Come non dimenticarsi i bambini in auto

29 luglio 2016
Sicurezza
Lasciare i bimbi seduti nel seggiolino e chiusi in auto sotto il sole cocente d’estate può costare caro. Ecco alcuni suggerimenti per evitare terribili conseguenze.

BASTA POCO - Purtroppo quando arriva il caldo le pagine di cronaca dei quotidiani riportano tragiche notizie di bambini dimenticati in auto sotto il solleone dai loro genitori. Sembra incredibile ma, presi dalla fretta e dalla tante cose da fare, qualche papà o qualche mamma può distrarsi e non considerare che la temperatura nell’auto si alza anche di 15° dopo appena una quarto d’ora. L’esposizione a un calore eccessivo ha effetti più repentini sui bambini che sugli adulti: la ridotta statura dei “piccoli” fa aumentare anche cinque volte più velocemente la loro temperatura corporea rispetto a quella dei genitori. Di conseguenza, l’ipertermia (il “colpo di calore”) può manifestarsi dopo appena 20 minuti che si è sottoposti a forti temperature e in due ore si può arrivare al decesso del bambino.

QUALCHE CONSIGLIO - Per prevenire il rischio di abbandonare il bambino in auto (magari allontanandosi dal veicolo mentre dorme e, quindi, non “accorgendosi” della sua presenza) si possono seguire semplici precauzioni. Per esempio, posizionando accanto al bimbo oggetti indispensabili come il portafogli, la borsa e le chiavi di casa. Si può anche annotare nel promemoria del telefonino frasi come “bimbo a bordo”: all’ora prestabilita il cellulare squillerà, scongiurando eventuali (tragiche) distrazioni. Utili anche i piccoli retrovisori supplementari (costano pochi euro) da posizionare all’interno dell’auto (di solito si fissano al parabrezza con una ventosa) e puntati verso il “piccolo” seduto sul divano: avendolo sempre sott’occhio, è più facile ricordarselo…

AIUTI EXTRA - Si stanno anche sviluppando sistemi elettronici appositamente studiati per evitare di abbandonare i bambini in macchina. Per esempio, sono già disponibili app da scaricare negli smartphone (per esempio iAlert e Driver’s Little Helper) e collegate via Bluetooth a un sensore posizionato nel seggiolino fissato nel veicolo. Altri dispostivi simili fanno a meno del telefono e, sempre basati su un sensore nella seduta del seggiolino, vengono alimentati dalla presa accendisigari dell’auto: quando si spegne il motore, emettono un segnale acustico (è il caso del Remmy). Si sta anche pensando a seggiolini già integrati di sensori (leggi qui la news) con avviso “anti dimenticanza”. Tuttavia, come ci ha detto il tecnico di una nota azienda italiana di accessori per l’infanzia che abbiamo interpellato, il problema non è la tecnologia (disponibile), ma la difficoltà di omologare un prodotto così complesso e il prezzo elevato a cui sarebbe commercializzato. Per ovviare a questi inconvenienti “l’ingegno italico” si è già messo in moto e sono stati brevettati due interessanti sistemi (attualmente in attesa di essere industrializzati e commercializzati. Il primo (leggi qui la news) collega con dei sensori il seggiolino del bimbo con quello dell’adulto: quando quest’ultimo si alza, emette un cicalino. L’ultimo in ordine di tempo, prevede un cuscino (da posizionare sul divano dell’auto o sul seggiolino) sempre dotato di sensori collegati a un allarme, che suona quando si apre una porta. Il tutto è alimentato da una semplice batteria a “pastiglia” per gli elettrodomestici (leggi qui per saperne di più).

Aggiungi un commento
Ritratto di Ivan92
29 luglio 2016 - 14:43
6
Secondo me l'unico metodo efficace per queste persone è di non fare proprio bambini.
Ritratto di mirko.10
29 luglio 2016 - 15:04
2
E di continuar a cercare pokemon.
Ritratto di mike53
29 luglio 2016 - 15:20
Esatto. Fare figli per piazzarli al nido o al campo estivo con il rischio di ...scordarli in auto! Ma che senso ha? Siamo arrivati a invocare sistemi di allarme per ricordarci che dietro di noi non c'è un pacco postale ma un bambino? Mamma mia come siamo caduti in basso!
Ritratto di AlexTurbo90
30 luglio 2016 - 23:47
Concordo in pieno con tutti e tre i commenti poco sopra.
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
31 luglio 2016 - 17:33
quoto
Ritratto di Yasnarrod
29 luglio 2016 - 14:45
Grazie , è molto utile perché questo possa arrivare a qualsiasi.
Ritratto di Sprint105
29 luglio 2016 - 15:48
suggerimenti semplici ma servono
Ritratto di Mork78
29 luglio 2016 - 16:16
Mi sembra che l'ultima soluzione sia la più efficace ed economica. Un plauso al Team Raw per la loro invenzione.
Ritratto di Luke_66
29 luglio 2016 - 16:41
4
Se avete la chiave smart lasciatela sul sedile posteriore cosi' la macchina non la potete chiudere. Altrimenti lasciate il cellulare sul sedile posteriore.... quello non se lo scorda nessuno e in piu' si evita di usarlo alla guida.
Ritratto di AlexTurbo90
30 luglio 2016 - 23:50
Bella proposta! Si risolverebbero 2 problemi in un colpo solo.
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Porsche Macan
    Porsche Macan
    da € 63.763 a € 69.497
  • Audi A4 Avant
    Audi A4 Avant
    da € 36.950 a € 55.150
  • BMW Serie 6 Gran Turismo
    BMW Serie 6 Gran Turismo
    da € 62.550 a € 87.650
  • BMW Serie 3 Gran Turismo
    BMW Serie 3 Gran Turismo
    da € 40.750 a € 65.450
  • Fiat Punto
    Fiat Punto
    da € 14.340 a € 17.740

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • BMW Serie 3 330i Msport Steptronic
    € 58.850
    La nuova BMW Serie 3 migliora nel comfort, nelle finiture e nella tecnologia. E la guida resta un punto forte, soprattutto con questo grintoso 2.0 a benzina. Manca Android Auto.
  • Kia Niro e-Niro 64 kWh
    € 45.000*
    La Kia e-Niro è la versione a batteria della crossover coreana: è spaziosa, silenziosa e nella versione da 204 CV ha brio da vendere. Elevata l’autonomia e, di conseguenza, i tempi di ricarica.
  • Renault Kadjar 1.3 TCe 160 CV Sport Edition2 EDC
    € 30.550
    La rinnovata Renault Kadjar si conferma accogliente. Il nuovo 1.3 a benzina spinge bene e non fa troppo rumore. Alta la soglia di carico.