La città “intelligente”: prove di dialogo

29 marzo 2017
Tecnologia
Automobili, sensori, infrastrutture: lo scambio di informazioni rende possibili nuovi servizi finalizzati a sicurezza e risparmio.

CI GUADAGNERANNO ANCHE I PEDONI - Arrivano i primi servizi di assistenza alla guida resi possibili dalle auto che dialogano con le infrastrutture: le Audi segnaleranno in anticipo se il semaforo sta per diventare rosso e quanto manca al verde. E questo è solo un esempio tra i tanti allo studio di centri di ricerca, case automobilistiche e società hi-tech, che uniscono i loro sforzi: dai parcheggi che avvisano le vetture I vantaggi? Strade più sicure per chi guida e chi va a piedi, riduzione dei consumi, traffi o più scorrevole. Tutti questi servizi, frutto della condivisione di dati provenienti dai sensori di auto connesse (tramite le infrastrutture) al web (“V2I”, vedi il glossario in fondo all'articolo), o con altri veicoli (“V2V”), sono passaggi obbligati per l’ecosistema della guida autonoma. Ne farà parte anche l’uomo, che ha un nuovo sensore sempre in tasca: lo smartphone. In futuro, il suo schermo riceverà avvisi dalle auto vicine (“V2P”).

SEMAFORI INTELLIGENTI - La tecnologia Audi Traffic Light Information System, una sperimentazione partita in alcune città degli Usa, promette di aumentare la sicurezza e diminuire consumi e stress. Richiede una rete di semafori che siano in grado di “dialogare” via web o via radio con i veicoli. Sarà sfruttabile anche per la guida autonoma. Lo schermo integrato nel cruscotto delle nuove Audi mostra non soltanto il colore del semaforo al quale ci si sta avvicinando, ma indica anche quanti secondi mancano al passaggio dal rosso al verde o viceversa.

ELETTRICHE IN RETE - Con il dialogo tra auto e infrastrutture, ecologia e risparmio vanno a braccetto. La Nissan sta sviluppando insieme all’Enel una rete elettrica “intelligente” (il “V2G”, vedi il glossario in fondo all'articolo) in grado di caricare l’auto solo quando la tariffa è conveniente e, quando non si usa la vettura, “rivendere” l’energia delle batterie ai gestori che ne hanno bisogno. In un futuro fatto di soli veicoli “a pile”, l’integrazione tra rete e mezzo di trasporto andrebbe a configurarsi come una sorta di “centrale elettrica virtuale”.

CARTELLI PARLANTI - Una società italiana con esperienza nei sistemi di trasporto intelligenti, la Aitek, sta studiando dei veri e propri cartelli stradali “parlanti”: sono dotati di una piccola scheda con integrato un microchip dal costo (ridotto) di un centinaio di euro ciascuno. Questa segnaletica “smart” potrà quindi trasmettere senza fili direttamente alle auto informazioni sul traffico, limiti di velocità e altro ancora.

INCROCI “SMART” - Bosch, Deutsche Telekom e Nokia stanno studiando reti di dati locali basate sulla prossima piattaforma mobile superveloce (5G) che consentano di “far parlare” le auto vicine per fornire assistenza al guidatore. Segnalando, per esempio, a un veicolo in arrivo la necessità di rallentare, o indicando la presenza di altre vetture in un incrocio “cieco”. La stessa Bosch lavora con la Mercedes a un progetto-pilota dove le auto sono avvertite della presenza di posti liberi direttamente dai parcheggi e, al tempo stesso, “rimettono in rete” le scansioni delle vie percorse in città (fatte usando i sensori di bordo) segnalando la posizione dei posti liberi alle altre auto. Il servizio Park Now della BMW consente (non ancora in Italia) di prenotare e pagare i posti liberi con una app, mentre la Siemens sta sperimentando sensori e radar, installati su pali e lampioni, in grado di rilevare i posti liberi.

PEDONE AVVISATO… - Che funzionino attraverso sensori “annegati” nelle strisce pedonali o con radar e telecamere in grado di rilevare la presenza delle persone, i sistemi di allerta che mettono in contatto pedoni e auto possono salvare molte vite umane. La Honda lavora a una tecnologia a onde radio che avvisa l’automobilista e il pedone del loro reciproco avvicinarsi: il primo visualizza le informazioni sullo schermo di bordo, il secondo su quello del suo telefonino. In questa direzione lavora anche la specialista in microchip Qualcomm.

IL VOCABOLARIO
DSRC Dedicated Short Range Communication: protocollo di comunicazione radio con onde a corto e a medio raggio, pensato per uso automobilistico (pagamento di servizi, avvisi per evitare collisioni, soccorso stradale).
V2G Vechicle to Grid: indica il trasferimento “intelligente” di corrente dalle auto elettriche o ibride alla rete elettrica e viceversa.
V2I La sigla gioca sull’assonanza, in inglese, tra il numero “2” e la preposizione “to” ( “verso”), per indicare le comunicazioni “Vehicle to Infrastructure”, cioè tra auto e infrastrutture stradali (parcheggi, semafori e asfalto). 
V2P Vehicle to Pedestrian: scambio di informazioni tra i sensori dell’auto (come le telecamere che rilevano la presenza di persone sulle strisce) e i telefoni dei pedoni vicini. 
V2V Vehicle to Vehicle: questa sigla indica i sistemi che prevedono interazione e scambio di informazioni tra le diverse automobili. 
V2X Vehicle to X: riguarda i progetti che prevedono interazione e scambio di informazioni tra le auto e qualsiasi oggetto dotato di sensori connesso al web (come i cellulari). 

Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
30 marzo 2017 - 09:01
4
più che gli sterili record al Nurburgring il futuro dell'auto è l'intercomunicazione fra veicoli, strada e segnali stradali...ogni riferimento è puramente casuale...

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Porsche 911 Cabriolet
    Porsche 911 Cabriolet
    da € 117.124 a € 227.046
  • Suzuki Baleno
    Suzuki Baleno
    da € 14.100 a € 18.100
  • Volvo XC60
    Volvo XC60
    da € 46.700 a € 75.500
  • Mercedes AMG GT Coupe 4
    Mercedes AMG GT Coupe 4
    da € 99.775 a € 175.891
  • Volkswagen Tiguan
    Volkswagen Tiguan
    da € 33.550 a € 42.100

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Renault Espace 2.0 Blue dCi 200 CV Initiale Paris EDC 4Control
    € 51.400
    Per l’originale Renault Espace arriva un nuovo 2.0 a gasolio da 200 CV. È brillante, ma la sua voce si fa sentire distintamente.
  • Kia Ceed Sportswagon 1.4 T-GDi Evolution DCT
    € 27.000
    La nuova Kia Ceed famigliare è più sportiva e, al contempo, offre più spazio ai bagagli e ai passeggeri (ma l’accessibilità posteriore non è il massimo). Il 1.4 a benzina da 140 CV è brillante; più dolce che rapido il cambio a doppia frizione.
  • Dacia Duster 1.6 SCe 115 CV GPL Prestige 4X2
    € 16.050
    Anche in questa versione a Gpl, la Dacia Duster si conferma facile da guidare, spaziosa e con un prezzo allettante. Il 1.6, però, manca di grinta.