Quanto durano le batterie delle auto elettriche?

Tecnologia
Pubblicato 09 dicembre 2020

Le batterie sono l’elemento più complesso e costoso di un’auto elettrica. Per questo sempre più automobilisti si chiedono quanto potranno durare in termini di tempo e chilometri. Ecco alcune risposte.

BATTERIE PREZIOSE - Le auto elettriche sono spaziose, silenziose e senza vibrazioni grazie a elettronica e motori perfezionati e compatti. Tutto questo sarebbe però inutile senza la batteria, il componente più complicato e costoso di queste vetture. Questo valore elevato crea più di un’apprensione all’automobilista, che si chiede quanto possa durare la batteria della sua auto. Le case sono consce di questi interrogativi e oggi è comune trovare, per le batterie, garanzie differenziate rispetto a quella legale di 2 anni. È infatti comune l’offerta di una copertura di 8 anni o 160.000 km, termini entro i quali si garantisce una capacità minima residua. Questo dovrebbe tranquillizzare i proprietari, in effetti un po’ prevenuti dall’esperienza che hanno con i cellulari.

LIQUIDO È MEGLIO - Ma se rimpiazzare un cellulare con la batteria esaurita può non essere economicamente impegnativo, la stessa cosa non si può certo dire degli ingombranti e complicati pack delle auto elettriche. Tranquillizziamoci subito: le batterie delle elettriche hanno sistemi di gestione e mantenimento molto più efficaci rispetto a quelli dei dispositivi mobili. Il controllo della temperatura a liquido, per esempio, è generalizzato e ha sostituito il meno preciso sistema ad aria visto in alcuni modelli. Le batterie delle auto più recenti, inoltre, sono molto più longeve di quelle delle generazioni precedenti e la tendenza continua. Alcune indagini condotte sui proprietari delle elettriche permettono di farsi un’idea della durata di questi elementi.

PIUTTOSTO LONGEVE - La maggior parte dei possessori di Tesla Model S ad alto chilometraggio, per esempio, hanno dichiarato che le loro auto hanno percorso più di 257.000 km senza problemi. Questa indagine ha coinvolto 350 proprietari di Tesla, che hanno sperimentato un calo del 5% della capacità dopo 80.000 km. Per scendere al 90% hanno però dovuto fare 297.000 km. I viaggiatori di lungo corso hanno notato una capacità residua dell’80% dopo ben 800.000 km. La Nissan ha indagato sulle Leaf con uno studio su 40.000 proprietari, rilevando che le batterie potrebbero durare 10 anni più dell’automobile. Francisco Carranza, managing director di Renault Nissan Energy Services, ritiene che le batterie della Leaf potrebbero essere usabili fino all’età di 22 anni, anche se con capacità e quindi autonomia ridotta. Per la BMW i3 non ci sono studi così approfonditi, ma un esemplare che ha percorso 112.700 km in 3 anni ha conservato il 98,4% della sua capacità.

AMPI MARGINI DI MIGLIORAMENTO - Si può quindi essere abbastanza tranquilli sulla durata della costosa batteria delle auto elettriche. Teniamo conto che gli elementi al litio sono una tecnologia relativamente recente e che già si intravedono pack che durano ben più dei canonici 1.000 cicli completi, promettendo percorrenze di 1.600.00 km. Le celle litio ferro fosfato, per esempio, immagazzinano meno energia per chilogrammo, ma sono più economiche e sostenibili, non avendo il pericoloso cobalto. Fra gli altri vantaggi abbiamo una durata superiore ai 2.000 cicli, la scarsissima infiammabilità ed un’alta efficienza di carica, che riduce i costi per fare 100 km.

LE SOLITE PRECAUZIONI - In caso di danneggiamento o “morte” prematura delle batterie dovrebbe essere possibile sostituire solo i moduli - sono gruppi di celle - coinvolti invece che l’intero pack, per un risparmio consistente. Per allungare la vita delle batterie, per le elettriche valgono le le stesse precauzioni che andrebbero seguite per gli elementi dei cellulari. Sono da evitare quindi sia le scariche troppo profonde sia le ricariche al 100%. Sarebbe opportuno non caricare in climi estremi (molto caldi o freddi) e non superare l’80% della capacità. Al riguardo sottolineiamo che molte elettriche possono impostare un livello massimo di carica, raggiunto il quale la ricarica si arresta. Poi non bisogna eccedere né con le scariche profonde né con le cariche rapide in continua che, per quanto comode, potrebbero provocare surriscaldamenti localizzati agli elementi. Questo consiglio non deve però diventare un’ossessione perché i moderni Battery Management System (BMS) sono molto solerti nella protezione della batteria. Ultimo ma non ultimo, cercare di non essere violenti con l’acceleratore: provare spesso lo scatto fulmineo delle auto elettriche equivale a sottoporre la batteria a numerose scariche violente.

> QUANTO COSTA RICARICARE L'AUTO ELETTRICA
 



Aggiungi un commento
Ritratto di Paolovr
11 dicembre 2020 - 08:37
Grazie RubenC, in effetti non mi è chiaro per niente. Comunque, indipendentemente dai vari modi di misurare la capacità della batteria, alla fine il dato davvero reale è quello sul campo.
Ritratto di RubenC
11 dicembre 2020 - 08:41
1
Ok, in pratica la batteria mantiene per relativamente poco tempo il 100% di capacità. Entro i 50.000 km perde circa il 4-5%, poi la discesa rallenta di molto e per raggiungere il 90% della capacità originaria servono circa 300.000 km. I dati sono tratti da Electreck, ma dato che anch'io ho una Model 3, posso confermare personalmente che funziona così.
Ritratto di RubenC
11 dicembre 2020 - 08:44
1
Scusa la risposta forse un po' aggressiva di prima, ma ti avevo scambiato per uno di quei denigratori che citano dati a caso pur di sostenere che le elettriche sono brutte e cattive a priori.
Ritratto di Paolovr
11 dicembre 2020 - 08:59
Non preoccuparti, anche se intervengo poco, leggo sempre i commenti e capisco a cosa ti riferisci. Molto interessante (e rassicurante) la tua risposta, grazie.
Ritratto di RubenC
11 dicembre 2020 - 09:08
1
Di nulla. :-)
Ritratto di katayama
9 dicembre 2020 - 21:20
Sì, ma le prime Leaf con 24 kWh, solo 117 km di autonomia e senza nessun active battery thermal management system (solo raffreddamento passivo ad aria e nemmeno una ventola d'emergenza), dopo 8 anni hanno una capacità residua media del 70%, con oltre 2'000 vetture prese in esame. Fonti: Flip the Fleet - Nuova Zelanda e Plug In America - USA. E il 30% di perdita su quell'autonomia è tanto. Qui si dice che potrebbero durare 10 anni. Col condizionale, io tra 10 anni potrei aver vinto il Nobel.
Ritratto di RubenC
9 dicembre 2020 - 21:24
1
Parliamo di un'auto molto vecchia con batteria di dimensioni ridotte e priva dei moderni sistemi di battery management. In ogni caso, al massimo i tuoi dati mostrano che la Leaf 24 kWh non ha accumulatori longevi, ma non che per gli altri modelli funzioni uguale (dato che, come riportato nell'articolo, le statistiche reali sugli altri modelli danno risultati molto migliori).
Ritratto di marcoluga
9 dicembre 2020 - 21:37
2
Quando i primi proprietari vorranno rivendere l’auto, capiremo dai valori residui quanto valgano nel mondo reale. Lasciamoci sorprendere. Tra l’altro 4R ha da poco fatto un inchiesta specifica, non molto lusinghiera...
Ritratto di RubenC
9 dicembre 2020 - 21:39
1
L'inchiesta di 4R ha un sacco di buchi... Comunque, fatti un giro fra gli annunci dell'usato su Subito o qui su alVolante... vedrai che la situazione è ben diversa.
Ritratto di Zot27
9 dicembre 2020 - 22:44
In Italia, con le teste che ci sono, votate soprattutto al puzzolio, figurarsi se l'usato ev poteva essere preso in degna considerazione.
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Citroën C3
    Citroën C3
    da € 13.650 a € 21.900
  • Kia Rio
    Kia Rio
    da € 16.350 a € 21.900
  • Nissan Navara
    Nissan Navara
    da € 32.204 a € 51.787
  • Nissan Juke
    Nissan Juke
    da € 21.300 a € 28.560
  • Nissan Micra
    Nissan Micra
    da € 16.600 a € 21.600

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Mercedes EQB 300 Premium 4Matic
    62.000 (indic.)
    La Mercedes EQB è la variante a batteria della suv GLB: ben fatta, con un raffinato infotainment e anche a sette posti, scatta bene, ma meno delle rivali (che hanno anche un’autonomia dichiarata maggiore).
  • MG Marvel R 70 kWh Performance
    € 49.990
    La Marvel R Performance è la suv elettrica più potente della casa cinese MG: ha tre motori, 288 CV e la trazione integrale. È comoda e ha un’accelerazione bruciante; peccato per qualche plastica sottotono.
  • MG ZS 1.0 T-GDI Luxury
    € 19.900
    Rinnovata nella linea, la crossover cinese MG ZS, già a listino in versione elettrica, ora è disponibile anche col 1.0 turbo a benzina da 111 CV. È comoda e spaziosa, ma lenta in ripresa.