ESP auto: cos’è, come funziona e quando la spia è accesa

Tecnica
Pubblicato 24 agosto 2022

Cosa è l’ESP delle auto, come funziona, a cosa serve, come disattivarlo e cosa fare in caso di ESP guasto (quando si accende la spia).

ESP delle auto: cos’è, a cosa serve e come funziona? È presente in tutte le auto moderne e di nuova generazione ed è una sigla che significa Programma Elettronico di Stabilità. In questo articolo andremo a fornire tutte le informazioni utili su questo sistema di sicurezza e vedremo cosa bisogna fare quando la spia si accende e, in particolare, come disattivarlo. 

ESP AUTO: COS’È?

Il primo ESP di Bosch fu montato su una Mercedes Classe S nel 1995. Successivamente toccò alla BMW Serie 7 e poi alla Toyota (qui per saperne di più). Pian piano il sistema ESP iniziò a vedersi su tutte le auto di nuova generazione, ogni volta, a seconda della casa produttrice, con un nome e un acronimo diverso, fino a diventare una componente installata di serie dal 2011. 

ESP è un acronimo che sta per Elektronisches Stabilitätsprogramm (denominazione brevettata proprio dalla Bosch), ovvero Electronic Stability Program, o in italiano Programma Elettronico di Stabilità. Com’è facilmente intuibile dal nome, si tratta di un sistema di sicurezza che influisce sulla guida della vettura. L’ESP è noto anche come VDC (Vehicle Dynamic Control), VSC (Vehicle Stability Control) o DSC (Dynamic Stability Control). Tutte terminologie queste che spiegano bene cos’è l’ESP, a cosa serve e come sia un’evoluzione dei sistemi di sicurezza già presenti nell’auto (tra tutti l’ABS). Il sistema ESP lavora in sinergia con il sistema di antibloccaggio freni, con il controllo di trazione e con il motore stesso, per garantire un maggiore controllo di stabilità alla vettura durante la fase di guida

A COSA SERVE L’ESP AUTO?

Lo scopo primario dell’ESP auto è quello di prevenire pericolose sbandate mentre si guida, aumentando la stabilità della vettura. Il sistema agisce sul motore, regolandone la potenza, e sul sistema dei freni, applicando un bloccaggio sulle pinze freno che agiscono sulle ruote anteriori o posteriori, con un’intensità differente rispetto al normale, in modo tale da stabilizzare l’assetto dell’auto e minimizzare i rischi di perdita di controllo del veicolo. Grazie a questo lavoro, il guidatore ha più facilità nel riprendere il controllo del mezzo.

ESP AUTO: COME FUNZIONA

Il sistema ESP si serve di molteplici sensori (velocità, accelerazione, sterzo, freno, etc.) ed è sempre in allerta durante la guida. Il sistema ESP entra in funzione quando la superficie percorsa risulta anomala e l’aderenza al terreno risulta differente rispetto a situazioni di normalità (in caso di neve, ad esempio, o di strade allagate), e in situazioni di sovrasterzo (quando si prende una curva più stretta, con conseguente perdita di aderenza dell’asse posteriore rispetto all’anteriore, cosa che può provoca una sbandata violenta o un testa coda) o sottosterzo (quando è l’asse anteriore del veicolo a sbandare rispetto all’asse posteriore, allargando considerevolmente la curva). In tutti questi casi l’ESP agisce (o sulle ruote anteriori o sulle ruote posteriori, a seconda dei casi) generando una dinamica opposta a quella che provoca la sbandata, annullandone gli effetti e minimizzando i rischi. 

Quando si guida sulla neve, l’ESP dialoga strettamente con il TCS (Sistema di controllo della trazione) e l’ABS, aumentando la stabilità del veicolo in particolar modo quando si frena (valido anche in caso di suolo bagnato dalla pioggia). 

L’azione dell’ESP è quindi un dialogo con il sistema frenante (che può agire su una sola ruota o su più ruote in condizioni più critiche) e con la centralina del motore (riducendone giri e potenza).

Nel corso degli anni l’ESP si è ulteriormente evoluto, aggiungendo funzionalità e integrazioni che possono essere anche disattivate dal guidatore e la cui attivazione viene segnalata da apposite spie. 

COSA SIGNIFICA SE LA SPIA È ACCESA?

La spia dell’ESP e delle sue funzioni può accendersi nel caso in cui sia attivo, quindi se c’è una criticità e il sistema entra in funzione per correggere quell’anomalia e aumentare la stabilità del veicolo, oppure se c’è un guasto al sistema. Nel primo caso, quindi, non bisogna fare nulla, se non aiutare il sistema ESP, riprendendo il controllo del veicolo, senza cimentarsi in sterzate brusche e violente. Nel secondo caso, invece, bisogna capire dove si trova il guasto

ESP AUTO È GUASTO? COSA FARE

Nel caso in cui la spia dell’ESP si accenda nel quadro centrale quando avviamo il motore o senza che ci sia un motivo particolare, allora possiamo trovarci di fronte a un problema più serio. Il guasto può riguardare uno dei sensori che risultano importanti per il funzionamento del sistema, oppure la centralina. Quando la spia si accende perché c’è un problema, il sistema ESP non funziona, quindi il guidatore deve essere consapevole di avere una protezione in meno e guidare con maggiore cautela, in attesa di recarsi in officina e far risolvere il guasto. 

ESP AUTO: COME E QUANDO È MEGLIO DISATTIVARLO?

Il sistema ESP è un sistema di sicurezza molto importante per l’automobile, diventato di serie da poco più di un decennio. Disattivarlo senza ragione è quindi sconsigliato, perché, nei modelli dove è possibile disattivarlo, significherebbe guidare con una protezione e una tutela di sicurezza in meno. 

Tuttavia, ci sono dei casi in cui è meglio disattivare l’ESP, perché si sta guidando in condizioni dove questo sistema di sicurezza andrebbe ad agire contrastando l’operazione che effettivamente serve per uscire da una situazione critica. In questi casi è necessario leggere attentamente il libretto di uso e manutenzione dell’auto: solitamente, disattivare l’ESP (generalmente si tratta di una disattivazione parziale, peraltro, che riguarda quindi solo alcune funzioni e non l’intero sistema) può essere fatto premendo su un pulsante, oppure agendo sul computer di bordo (ma solo quando l’auto è ferma).



Aggiungi un commento
Ritratto di Oronzo Birillo
24 agosto 2022 - 11:41
Il miglior sistema di sicurezza resta il guidatore ma ben vengano gli aiuti elettronici.
Ritratto di Andre_a
24 agosto 2022 - 12:00
9
Quella foto della Chrysler sembra un invito a disattivare l'ESP :P Aggiungo all'articolo, che in molti casi l'ESP (e l'ABS) può essere disattivato completamente rimuovendo un fusibile. Ovviamente, da fare solo in pista o quasi.
Ritratto di america
24 agosto 2022 - 14:54
6
Secondo me il tipo si stava divertendo ;)
Ritratto di Andre_a
24 agosto 2022 - 15:25
9
Ci puoi scommettere! Avrebbero dovuto mettere anche una foto dell'autista: annoiato sopra, sorriso a 42 denti sotto
Ritratto di america
24 agosto 2022 - 16:31
6
eheheh. Comunque, scusa per il piccolo OT però nell'articolo della "pandona" il sito non mi lascia rispondere: Bravo, sei stato più "fine" di me nel capire il tutto ed infatti poi la redazione ha corretto, non c'ero arrivato, ma almeno sono uno tra i pochi che lo ammette tranquillamente ed amen ;)
Ritratto di Andre_a
24 agosto 2022 - 16:48
9
Figurati, un confronto civile fa sempre piacere. Vivo in Giappone, ho amici qui che sono quasi una famiglia, quindi sono particolarmente sensibile all'argomento :)
Ritratto di Freedom7
25 agosto 2022 - 14:54
Personalmente non è mai entrato in funzione da 15 anni a questa parte. Non vorrei che se facessi all' Andre, proprio la volta che mi potrebbe servire, mi romperei i 42 denti... Abbinato all' ESP c'è il controllo della trazione, questo sì che è entrato in azione più volte.

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • DS 3
    DS 3
    da € 28.050 a € 48.550
  • Opel Combo-e Life
    Opel Combo-e Life
    da € 36.205 a € 41.755
  • Opel Astra Sports Tourer
    Opel Astra Sports Tourer
    da € 27.250 a € 42.100
  • Opel Astra
    Opel Astra
    da € 26.250 a € 42.100
  • BMW Serie 3
    BMW Serie 3
    da € 45.550 a € 74.550

PROSSIME USCITE

ottobre 2022
novembre 2022

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Alfa Romeo Tonale 1.6 Multijet Ti
    € 40.500
    Anche nella briosa variante con il 1.6 diesel da 131 CV la crossover media Alfa Romeo Tonale si fa apprezzare per lo sterzo preciso e la buona maneggevolezza. Però niente “palette” dietro il volante per il cambio a doppia frizione.
  • Smart #1 Brabus
    48.150 (indic.)
    La nuova Smart #1 è una crossover compatta, ma accogliente. Ha un design moderno e interni curati. È ben accessoriata, ma si paga cara, soprattutto in questa pepatissima versione Brabus da 428 CV (fin troppi…)
  • Suzuki S-Cross 1.5 Hybrid Starview 4WD
    € 35.590
    Aiutata dall’efficace sistema di trazione integrale la crossover compatta Suzuki S-Cross si muove con disinvoltura sia su strada sia nell’off-road. Con 114 CV, però, le prestazioni non sono molto brillanti. Ricca la dotazione di serie.