Auto usate online: sette mosse anti-fregatura

28 marzo 2017
Vivere con l'auto
Il web ha reso molto più semplice l’acquisto di un’auto d'occasione, ma le truffe sono sempre in agguato: ecco come evitarle.

SE NON LA VEDI, NON CREDERCI - Non c’è dubbio: il più grande “supermercato dell’usato” al mondo oggi è internet. A chi è in cerca di un’auto d’occasione il web può dare una grossa mano a scovare rapidamente la proposta giusta, ma, nello stesso tempo, è anche lo strumento preferito dai truffatori. Il caso più frequente? Una macchina interessante, proposta a un prezzo “irresistibile”, ma non immediatamente disponibile perché temporaneamente fuori dei confini nazionali (di solito con la scusa di “esigenze di lavoro” del proprietario). L’inserzione è sempre accompagnata dalla promessa che l’auto verrà spedita in tempi brevi, e dall’impegno che quanto speso verrà restituito se la vettura non dovesse corrispondere alla descrizione. L’obiettivo? Indurre a versare una caparra (più raramente l’intero prezzo) per poi scomparire… assieme alla vettura. La regola numero uno per evitare i raggiri è di visionare in prima persona la macchina. Per due motivi. Il primo è che, semplicemente, le foto che corredano un annuncio in un sito web possono anche essere di un altro esemplare, o addirittura di un’auto che non è neppure in vendita, ma risulta appetibile per le sue ottime condizioni. Oppure, le immagini possono essere state manipolate per far apparire la vettura molto più bella di quanto sia in realtà. Mai anticipare denaro “al buio”, insomma. E occhi aperti anche se la trattativa è con un commerciante. Sulla carta, infatti, l’acquisto online è tutelato dal diritto di recesso (che permette di restituire il prodotto entro 14 giorni dall’acquisto): ma se si è incappati in una “azienda fantasma”, o se l’auto che vi piace neppure esiste, nessuno potrà mai più farvi riavere i vostri soldi.


> SETTE MOSSE PER ACQUISTARE IN SICUREZZA

1) MA IL PREZZO È GIUSTO?

Per attirare l’attenzione di un numero maggiore di potenziali compratori, che cosa c’è di meglio di un annuncio con un prezzo molto allettante? Consente ai truffatori di allargare la ricerca di clienti inesperti (in particolare, i bersagli sono i privati, non certo i commercianti) ai quali smerciare automobili “irregolari”. Verificate che il prezzo richiesto dal venditore sia in linea con le quotazioni del listino dell’usato di alVolante (consultatelo, da pagina 300): differenze nell’ordine del 10 o del 20% sono accettabili, se motivate; oltre, gatta ci cova.

2) SENZA LA TARGA L'AFFARE SALTA

Il secondo passaggio? Contattare telefonicamente il venditore, per accertare l’effettiva disponibilità dell’automobile: talvolta, specie quando si ha a che fare con un privato, l’annuncio non viene rimosso anche se, nel frattempo, la macchina è passata di mano. Qualora il veicolo sia ancora disponibile, chiedetene subito i numeri di targa e di telaio, meglio se accompagnati da una fotocopia del libretto di circolazione e del certificato di proprietà: se il venditore nicchia, deve scattare il campanello d’allarme e la trattativa bloccarsi. Già con questi elementi (come spieghiamo nel dettaglio nei passaggi successivi), è possibile smascherare le truffe.

3) PASSA IN... CAMERA

Il venditore è un commerciante di auto? Verificate che la sua azienda sia iscritta al registro delle imprese, rivolgendovi a un’agenzia o alla Camera di commercio della zona in cui opera: se risulta inesistente, fermate la trattativa. Ma anche se il venditore è un privato, si può indagare sulla sua affidabilità, digitando sui motori di ricerca il numero di telefono indicato nell’inserzione: se vi risultano collegate anche altre automobili, è probabile che si tratti di un “annuncio-esca”.

4) SE FOSSE RUBATA

Inserendo i numeri di targa e di telaio del veicolo nel sito internet www.poliziadistato.it, sezione “Banche dati”, potete scoprire (gratis) se la vettura è nell’elenco dei veicoli rubati. A maggior tutela, una volta visionata l’auto, verificate che chi vi sta proponendo la vettura ne sia davvero il titolare: i dati della carta d’identità (nel caso si tratti di un privato) o quelli forniti della Camera di commercio (se è un professionista) devono coincidere con quelli riportati nel certificato di proprietà.

5) È STATA FERMATA? ALLORA SONO GUAI

Evitate di acquistare auto su cui risultano iscritti fermi amministrativi (dovuti al mancato pagamento di multe o tasse, come il bollo): l'automobile potrebbe essere pignorata e messa all'asta. La situazione amministrativa della vettura può essere controllata rapidamente, visionando il sito www.aci.it (sezione “visure PRA”) che consente la consultazione dei dati del Pubblico Registro Automobilistico. Il servizio costa 5,62 euro e può essere pagato con carta di credito o prepagata.

6) CONTROLLATELA BENE PRIMA DI PAGARLA

Se, a livello burocratico, i controlli non hanno riservato sorprese, è il momento di prendere appuntamento con il venditore, per esaminare l’auto con calma. State effettuando l’acquisto da una concessionaria? Se avete già versato un acconto e notate qualche difformità rispetto a quanto riportato nel contratto, non ritirate la vettura: contestate subito per iscritto ciò che non va, mandando una raccomandata R.R. alla società. Se, invece, non avete ancora versato la caparra, il consiglio è semplice: rimettetevi in caccia…

7) PER PAGARE, INCARICATE LA VOSTRA BANCA

Tra le accortezze che ridimensionano il rischio-bidone ce ne sono alcune che hanno a che fare, più che con l’oggetto… del desiderio, con le procedure da seguire per il suo pagamento. Ribadito che è imprudente anticipare denaro a privati, se proprio ci si è innamorati “a distanza” di una vettura posta in vendita da un commerciante di automobili (meglio ancora se da una concessionaria riconosciuta) i rischi si riducono, ma attenzione: mai pagare in contanti, o tramite servizi di trasferimento di denaro. L’unica modalità affidabile è il bonifico bancario, più sicuro perché tracciabile, intestato sempre a una società. La causale del bonifico dovrà riportare la frase “saldo veicolo” seguita dai numeri di targa e di telaio, e la dicitura “salvo diritto di recesso”; così, la banca verserà al venditore il denaro solo una volta trascorsi i 14 giorni nei quali è ammesso il ripensamento da parte del compratore.

Aggiungi un commento
Ritratto di Blueyes
29 marzo 2017 - 16:22
infatti non lo fanno mai per paura di essere tirati in causa..purtroppo non ho dispositivi per controllare queste cose, senza contare che ogni auto ha uno spinotto a sè e la procedura non è immediata. Avevo sentito che dal codice revisione si può sapere a quanti km è stata fatta, ma come?
Ritratto di skuffo
29 marzo 2017 - 12:20
Io approfondirei il punto 6, nel senso che specificherei che bisogna non solo guardare se ha perdite d'olio ecc. ecc. ma bisogna anche PROVARLA. Anche solo per pochi metri, giusto per canbiare una marcia, fare una frenata, sterzare in movimento... in presenza di rumori strani o resistenze anomale, anche per uno che non è un meccanico è immediato capire che c'è qualcosa che non va.
Ritratto di Blade Runner
29 marzo 2017 - 13:10
Attenti anche al richiamo per le allodole: molti concessionari pubblicizzano auto interessantissime, dal rapporto qualità prezzo eccellente, poi, quando vai a visionarle, non sono visibili perchè dal carrozziere, o in officina per una verifica. In compenso ti vanno a proporre altre auto disponibili in loco, ma ad un prezzo, ovviamente, più alto.
Ritratto di nix008
29 marzo 2017 - 18:38
Tutti consigli utili e spesso sottovalutati, soprattutto quello di farsi dare la targa (anche per vedere la reazione di chi si ha davanti); Fastidioso che per controllare i dati si debba pagare! Inoltre inverosimili le discrepanze fra i prezzi che fanno i concessionari e le quotazioni di alvolante-eurotax/quattoruote.. (cioè posso capire 1000/1500 euro), ma a volte c'è un abisso! p.s. money82 cerchi una golf? io sto per mettere in vendita la mia, però è un 2.0 110 cv, meglio pure no del 1.6 :-)
Ritratto di money82
30 marzo 2017 - 18:32
1
Ciao nix, grazie per l'offerta ma controllavo a scopo di curiosità perchè ho da poco preso la auris. Ho venduto nel 2015 la mia golf, purtroppo dopo 5 anni e 70.000 km mi ha lasciato a piedi il dsg, rottura della meccatronica. Peccato perchè era un'ottima auto, ma sborsare 800 euro (di cui 1300 passati dalla casa), per un danno che è riconosciuto a livello globale è stato un colpo troppo basso, rivenduta subito e addio Vw.
Ritratto di nix008
31 marzo 2017 - 09:53
Per fortuna nella mia ho il cambio manuale :-), cmq ti capisco pefettamente
Ritratto di ALMEGNONE
4 aprile 2017 - 21:44
Io un mese fa mi sono buttato un po' alla cieca e ho rischiato.....la mia cara Mondeo Tdci del 2005 automatica mi ha lasciato per seri problemi al motore che non valeva più la pena riparare. Sono andato presso una concessionaria Renault e ho chiesto....."visto che è da poco uscito il nuovo modello, vi è rimasta per caso qualche Scenic X-Mod del modello precedente?" Quel giorno stesso ne era arrivata una, nera metallizzata, dCi 1.5 da 110cv del 2010, unica proprietaria signora 75enne che la dava via per l'età........vista, provata, tenuta benissimo, soli 52000 km (reali), acquistata subito, ........prezzaccio affare e gran botta di c**o!!!!!
Ritratto di Agl75
5 luglio 2018 - 21:41
Chissà son sempre ultra 70enni a vendere le auto usate. Ricordo la mia vecchia fiesta presa usata nel 2000, cambio e pedaliera im alluminio, assettata da tamarro si cui il venditore mi disse che era di “una vecchia”. Ancora rido, però la comprai...
Ritratto di grande_punto
10 dicembre 2017 - 13:13
3
Mai comprate auto usate online e mai ne comprerò...
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Tesla Model 3
    Tesla Model 3
    da € 60.580 a € 71.680
  • Volvo XC60
    Volvo XC60
    da € 47.150 a € 75.950
  • Mercedes AMG GT Coupe 4
    Mercedes AMG GT Coupe 4
    da € 99.775 a € 175.891
  • Hyundai i10
    Hyundai i10
    da € 10.850 a € 15.750
  • Fiat 500L
    Fiat 500L
    da € 19.050 a € 25.800

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Hyundai i30 Fastback 2.0 T-GDI N Performance
    € 39.000
    La Hyundai i30 Fastback N sa “tirar fuori le unghie” in pista, senza mai diventare difficile da guidare. Da segnalare, però, qualche dettaglio economico degli interni e l'accessibilità poco agevole ai posti dietro.
  • Lexus RC 300h F Sport
    € 54.400
    La versione aggiornata della coupé ibrida Lexus RC ha un look grintoso e 223 CV ma, più che per la sportività, si fa apprezzare per il comfort.
  • Lexus ES Hybrid 300h Executive
    € 56.000
    A bordo della grande berlina ibrida Lexus ES si viaggia in gran relax. I 218 cavalli rispondono fluidi e garantiscono un discreto sprint; perfettibile, però, il funzionamento del cambio.