscono i 1.2 TSI: le loro potenze sono di 95 (quello dell’auto del test) e 110 CV. Si tratta dei nuovi tre cilindri già utilizzati da altri modelli del gruppo Volkswagen (come la Golf). Confermate, invece, le due unità a gasolio: il 1.4 tricilindrico con 90 cavalli e il 1.6 da 116. Già in vendita, la nuova Skoda Rapid Spaceback ha prezzi interessanti in rapporto alla buona dotazione: fra i 17.680 euro della 1.0 TSI Active (di serie ha il climatizzatore manuale, i fendinebbia e la radio con presa Usb) e i 22.940 della 1.6 TDI Executive (cerchi in lega di 16”, Bluetooth, navigatore, sensori posteriori di parcheggio). La 1.0 TSI Design Edition (95 CV) del test costa 19.630 euro e si distingue per il tetto panoramico in vetro, il portellone nero e le ruote di 17”.

Dentro è migliorata

Le modifiche nell’abitacolo hanno rimediato a un limite della precedente Skoda Fabia Spaceback: l’aspetto dimesso. Le finiture sono ora più curate (le plastiche, sempre tutte dure al tatto, sono gradevoli) e gli inserti tipo alluminio nelle porte danno una sensazione di maggiore completezza. La plancia resta lineare nelle forme, ma ha un andamento più sinuoso dato dal profilo in colore contrastante, che incornicia le bocchette di aerazione di disegno inedito. Per il resto, l’abitacolo si conferma ampio: posizione di guida ben regolabile, comandi intuitivi (ma nel cruscotto manca la spia degli anabbaglianti), buona disponibilità di portaoggetti (il cassetto di fronte al passeggero anteriore è refrigerato) e soluzioni pratiche come l’alloggiamento per l’ombrello sotto il sedile anteriore destro e la tasca portacellulare sul fianco dello stesso sedile. Peccato che il rigonfiamento nel pavimento e il portalattine fra le poltrone annullino lo spazio per le gambe di chi siede al centro del divano. Con 415 litri (che salgono a 1380 ripiegando i posti posteriori) il baule si conferma tra i più capienti della categoria: le sue pareti sono dotate di ganci per le borse e di paratie amovibili che celano utili portaoggetti. 

Infotainment esteso

Cambia anche l’impianto multimediale della Skoda Fabia Spaceback: intuitivo nell’utilizzo (chiara la grafica dello schermo di 6,5” nella consolle), a seconda delle versioni supporta funzionalità come Android Auto e Apple CarPlay per un’efficace connessione con i telefonini, può disporre di wi-fi e del navigatore. In più, ora ha anche il Care Connect: costa 400 euro, resta attivo per 14 anni e, sfruttando la scheda sim inserita nell’auto, in caso d’incidente chiama i soccorsi, permette alla concessionaria di monitorare a distanza lo “stato di salute” dell’auto per avvisare il proprietario dell’avvicinarsi del momento del tagliando e, infine, consente di controllare alcuni parametri della vettura e di immettere nel navigatore la destinazione del prossimo viaggio dopo avere scaricato una apposita app per il telefonino. Nuovi anche i servizi d’infotainment online Skoda Connect, con informazioni in tempo reale anche sul meteo e sul traffico: sono gratuiti per il primo anno, poi richiedono il pagamento di un abbonamento (il cui prezzo è al momento in via di definizione). Per 95 euro, sono disponibili due prese Usb per i posti posteriori: servono per ricaricare dispositivi come i telefonini.

Soprattutto, comoda

Nella guida, la Skoda Rapid Spaceback 1.0 TSI Design Edition si fa apprezzare per la facilità e per il comfort (valida l’insonorizzazione dell’abitacolo). Pur non avendo alcuna ambizione di sportività, la vettura dispone di uno sterzo leggero e demoltiplicato (non male, comunque, la precisione), di uno cambio ben manovrabile (la frizione è leggera da premere) e di sospensioni morbide, che assorbono con efficacia la maggior parte delle sconnessioni. Il rollio non è molto accentuato e, complici i larghi pneumatici 215/40 R 17, l’inserimento nelle curve risulta abbastanza pronto: la tenuta di strada è sicura. I 95 cavalli del tre cilindri spingono con regolarità fin da bassi regimi, trasmettendo poche vibrazioni e garantendo sempre quel brio necessario per un sorpasso in tranquillità: i 184 km/h di punta massima e gli 11 secondi per lo “0-100” che la casa promette andrebbero verificati con una prova in pista, ma non sembrano essere lontani dal reale. È, piuttosto, la quinta marcia, piuttosto lunga per favorire la riduzione dei consumi, a penalizzare la ripresa. Guidando con brio sui saliscendi di strade extraurbane il computer di bordo ha calcolato la media di 13 km/l: una prestazione non eccezionale (il dato ufficiale è di 22,7 km/l).

Secondo noi

Pregi
> Baule. È fra i più capienti della categoria.
> Motore. Morbido nel funzionamento, è anche brioso.
> Guida. Cambio, sterzo, sospensioni: tutto risponde al meglio per viaggiare con poco stress.

Difetti
> Ripresa. È penalizzata dalla quinta marcia che privilegia la riduzione dei consumi.
> Quinto posto. Chi siede al centro del divano non sa dove mettere le gambe.
> Spie. Nel cruscotto manca quella degli anabbaglianti.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 70 (95)/5000-5500 giri
Coppia max Nm/giri 160/1500-3500
Emissione di CO2 grammi/km 101
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 184
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11
Consumo medio (km/l) 22,7
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 430/171/146
Passo cm 260
Peso in ordine di marcia kg 1090
Capacità bagagliaio litri 415/1381
Pneumatici (di serie) 215/40 R17
Skoda Rapid Spaceback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
29
55
31
19
34
VOTO MEDIO
3,2
3.15476
168
Aggiungi un commento
Ritratto di MAXTONE
11 maggio 2017 - 12:57
Nonostante la notevole diffusione del marchio Skoda in giro non ne ho mai visto una e guardando la linea non fatico a capire il perché.
Ritratto di ConteBerengario
13 maggio 2017 - 09:32
Perche non e' l'Italia il mercato di riferimento. In Europa sono ovunque. Per questo molte volte commentate un po a vanvera su questo forum in quanto l'Italia e' un mercato molto particolare e non rispecchia per niente il mercato europeo. Un saluto.
Ritratto di Vincenzo1973
15 maggio 2017 - 12:27
@ConteBerengario di recente sono stato a Bratislava (Slovacchia) ,la skoda e' ceca ma visto che prima erano una sola nazione anche qui sono diffusissime. vedi solo skoda nella capitale. in quantita' impressionate. le trovi tutte eccetto questa..
Ritratto di Pierpaolo C
14 maggio 2017 - 07:30
Infatti. Se devo spendere 20k€ non la guardo nemmeno.
Ritratto di Sprint105
11 maggio 2017 - 13:11
Per venderla da noi dovrebbero farla diventare una low cost spingendo di più sul prezzo
Ritratto di Ercole1994
11 maggio 2017 - 13:41
Ad occhio, è lei l'unica vera rivale della Fiat Tipo 5 porte. Anche lei ha il pianale derivato da una segmento B (la Rapid deriva dalla VW Polo), i prezzi sono molto simili e non per ultimo, monta come la Tipo, motori che non vanno oltre i 110/120 cv. A conti fatti, preferisco di più la Tipo, soprattutto nera e con i cerchi da 17, ma anche questa Rapid Spaceback non è male in certi allestimenti e configurazioni.
Ritratto di ConteBerengario
13 maggio 2017 - 09:36
Premesso che la Tipo e' un auto fatta bene (e in fatti vende). La Rapid ha motori turbo mentre la Fiat fire (e la differenza si sente). Le due auto sono dirette concorrenti e la decisione dipende un po dalle configurazioni e i gusti personali.
Ritratto di mirko.10
11 maggio 2017 - 14:02
2
Sarebbe una hatchback (forse) ma la chiamano spaceback, space per il bagagliaio back per i clienti che non ne' trovano per loro e tornano a casa con l'amletico dubbio dell'aggiunta-Design edition....???? Ma la terghetta posteriore che la identifica come modello c'e'? "Skoda Rapid Spaceback 1.0 TSI Design Edition" No perche' sulla tipo non ho fatto caso scegliendo la sw la si identifica con una targhetta della storia" tipo station wagon special edition from sedan evolutions for sedan typology".
Ritratto di ConteBerengario
13 maggio 2017 - 09:38
Spaceback significa "piu spazio dietro", ma per le gambe del sedile posteriore. Il bagagliaio e' in linea con la concorrenza ma e' lo spazio posteriore che e' notevolmente migliore.
Ritratto di nicktwo
11 maggio 2017 - 14:36
tutto comunque da capire se poi alla fine meglio i 95cv della nuova scuola dei 3 cilindri quale quello dell'articolo o i 95cv del tradizionale 4 cilindri quale ad esempio la tipo... saluti
Pagine