BUSINESS & FLOTTE

NEWS

Hyundai: il camion a idrogeno arriva in Europa

Pubblicato 09 luglio 2020

I primi 10 esemplari del camion Hyundai Xcient Fuel Cell saranno consegnati a un’azienda svizzera di trasporto e logistica.

Hyundai: il camion a idrogeno arriva in Europa

IL PRIMO - La Hyundai è un costruttore che crede molto nell’idrogeno come vettore di energia alternativa. Il gruppo coreano, con il programma a lungo termine FCEV Vision 2030 presentato nel 2018, ha ribadito la volontà di portare avanti lo sviluppo della tecnologia con pile a combustibile (fuel cell) sia per le auto passeggeri, rappresentate dalla suv Nexo attualmente giunta alla seconda generazione, che per i veicoli commerciali. Proprio a quest’ultima categoria appartiene lo Hyundai Xcient Fuel Cell, il primo autocarro pesante a celle a combustibile al mondo presentato dalla casa, che fa seguito al prototipo HDC-6 Neptune, mostrato al North American Commercial Vehicle Show di Atlanta del 2019.

LE PRIME 10 UNITÀ - In questo caso non si tratta di un prototipo ma di un modello pronto per essere utilizzato, tanto che la compagnia è prossima all’invio di 10 unità in Svizzera (nel 2019 la Hyundai ha creato una joint venture con la società svizzera H2 Energy, che affitterà i camion agli operatori commerciali). Entro l’anno verranno utilizzati un totale di 50 unità, che diventeranno 1.600 entro il 2025. Lo Hyundai Xcient Fuel Cell è stato sviluppato per raggiungere un equilibrio tra le esigenze specifiche dei potenziali clienti di una flotta commerciale e l'infrastruttura di ricarica in Svizzera. La tecnologia delle celle a combustibile è infatti particolarmente adatta alle spedizioni di tipo commerciale e alla logistica, grazie ai lunghi tragitti che può percorrere e ai brevi tempi di rifornimento.

400 KM CON UNA RICARICA - Lo Hyundai Xcient Fuel Cell è alimentato da un sistema a celle a combustibile a idrogeno da 190 kW (due pile da 95) che spingono un motore elettrico da 350 kW e 3.500 Nm, e può percorrere circa 400 km con una singola carica. Il sistema funziona prelevando l’idrogeno da sette serbatoi ad alta pressione  installati nel camion (complessivamente sono stoccati circa 32,09 kg di idrogeno) e lo combina con l’ossigeno dell’aria per generare energia destinata al motore elettrico e alla batteria. Il tempo di rifornimento per ogni camion richiede circa 8-20 minuti. 

LA SVIZZERA - La Hyundai prevede l'utilizzo di idrogeno pulito generato dall'energia idroelettrica. La Svizzera è stata scelta per questo progetto pilota perché è il paese con una delle più alte quote di energia idroelettrica a livello mondiale, quindi in grado di fornire energia green sufficiente per la produzione di idrogeno. Una volta avviato il progetto in Svizzera, la Hyundai prevede di estenderlo anche ad altri paesi europei. I camion faranno il pieno in un’infrastruttura costruita dalla Hyundai stessa, che prevede l’allestimento di stazioni a 350 bar. La casa sta comunque sviluppando anche un camion a lungo raggio in grado di percorrere circa 1.000 km con solo pieno di idrogeno.



Aggiungi un commento
Ritratto di Mark R
10 luglio 2020 - 20:08
Di certo è una soluzione alternativa valida... Ma bisogna valutare come viene prodotto l'idrogeno perchè ci sono vari metodi e quello più sconveniente è quello per elettrolisi dove per produrre 1kg di idrogeno servono circa 45kWh (a laboratorio si è arrivati a circa 19kWh sempre per elettrolisi) senza contare le perdite per trasporto e compressione ed efficienza della FC. Questo camion, stando al dichiarato, percorre circa 400km con circa 32kg dunque circa 12km/kg.. Non mi sembra poco tenendo conto quanto si consuma per produrre 1kg di H2 etc.. e comunque sia ha una batteria da circa 73kWh per stoccare l'energia recuperata dalla frenata rigenerativa e quella prodotta in surplus dalla FC. A parer mio ha un'efficienza maggiore un camion elettrico puro e da quel che so ci sono dei prototipi (con peso lordo di 18t su base Stralis) che consumano circa 1kWh/km in autostrada e circa 0,7kWh/km in extraurbano. Per ora l'idrogeno non lo trovo conveniente né dal punto di vista ambientale che economico. Vero che dicono che la Svizzera dispone di energia "green" grazie all'idroelettrico ma è anche vero che non trovo questa gran efficienza del sistema ad idrogeno; se produco energia elettrica preferisco tenerla tale e sfruttarla direttamente per la locomozione anche perchè trasportare l'energia elettrica si inquina meno e pur essendoci le perdite vi sono lo stesso meno conversioni/trasformazioni.
Ritratto di PONKIO 78
11 luglio 2020 - 09:01
L’idrogeno non potrà mai essere il futuro e vi spiego il perché: Avevo già scritto nei post precedenti che facendo l'elettrolisi di un litro di acqua si ottengono 112 grammi di idrogeno e 888 grammi di ossigeno. E' vero che l'ossigeno è circa 16 volte più pesante dell'idrogeno e che il rapporto 888/112 è 8.... ma è anche vero che in una molecola di acqua ci sono 2 atomi di idrogeno e un solo atomo di ossigeno, quindi quel 16 va diviso per 2. 112 sta a 1 litro di acqua... come 1000 sta a incognita incognita = 1x1000/112 incognita = 8,9 litri Per fare un chilogrammo di idrogeno puro, serve l'elettrolisi di circa 8,9 litri di acqua distillata... Tutta questa acqua dove la prendiamo? Già nel mondo c’è un casino tra riscaldamento globale e inquinamento... pensateci bene, quante auto, camion e moto ci sono nel mondo? Troppe.... arriveremmo a prosciugare tutto e la terra (dopo un centinaio di anni) diventerebbe un deserto... ... ci vorrebbe un sistema di energia wireless sulle autostrade (nella prima corsia quella più a destra) che mentre cammini ti ricarichi, così se hai una macchina elettrica che fa soli 400 km puoi viaggiare per tutta l’Italia senza mai fermarti.... questo è il futuro! Altrimenti si vuol risparmiare..... si fa come si faceva una volta, in sei su un furgone ne che ti porta direttamente al lavoro e ti viene a riprendere la sera... sei macchine in meno e meno inquinamento e meno spreco di gasolio, anche se poi il costo non varierebbe perché siamo in un paese di merda che campa con le accise... Questa è la mia stupida idea... ma da ignorate la penso così... buona giornata a tutti..
Ritratto di GeorgeNN
11 luglio 2020 - 09:50
Questo è il vero futuro!! Altro che auto e tir elettrici!!!!
Ritratto di FRANCESCO31
11 luglio 2020 - 17:36
anche i SUV dovrebbero essere a IDROGENO
Ritratto di GeorgeNN
13 luglio 2020 - 09:54
La Hyundai ha già fatto un suv ad idrogeno: la Nexo. Toyota ha già fatto una berlina ad idrogeno: la Mirai.
Ritratto di Elio 43
11 luglio 2020 - 23:26
Elio 43 Ponkio 78 , lei non e' ignorante, sa bene quanto idrogeno si puo' ricavare da un litro di acqua. Pero' se permette e' un po' pessimista circa la desertificazione a seguito dell'impiego delle celle a combustione. Infatti nella cella entrano idrogeno e ossigeno dell'aria ed esce energia elettrica e...vapore d'acqua. E mi sembra allo stesso tempo ottimista circa la trasmissione di energia elettrica via wifi. Per ora siamo a tener accesa una lampadina a 1 metro di distanza. Ma sognare non e' proibito.
Ritratto di luperk
12 luglio 2020 - 10:40
beati i giapponesi che non vedono questi cessi coreani per le loro strade. Per chi non lo sapesse, hyiundai, kia e ssangyong non vengono vendute nel sol levante.
Pagine