PROVATE PER VOI

Renault Clio Sporter: bassi consumi, tanti fruscii

Prova pubblicata su alVolante di
novembre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.300
  • Consumo medio rilevato

    20 km/l
  • Emissioni di CO2

    90 grammi/km
  • Euro

    6
Renault Clio Sporter
Renault Clio Sporter 1.5 dCi 110 CV Intens
L'AUTO IN SINTESI

La Renault Clio Sporter una delle rare piccole wagon a poter vantare un motore diesel da più di 100 cavalli: come la berlina, è da poco cambiata nelle luci (nuovi i fari a led) e nei paraurti, oltre che migliorata nei materiali dell’abitacolo e nella dotazione. Immutata nella meccanica, la vettura si conferma agile e stabile in curva, ma non insonorizzata nel modo migliore (evidenti, a partire dai 100 km/h, i fruscii di origine aerodinamica). La 1.5 dCi da 110 CV è brillante già ai bassi regimi e, rispetto alla variante da 90 cavalli, ha un cambio manuale a sei marce anziché cinque (ma non può avere il robotizzato a doppia frizione). L’aggiornamento non ha portato in dote nuovi sistemi di sicurezza: ci sono solo l’Esp e quattro airbag (i laterali anteriori proteggono sia la testa sia il torace).

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
OK IL COMPORTAMENTO, MENO FRUSCII E “RUMORINI”

Leggermente aggiornata nelle linee, la Renault Clio Sporter si conferma stabile e pratica. Peccato siano rimasti immutati i sistemi di sicurezza: quelli più recenti non si possono avere neppure pagando, ci si deve accontentare del solo controllo di stabilità e di quattro airbag (i laterali anteriori proteggono sia la testa sia il torace, ma chi sta dietro non ne ha neppure uno). Il 1.5 dCi inizia a spingere già a 1500 giri e il turbo ha poco ritardo di risposta: l’erogazione è corposa e senza “buchi”. Quasi impercettibili le vibrazioni, ma non da lode l’insonorizzazione (anche a motore caldo). Grazie al buon tiro, non ci vuole troppo per riguadagnare velocità dai bassi regimi, pure nelle marce alte (la sesta non è un rapporto extra-lungo, solo per l’autostrada). A punto sterzo e freni: il primo risponde con prontezza e omogeneità alla rotazione del volante e, per il tipo di vettura, offre una buona precisione; i secondi arrestano l’auto senza serpeggiamenti, in spazi corretti, benché alcune auto (anche più piccole) facciano un po’ meglio. Nonostante i “semplici” tamburi posteriori, poi, l’impianto non si affatica presto. Le sospensioni hanno una taratura “ferma”, ma non troppo rigida. A dispetto della mescola non sportiva, le gomme più larghe di un centimetro su cerchi di 17’’ (optional) aiutano in curva: l’auto è aggrappata al fondo pur conservano una buona agilità. Stabile il retrotreno: l’Esp lavora (bene) solo se serve.

Oltrepassati i 100 km/h emergono però i fruscii d’aria e, complici le gomme più larghe (opzionali), il rumore di rotolamento se l’asfalto non è liscio. L’Intens dell’auto in prova è l’allestimento più ricco della Renault Clio Sporter, nonché l’unico disponibile con il diesel da 110 CV: di serie ha i sensori di distanza posteriori (preziosi, dietro si vede poco), la radio digitale Dab e il navigatore satellitare (con mappe solo italiane: quelle europee si pagano a parte). Il pacchetto R-Link Evolution Bose comprende un navigatore evoluto, app scaricabili e subwoofer. Lo schermo è ben definito e risponde rapido, ma il sistema ha comandi vocali imprecisi, benché supporti il protocollo Siri dell’iPhone. Nell’abitacolo, il progresso è evidente: plastiche più gradevoli al tatto, pannelli delle porte con inserti morbidi estesi ai poggiagomiti, finte cromature rimpiazzate da elementi che imitano più realisticamente il metallo satinato. Addio pure agli inserti verniciati su consolle e volante e a componenti (come il pomello del cambio e i comandi elettrici degli specchietti laterali) in comune con le low cost Dacia. Nell’insieme l’abitacolo è più “adulto”; sempre disponibili i profili laccati neri o rossi (optional) per le bocchette e altre zone. Non tutti a regola d’arte, però, i montaggi: l’esemplare guidato (meno di 1000 km all’attivo) produceva già qualche “rumorino”. Invariata la buona dotazione di portaoggetti: ampi quelli sotto la consolle e nelle porte.

VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
FACILE RIEMPIRLA DI BAGAGLI

Plancia e comandi
Il cruscotto della Renault Clio Sporter ha una forma originale: il grande tachimetro digitale, al centro, si legge con facilità. Complete anche le informazioni del computer di bordo. Il bilanciere che attiva il regolatore e il limitatore di velocità è sul tunnel, accanto al pulsante Eco (che riduce i consumi rendendo più “morbida” l’erogazione della potenza e “tagliando” il funzionamento di “clima” e riscaldamento): per vederli si deve però distogliere lo sguardo dalla strada.

Abitabilità
Si sta come nella berlina: c’è spazio giusto per quattro adulti (specie se non troppo alti) e, sul divano, l’agio per le gambe e in larghezza non abbonda. Il poggiatesta centrale regolabile è di serie, ma la larghezza del divano sconsiglia di viaggiare in tre. La Intens ha poltrone più avvolgenti: la regolazione (a rotella) dello schienale è un po’ ostacolata dal bracciolo ribaltabile con vano (nel pacchetto Relax, con luci di lettura a led e retrovisore anti abbagliamento). Buono il supporto lombare, benché non sia regolabile.

Bagagliaio
I 445 litri (compresi 85 di doppiofondo) sono solo teorici: il subwoofer dell’impianto Bose (optional e montato sull’auto guidata) ne ruba 45. L’apertura ha una forma regolare e il piano di carico è a filo con la soglia; un po’ esposta ai graffi la superficie laccata in nero. La Intens ha di serie il pratico sedile destro con schienale abbassabile: permette di caricare oggetti lunghi poco meno di due metri e mezzo. Buono, per una piccola wagon, lo spazio sotto il tendalino (41 o 56 cm, a seconda di dove è agganciato il fondo ad altezza variabile, che si può riporre sotto il pavimento in un apposito vano). Comodo anche il piano di carico che si alza, bloccandosi contro lo schienale del divano: sotto c’è un largo doppiofondo.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
STABILE E PRECISA, MA NON BENE INSONORIZZATA

In città
Nel traffico della Renault Clio Sporter si apprezzano la frizione, ben modulabile, e la spinta ai bassi giri. Ma le asperità marcate (come i dossi rallentatori) non sono smorzate al meglio. Consigliabile la retrocamera (nei pacchetti Intens, col “clima” automatico, i sensori di parcheggio anteriori e i retrovisori ripiegabili elettricamente). Bassi i consumi rilevati: 18,5 km/l.

Fuori città
Apprezzabili la stabilità e l’agilità della vettura, che non delude neppure riguardo ai consumi (abbiamo registrato una media di 22,7 km/l). La precisione di sterzo e cambio e la modulabilità della frenata permettono anche di togliersi qualche soddisfazione nelle curve; in piena accelerazione, però, la voce “da diesel” del 1.5 dCi si fa sentire.

In autostrada
La sesta marcia aiuta a contenere sia i consumi sia il rumore del motore, che, a 130 km/h (a questa velocità si percorrono 17,2 km con un litro di gasolio), lavora attorno ai 2600 giri. Evidenti, purtroppo, i fruscii d’aria e il rumore di rotolamento delle ruote. Utili il cruise control e il limitatore di velocità (entrambi di serie), e sempre sincere le reazioni dell’auto.
 

PERCHÉ SÌ

Consumi
Nelle nostre prove soltanto un paio di auto hanno dimostrato di essere meno esigenti: in Eco, i 110 CV sono poco assetati.

Facilità di guida
Nelle curve la vettura è stabile e tutt’altro che impacciata: la si sente “in mano”.

Materiali
Il passo avanti rispetto alla precedente versione è netto: gradevoli al tatto le plastiche.

Motore
Non ha solo consumi bassi: la spinta inizia già attorno ai 1500 giri ed è ben “spalmata”.

PERCHÉ NO

Comandi vocali
Il sistema Bose si paga caro, eppure fatica a capire i comandi, anche quelli scanditi lentamente.

Insonorizzazione
Dai 100 km/h sono evidenti i fruscii e il rumore di rotolamento delle gomme.

Montaggi
Un’auto nuova e con meno di 1000 km non dovrebbe avere scricchiolii, neppure leggeri.

Sicurezza
Gli airbag non proteggono chi sta dietro e mancano i sistemi di sicurezza più evoluti.

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1461
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 81 (110)/4000
Coppia max Nm/giri 260/1750
Emissione di CO2 grammi/km 90
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 427/173/145
Passo cm 259
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 1205
Capacità bagagliaio litri 445/1382
Pneumatici (di serie) 195/55 R16

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3850 giri   193,2 km/h 194 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,6   11,2 secondi
0-400 metri 17,5 127,7 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,3 160,4 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 37,3 152,1 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 34 152,1 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 11,8   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 13,1   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   18,5 km/litro 26,3 km/litro
Fuori città   22,7 km/litro 30,3 km/litro
In autostrada   17,2 km/litro non dichiarato
Medio   20 km/litro 28,6 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   36,8 metri non dichiarata
da 130 km/h   63,0 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,6 metri non dichiarato

 

Renault Clio Sporter
TI PIACE QUEST' AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
29
28
21
15
23
VOTO MEDIO
3,2
3.215515
116
Aggiungi un commento
Ritratto di TommyTheWho
14 marzo 2017 - 19:13
7
Una delle poche SW del segmento B che trovo interessanti... Forse persino l'unica. Non sono un "fan" di Renault, ma questa Clio non ha perso smalto nel corso degli anni e, infatti, il restyling è stato veramente minimale. Spero che con il prossimo non la "rovinino" con le soluzioni adottate nell'ultimo corso stilistico della casa, con quei grossi e pesanti "baffoni" collegati ai fari anteriori che vediamo, per esempio, nell'ultima Mègane.
Ritratto di ct46
14 marzo 2017 - 20:06
Beh,possiamo anche affermare l'unica SW ancora proposta nel seg.B,(a parte Skoda Fabia e la "vetusta" Ibiza) quindi il mercato delle wagon seg.b e' tutto suo.
Ritratto di francesco.87
14 marzo 2017 - 20:32
sicuramente la prossima generazioni di clio non avrà una sw, ci sarà la captur magari con nome clio suv e un bagagliaio piu grande
Ritratto di TommyTheWho
15 marzo 2017 - 04:32
7
Vero. E delle due citate, in effetti, ne vedo davvero poche, mentre di Clio SW di tanto in tanto ne incrocio. Non mi dispiace nemmeno la Fabia in ogni caso (anzi, la trovo più interessante che nell'allestimento berlina), mentre ormai la Ibiza sarà pensionata con il nuovo modello.
Ritratto di Luzo
14 marzo 2017 - 22:02
con gli specchietti messi lì non dovrebbe avere fruscii, come disse una volta un espertone di aerodinamica che gira qua dentro......eppure
Ritratto di philips81
15 marzo 2017 - 09:33
20.300€...
Ritratto di schizzo650
2 aprile 2017 - 21:15
Auto a puzzolio non hanno più senso dopo il diesel gate.....solo in Italia amano far fumo.....da settembre con il Real Drive Emission scopriremo quanto inquinano questi rottami a nafta