E il termometro dell'acqua?

26 giugno 2009
Tecnologia
L’affidabilità dei motori ha portato molte Case a eliminare il termometro dell’acqua: un risparmio per i Costruttori, una carenza per chi usa l’auto. Sapere, ad esempio, se la temperatura sta salendo troppo velocemente può aiutarci a prevenire danni molto costosi.
Un caro ricordo

 

 

 

 

 

 

ORMAI NON C'È PIÙ - Manca ormai dai cruscotti di molte auto, in particolare da quelli delle utilitarie: il termometro del liquido di raffreddamento viene rimpiazzato, sempre più spesso, da un’economica spia che si accende quando la temperatura è troppo alta e (ma solo su qualche modello) anche quando è troppo bassa. Le Case giustificano il risparmio (qualche euro) con una serie di motivazioni tecniche, che, però, non ci convincono del tutto.

NON È PIÙ NECESSARIO COME ANNI FA, MA AIUTA SEMPRE - Oggi, è vero, i motori moderni sono più affidabili di una volta, sia per come sono progettati, sia perché l’elettronica aiuta a limitare i danni nelle situazioni d’emergenza (come il surriscaldamento); in sostanza, il motore sa “proteggersi” da sé. A patto di tenerlo d’occhio con regolarità, però, il termometro è ancora utile: indica se la temperatura è troppo bassa (in quel caso, meglio non sfruttare a fondo il motore: si rischia di rovinarlo) e, se tende a salire troppo, permette di prevenire le anomalie, evitando “panne” e gravi stress meccanici.

(prosegue a pagina 2)

Il sistema un po’ raffredda, un po’ scalda

Sopra, un cruscotto della Mazda 3. Nel cerchiolino rosso l'indicatore della temperatura dell'acqua.

 

 

 

 

 

 

TUTTO FUNZIONA MEGLIO - Un motore funziona al meglio e si usura poco quando la temperatura del liquido di raffreddamento è a regime (tra 90 e 105 °C): in queste condizioni i “giochi” tra gli organi meccanici sono giusti, l’olio ha la corretta fluidità e il carburante vaporizza più rapidamente.

ALLA RICERCA DEL GIUSTO EQUILIBRIO - Il sistema di raffreddamento serve proprio a mantenere la giusta temperatura smaltendo o trattenendo il calore, in base al funzionamento.A freddo agisce il termostato: una valvola che, escludendo il passaggio del liquido nel radiatore, accelera il raggiungimento dei 90 °C. Il flusso d’aria che attraversa il radiatore è poi sufficiente per smaltire il calore del motore in velocità, ma non in coda o nelle salite.

Per evitare che la temperatura salga troppo, c’è l’elettroventola, che parte lentamente a 97-98 °C, e gira più veloce se si arriva a 100-102 °C. Quando tutto è a posto, si può sfruttare al massimo il motore anche se fuori ci sono 40 °C, ma basta un radiatore sporco o una perdita di liquido per causare un surriscaldamento.

GUAI DIETRO L’ANGOLO - È allora che l’elettronica “ci mette una pezza”: per ridurre la temperatura esclude il climatizzatore dell’aria, poi modifica l’anticipo di accensione, arricchisce la miscela e infine “taglia” la potenza. Spesso, però, sarebbe bastata un’occhiata attenta al termometro per affrontare subito il problema.

Aggiungi un commento
Ritratto di gene60
20 ottobre 2009 - 15:41
sono un sostenitore del termometro dell'acqua..penso che serva a controllare le temperature specialmente in estate ed anche quando il motore raggiunge la sua temperatura ottimale e si può cominciare a sfruttarlo in pieno...la spia non la vedo molto sicura chi mi conferma che al momento opportuno funzionerà?? ma ho notato almeno nelle ultime auto fiat o lancia che anche quando c'è è come se non ci fosse..nel senso che raggiunto il valore di centro strumento poi non si muove più di li..ne se uno viaggia a temperature esterne -10° ne a +40°..per cui è quasi inutile!
Ritratto di franky
21 ottobre 2009 - 14:57
ho ordinato una fiesta 1.4 tdci titanium e purtroppo manca il termometro acqua e non e' neppure ordinabile a richiesta, quando arrivera' senz'altro ne istallero' uno artigianale, il mio meccanico ha detto che si puo' mettere anche se non bello come estetica, ma senz'altro molto utile, ciao a tutti
Ritratto di Montreal
26 ottobre 2009 - 22:19
Ragazzi è inammissibile che sulle auto di nuova concezione manchi un piccolo ma prezioso strumento...le case automobilistiche proprio non le capisco, prima imbottiscono di elettronica..auto che parcheggia da sola, auto che vede nella nebbia ecc....e poi x un termometro da 10 euro si perdono....PEZZENTI! COM'è PEZZENTE LA FIAT! bisognerebbe comprare solo le auto provviste di termometro!
Ritratto di Gioctge46
16 novembre 2009 - 10:29
Ho l'ultimo modello dell'opel corsa e quando la mattina esco non riesco mai a capire quando posso cominciare a tirare un po più le marce o meno perchè non essendoci il termometro non posso sapere se il motore si è già riscaldato o ancora no.
Ritratto di Michele 74
20 novembre 2009 - 15:28
3
Sono d'accordissimo con quanto su esposto circa l'utilità del termometro. Io finora ho posseduto solo macchine Fiat (127 - Uno - Punto 1a serie - Punto Classic e Nuova Panda) e tutte avevano in dotazione questo strumento indispensabile; lo stesso non si può dire di certe auto ritenute migliori delle Fiat, come ad esempio alcuni modelli Opel (comprese le attuali Corsa ed Agila) e le tanto blasonate Volkswagen (è presente solo sulla Golf, la nuova Polo, appena uscita, non lo monta in nessun allestimento). E poi criticano la Fiat, che a quanto pare ha parecchio da insegnare...!
Ritratto di fafner
17 maggio 2011 - 19:37
situato a ds sotto il contagiri insieme all'indicatore livello carburante.
Ritratto di gianni52
22 novembre 2009 - 13:02
Sono perfettamente in linea con tutti gli altri commenti: il termometro dell'acqua, se ben sorvegliato, ci permette di evitare guai seri al motore. In passato mi è capitato di notare che la temperatura del liquido refrigerante era "un po' salita" e, recatomi dal mio meccanico di fiducia, ha constatato il malfunzionamento di un termostato: cambiato il pezzo, tutto è tornato nella norma. Un mio amico ha avuto il caso contrario: la temperatura non raggiungeva il regime ottimale di lavoro: controllo e sostituzione di un altro termostato e tutto è tornato ok. Solo con l'ausilio della SPIA tutto ciò avrebbe avuto lo stesso risultato?????????
Ritratto di gianni52
22 novembre 2009 - 13:09
Mi chiedo e Vi chiedo: visto che la mia auto nuova non ha questo benedetto termometro, se dovessi farlo installare a cosa vado incontro? La garanzia della casa decade? Ho una Hyundai Tucson 2.0 cc benzia/gpl ed il concessionario mi ha detto che il termometro dell'acqua non è necessario perchè, in caso di anomalia, il motore andrebbe preventivamente in "autoprotezione". Sarà vero?...
Ritratto di Al86
22 novembre 2009 - 13:56
Pure una "Low cost" come la Chevrolet Aveo c'è l'ha, vabbè che la vendono anche negli USA (guardatevi i cruscotti delle americane, ci sono tanti indicatori che da noi non mettono da un po'), la spia se è ben tarrata può al limite andar bene (nel senso che si deve accendere quando l'acqua raggiunge una temperatura "critica", non quando ormai hai fuso il motore) però può essere afflitta da tutti i problemi ai quali incorre l'elettronica (falsi allarmi, sensori malfunzionanti, led che si dissaldano dal chip, ...) sempre meglio il caro vecchio e affidabile termometro
Ritratto di flatsix
3 dicembre 2009 - 13:32
Ciao a tutti. Partendo dal presupposto che per me il termometro del liqiudo refrigerante è FONDAMENTALE, sulle auto moderne il fatto che ci sia l'indicatore, comunque non deve far stare tranquilli. Gli indicatori moderni sfruttano una logica particolare, cioè non indica le variazioni di temperatura, ma lascia l'indicatore fermo a 90° e inoltre in caso di surriscaldamento, non "avvisa" precipitosamente il conducente proprio per evitare di farlo "spaventare"...lo fa solo se la situazione è proprio gravosa! Una logica simile l'adotta l'indicatore di carburante delle auto diesel moderne con sistemi di iniezione delicatissimi: quando l'auto entra in riserva, e il conducente non fa rifornimento, sul limite dei due litri rimanenti la centralina motore fa singhiozzare leggermente l'auto per ricordare al conducente "stupido" che l'auto ha sete! (sistema montato sui motori PSA 2.7 V6 diesel e 3.6 V8 diesel) Io non accuso i costruttori di automobili, ma l'acquirente! Il classico acquirente ama le comodità, non vuole preoccuparsi di nulla...al massimo deve fare rifornimento di carburante e basta...tanto (per lui) pensa a tutto l'elettronica. Comunque una persona attenta, se c'è una perdita dall'impianto, sentirà un'odore dolciastro che il liquido (glicol-etilene) emana quando è caldo! Ciao a tutti.
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Aston Martin DB11 Volante
    Aston Martin DB11 Volante
    da € 205.641 a € 205.641
  • Subaru BRZ
    Subaru BRZ
    da € 32.990 a € 32.990
  • Hyundai Tucson
    Hyundai Tucson
    da € 22.650 a € 40.400
  • Mercedes S Cabrio
    Mercedes S Cabrio
    da € 269.917 a € 269.917
  • Mercedes S Coupé
    Mercedes S Coupé
    da € 105.087 a € 259.960

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI