PROVATE PER VOI

Volkswagen Tiguan: È curata e pratica ma un po’ pigra

Prova pubblicata su alVolante di
maggio 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    € 26.100
  • Consumo medio rilevato

    14,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    139 grammi/km
  • Euro

    5
Volkswagen Tiguan
Volkswagen Tiguan 2.0 TDI 110 CV BlueMotion Technology Trend & Fun
L'AUTO IN SINTESI

La Volkswagen Tiguan è una crossover dalla linea tradizionale, in questa versione senza la trazione integrale e con il turbodiesel 2.0 nella variante meno potente (110 CV) fa risparmiare sul prezzo d’acquisto, garantendo fluidità di marcia più che prestazioni elevate; soltanto discreti i consumi. Elevata la qualità costruttiva, ma la dotazione - che comunque include l’indispensabile per la sicurezza - va completata a pagamento.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
2
Average: 2 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
2
Average: 2 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Se rinunci, risparmi
Tradizionale nello stile e funzionale nell’allestimento, è una crossover che si lascia guidare con facilità. In più è comoda e spaziosa, capace di far viaggiare confortevolmente una famiglia con relativi bagagli. Con il 2.0 turbodiesel da 110 CV, le due ruote motrici e l’allestimento “leggero” che lascia a casa una discreta fetta di dotazione, è la più economica e la meno assetata delle Volkswagen Tiguan a gasolio; ma i limiti di potenza si sentono quando si cerca l’approccio sportivo, e nel prezzo effettivo bisogna calcolare alcuni optional dei quali difficilmente si può fare a meno.
 
volkswagen tiguan
 
Praticità e sostanza sono le parole d’ordine di questa crossover che, a partire dall’estetica, punta poco sulle soluzioni originali: la Volkswagen Tiguan ha una linea classica ed equilibrata, con passaruota squadrati e rivestimenti anti-pietrisco in plastica che danno una sensazione di solidità. Peccato che i motivi spigolosi del muso non si armonizzino al meglio con le forme morbide delle fiancate. I cerchi in lega di 16” sono di serie.
 
Anche gli interni della Volkswagen Tiguan, confortevoli e ben costruiti, sono più razionali che ricchi di personalità; in ogni caso i comandi sono correttamente disposti e non mancano soluzioni “moderne”, come il freno a mano elettrico (a pulsante). L’abitabilità è davvero buona anche nella zona posteriore, dove si può contare sul divano scorrevole e con schienale regolabile (ma il tunnel ruba spazio ai piedi del passeggero centrale). Capiente il bagagliaio. 
 
Il 2.0 turbodiesel manda i suoi 110 CV soltanto sulle ruote anteriori: nonostante la carrozzeria rialzata, su sterrato non si può pretendere troppo. La prontezza non manca e soddisfano anche la silenziosità di marcia e la fluidità d’erogazione, ma la ripresa è pigra e i consumi non fanno gridare al miracolo. Facile e intuitiva da guidare, la Tiguan è anche confortevole; i limiti di tenuta di strada, tuttavia, non sono da sportiva, e i freni si affaticano presto.
 
L’allestimento Trend & Fun è offerto a un prezzo accessibile, ma la dotazione è da integrare: se l’indispensabile per la sicurezza (Esp e sei airbag) è di serie, sono relegate nella lunga lista degli optional anche accessori che ci si aspetterebbe fossero inclusi nel prezzo, come i fendinebbia, i rivestimenti in pelle del volante e della leva del cambio, il cr­uise control e il “clima” automatico al posto di quello manuale.
VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Ordinaria, ma anche pratica 
Pur non essendo un capolavoro di fantasia, l’abitacolo della Volkswagen Tiguan è spazioso e confortevole. La strumentazione è di facile lettura e senza manchevolezze, e i comandi disposti con raziocinio. Comode le poltrone anteriori, non cedevoli e ampiamente regolabili, e accogliente il divano, provvisto pure di un pratico sistema di scorrimento; numerosi i vani portaoggetti. Il bagagliaio ha la soglia di carico alta, ma è grande e ben sfruttabile.
 
volkswagen tiguan
 
Plancia e comandi
Poco personale nel design ma piuttosto razionale nell’impostazione, la plancia ha un’estetica classica, “mossa” soltanto dalle doppie bocchette d’aerazione tonde; gradevole anche al tatto il rivestimento in plastica morbida. Il cruscotto, con un ampio display digitale tra i classici strumenti ad ago, è chiaro e completo (c’è anche il termometro del liquido di raffreddamento); pratici e intuitivi i comandi del climatizzatore e dell’impianto audio, collocati nella consolle. Manca la leva del freno di stazionamento, che è elettrico e si inserisce per mezzo di un pulsante.
 
Abitabilità
Lo spazio abbonda, e i sedili, rivestiti con un tessuto dall’aspetto robusto, sono ampi quanto ben sagomati. Le poltrone anteriori, giustamente contenitive, prevedono anche la regolazione del supporto lombare (tramite una pratica manopola); confortevole il divano, che ha un bracciolo centrale a scomparsa e può essere fatto scorrere in avanti e indietro di 16 cm a seconda che si voglia privilegiare lo spazio per le gambe dei passeggeri posteriori (ma chi sta al centro si trova comunque il tunnel fra i piedi) o il volume del baule. Fra i numerosi ripostigli, si segnalano un doppio portabibita nel tunnel fra i sedili, due vani distinti nella consolle e quattro intelligenti porta-tessera a fessura. 
 
Bagagliaio
Dotato di una bocca di carico grande e regolare, è ben sagomato internamente. Il pavimento rimane piatto anche quando si abbattono gli schienali del divano, e con un modesto sovrapprezzo è possibile avere pure il piano di carico regolabile in altezza. La capienza, già molto buona con tutti i posti in uso (470 litri), diventa eccellente a divano giù (1510 litri, un valore ai vertici della categoria). Peccato che la soglia sia piuttosto alta da terra (73 cm): un problema con le valigie pesanti.
COME VA
3
Average: 3 (1 vote)
Non grintosa ma comoda
In città si devono fare i conti con la scarsa visibilità in manovra, ma il turbodiesel si rivela pronto e fluido sebbene non particolarmente economo nonostante la presenza dello Stop&Start. Fra le curve la Tiguan predilige la guida tranquilla: alzando il ritmo i limiti dell’impostazione turistica emergono sotto forma di un’evidente tendenza al sottosterzo. In ogni caso la souplesse di marcia non manca nemmeno in autostrada e la vettura si rivela piacevolmente precisa anche in velocità; elevata la sicurezza percepita, complice l’Esp pronto a intervenire nelle manovre d’emergenza.
 
volkswagen tiguan
 
In città
Anche se la posizione di guida rialzata offre una buona visuale, non è facile calcolare con esattezza gli ingombri dell’auto quando si fa manovra, soprattutto dietro: i sensori di parcheggio sono un optional raccomandato. La guida nel traffico è facilitata dalla leggerezza dello sterzo e dall’elasticità del motore, disponibile e regolare fin dai regimi inferiori; i 13,6 km/l di consumo da noi rilevato, però, non sono da record, nonostante lo Stop&Start “tagli” gli sprechi quando si è fermi al semaforo. Ci si consola con il comfort, dato che le sospensioni filtrano bene anche rotaie e pavé.
 
Fuori città
Con 110 CV di potenza contro una massa di quasi 1470 kg, il turbodiesel risulta fluido ma poco brillante: è pronto nel rispondere all’acceleratore ma manca dell’allungo che serve nella guida sportiva. Anche il comportamento in curva, che al limite diventa sottosterzante, invita alla moderazione; comunque l’auto non fa brutti scherzi quando si rilascia il gas, e l’intervento sempre puntuale dell’Esp garantisce piena sicurezza anche nelle manovre di emergenza. Precisi lo sterzo e il cambio manuale. Comfort e consumi (poco più di 16 km/l) sono nella media.
 
In autostrada
Il 2.0 gira rotondo, permette di raggiungere una discreta velocità di punta (178 km/h) e non si fa troppo sentire: a 130 km/h in sesta si viaggia a 2250 giri, consumando un litro di gasolio ogni 12,6 km. Se la souplesse è buona, meno lo è la ripresa: dopo un rallentamento, è meglio scalare marcia. Migliorabile la resistenza dei freni, facili ad affaticarsi nelle frenate intense e prolungate, mentre non deludono la stabilità e la precisione nei lunghi curvoni da percorrere in appoggio. Quanto al comfort, è favorito dall’ottimale insonorizzazione ma perfettibile per quanto riguarda la capacità delle sospensioni di filtrare giunzioni e rattoppi del manto asfaltato.
 
In fuori strada 
L’altezza da terra è maggiorata rispetto alle normali auto stradali (20 cm), né mancano fasce in plastica non verniciata che proteggono dal pietrisco i passaruota e le parti basse della carrozzeria: affrontare qualche facile sterrato non è un problema. L’importante è evitare forti pendenze e fondi troppo scivolosi, dove la trazione – affidata alle sole ruote davanti – andrebbe in crisi: chi ha “cattive intenzioni” è meglio che si rivolga alle 4Motion Track&Field o Track&Style, con trasmissione 4x4 e paraurti disegnati per offrire angoli d’attacco più favorevoli.
QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
È sicura ma teme la nebbia
La Tiguan è uscita a testa alta dai crash test della Euro NCAP: le 5 stelle del punteggio massimo sono accompagnate da punteggi parziali di tutto rispetto. La dotazione di serie include l’Esp e sei airbag, ma i fendinebbia vanno pagati a parte e lo stesso vale per il cruise control; fra gli optional, anche gli airbag laterali posteriori.
 
volkswagen tiguan
 
La dotazione di sicurezza prevede l’indispensabile, vale a dire i controlli elettronici di trazione e stabilità e il classico set di sei airbag: oltre ai due airbag frontali (quello del passeggero è disattivabile), vi sono quelli laterali anteriori e quelli per la testa estesi ai posti dietro; sborsando un extra si possono aggiungere i “cuscini” laterali posteriori. Sempre della lista degli optional fanno parte il cruise control e, addirittura, i fendinebbia; non sono invece disponibili i fari bixeno a orientamento automatico, il dispositivo di assistenza al mantenimento della propria corsia di marcia e gli abbaglianti automatici, accessori riservati alle più costose versioni Sport & Style e Track & Style. Sottoposta ai crash test Euro NCAP, la Tiguan ha ottenuto il punteggio massimo (5 stelle) e valutazioni parziali davvero buone per la sicurezza dei passeggeri adulti (87%) e dei bambini trasportati su specifici seggiolini (79%). Il grado di salvaguardia dei pedoni in caso di investimento, complice lo spigolo del cofano, è valso soltanto 48 punti percentuali, mentre rappresentano un buon risultato i 71 punti assegnati ai sistemi elettronici di assistenza alla guida.
NE VALE LA PENA?
3
Average: 3 (1 vote)
Bada al sodo… e basta
L’abbinamento fra il turbodiesel 2.0 poco “spinto” e l’allestimento più economico nella gamma, privo pure della trazione integrale, rende questa Tiguan conveniente per chi vuole una vettura spaziosa e pratica, ma non bada troppo alle prestazioni e alla sportività. La qualità costruttiva è elevata, ma il prezzo è impegnativo considerato che la dotazione richiede integrazioni a pagamento.
 
volkswagen tiguan
 
Ridimensionata nella potenza e alquanto alleggerita nella dotazione rispetto alle 4Motion da 140 CV, va bene per chi non è troppo interessato alla sportività (sia in termini di prestazioni sia di comportamento stradale) e si accontenta al massimo di percorrere facili sterrati: la carrozzeria rialzata lo permette. Di buono, oltre a una qualità costruttiva inappuntabile, c’è il grado di praticità: l’abitacolo è ampio e ricco di portaoggetti, lo spazio si modula facilmente grazie anche al divano scorrevole e il bagagliaio è adatto alle esigenze di chi si muove con la famiglia. Facile da guidare e adatta anche alla città grazie agli ingombri non eccessivi della carrozzeria (lunga 443 cm), questa crossover si presta ai viaggi rivelandosi comoda anche in autostrada. Certo, dal turbodiesel – favorito dalla trazione soltanto anteriore e dal peso inferiore rispetto a quello delle versioni integrali – ci saremmo attesi consumi più modesti, vista pure la presenza dello Stop&Start. Ma l’aspetto economico da valutare attentamente è quello dell’effettiva convenienza in rapporto alla dotazione: se non ci si accontenta di quel che è di serie (ossia l’indispensabile) il preventivo lievita sensibilmente.
PERCHÉ SÌ

Abitabilità
Lo spazio non manca: nell’abitacolo si viaggia comodamente, se necessario anche in cinque. Il baule, capiente e regolare, è a prova di famiglia, e la presenza del divano scorrevole innalza ulteriormente il grado di praticità.

Comfort
I sedili sono comodi, l’abitacolo è bene isolato dal rombo del motore e dal rumore di rotolamento delle gomme, e le sospensioni – tranne che sulle asperità più pronunciate – dimostrano ottime capacità filtranti. 
 
Facilità di guida
Cambio, frizione e sterzo non affaticano e i comandi sono tutti al posto giusto: la Tiguan non mette in difficoltà e si lascia “capire” fin dai primi metri, confermandosi facile e intuitiva da controllare anche nelle manovre d’emergenza.
 
Posizione di guida
La seduta alta dà una confortante sensazione di dominio della strada. Ampie e gestibili al millimetro le possibilità di registrazione del sedile di guida (fra le quali non manca nemmeno quella del supporto lombare).
PERCHÉ NO

Dotazione
Troppe le lacune, anche in considerazione del prezzo non proprio stracciato: ci si trova a dover acquistare a parte accessori, come il “clima” automatico, il cruise control o i fendinebbia, che le rivali in genere forniscono di serie.

Ripresa
Pur non sfigurando nello spunto da fermo, il turbodiesel si rivela poco pronto a guadagnare giri ai regimi inferiori: complice la sesta marcia piuttosto distesa, quando serve sprint – magari per un sorpasso – si è obbligati a scalare.
 
Visibilità
Nonostante la posizione di guida alta, è difficile fare manovra negli spazi stretti perché non si riesce a valutare con esattezza dove terminino il muso e la coda dell’auto. I sensori di distanza, non inclusi nella dotazione di serie, sono un acquisto extra pressoché obbligato.
 
Tenuta di strada
La sicurezza è fuori discussione, anche grazie alla valida elettronica di controllo, ma la tendenza del muso ad allargare le curve si percepisce in modo marcato quando si procede allegramente sui percorsi tortuosi. Chi è abituato alla guida veloce si sente un po’ “castrato”.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 81 (110)/2750-4200
Coppia max Nm/giri 280/1750-2750
Emissione di CO2 grammi/km 139
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 443/181/170
Passo cm 260
Peso in ordine di marcia kg 1468
Capacità bagagliaio litri 470/1510
Pneumatici (di serie) 215/65 R16

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3100 giri   178,0 km/h 175 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 11,7   11,9 secondi
0-400 metri 18,0 121,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,7 150,8 km/h 27,3 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 40,8 140,8 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 37,9 131,0 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 14,6    
da 80 a 120 km/h in 6a 19,6   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,6 km/litro 15,9 km/litro
Fuori città   16,1 km/litro 20,8 km/litro
In autostrada   12,6 km/litro non dichiarato
Medio   14,3 km/litro 18,9 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   39,0 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,3 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   136 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,8 metri 12

 

 

Volkswagen Tiguan
TI PIACE QUEST' AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
27
31
31
23
47
VOTO MEDIO
2,8
2.79874
159
Aggiungi un commento
Ritratto di ford 00
24 marzo 2013 - 19:53
Bella esteticamente peró le case automobilistiche dovrebbero lavorare sulle qualitá fuoristradistiche,perché alla fine queste auto offrono solamente una altezza da terra maggiore
Ritratto di Psogrl
25 marzo 2013 - 00:28
Buona auto. Tenuta sino a 170milaKm senza problemi evidenti. Materiali superiori alla media. Consumi ottimi con il 2.0 140cv (di media 16-18). Tenuta di strada scarsa, meglio andare piano. Se poi piove, meglio andare molto piano. Solo un problema sui 100000 per iniettori sporchi. Per la linea onestamente ho sempre ritenuto la parte dietro un po' tozza, ed il cruscotto troppo copiato. Ottimo anche il motore che pingeva molto bene anche a pochi giri.
Ritratto di Guzzo78
25 marzo 2013 - 08:25
di tutte eppure è molto venduta solo per il markio ... ma nel 2013 viviamo ancora nella pia illusione che vw è l'unico markio affidabile? Poveretti!!!
Ritratto di hornet72
25 marzo 2013 - 09:52
guardandomi intorno ci sono Suv dello stesso segmento piu belle ed originali, con cilindrate piu accessibili. Anche se ce da dire che la Vw è il Top delle auto nel mondo, ma questo non vuol dire dobbiamo essere delle pecore!
Ritratto di opinionista
25 marzo 2013 - 13:16
1
Crossover creato con la filosofia VW che purtroppo come per Golf bada molto alla sostanza e poco o nulla alla forma, presupposti che comunque le permettono di ottenere riscontri in termini di gradimento, ma esteticamente non hanno peso rispetto alla concorrenza che punta molto sul design e soluzioni stilistiche innovative e ricercate. Il prezzo poi non è di certo popolare, come si suol dire anche l'occhio vuole la sua parte e qui l'occhio risulta essere molto miope.
Ritratto di TIMMY
25 marzo 2013 - 17:35
linea troppo austera e un po' anonima e qualcosa stona tra il frontale squadrato e il posteriore un po' arrotondato,e' un modello di transizione tra il precedente e il successivo che dovrebbe essre lanciato tra 2 anni e poi suv di qualita' ce ne sono per esempio le nuove kuga e rav 4
Ritratto di sharan_TDI
29 marzo 2013 - 18:11
Non hai sentito che prima dell'arrivo in Europa le Kuga americane sono state richiamate perché il motore rischiava di prendere fuoco? E secondo te la linea della nuova RAV4 è meglio rispetto a quella della Tiguan? È vero che VW fa auto troppo austere, su questo sono d'accordo, ma visto che le vendite di quest'ultima sono a dir poco invidiabili chiaramente ha molti pregi da tenere in considerazione.
Ritratto di MatteFonta92
25 marzo 2013 - 19:33
3
Suv brutto, inutile e costosissimo, che, peraltro, in furistrada va peggio che una Panda 4x4. Ma dato che è una VW, vende lo stesso.
Ritratto di marcus1966
25 marzo 2013 - 20:36
Salve ragazzi, sono un felice possessore di una Tiguan 2.0 140cv Sport&Style. Ho appena percorso 3000 Km. e devo dire che ne sono molto soddisfatto sotto tutti i punti di vista. Come estetica forse non sarà proprio originale, ma per i contenuti ed i materiali decisamente è avanti a molte altre della sua categoria. Saluti
Ritratto di I love Italy
26 marzo 2013 - 18:07
Come d'altronde tutte le vetture VW non sono per niente personali...
Pagine