Gas di scarico: cosa sono e come sono composti

Tecnica
Pubblicato 23 novembre 2022

Cosa sono i gas di scarico, da cosa sono composti e cosa provocano? Bersaglio delle misure e dei sistemi antinquinamento, ecco quello che c’è da sapere al riguardo. 

Si sente spesso parlare di gas di scarico, perché oggetto di normative antinquinamento, o di limitazioni al traffico che comprendono prevalentemente i vecchi veicoli. In questa guida spiegheremo nel dettaglio cosa sono i gas di scarico, da cosa sono composti e perché sono dannosi e correlati all’inquinamento dell’aria che respiriamo. Non mancheremo di precisare quando vanno controllati e quando è necessario recarsi in officina per i problemi a questo tipo di emissione nociva. 

COSA SONO I GAS DI SCARICO

Quando il carburante entra in circolo per alimentare il motore della vettura circolante emette dei gas di scarico. L’emissione di queste sostanze nocive viene evidenziata in particolare quando mettiamo in moto o quando ripartiamo, ad esempio al semaforo, con del fumo, che può essere anche di colore intenso (sul significato dei colori ci torneremo in un paragrafo successivo) che esce per l’appunto dallo scarico dell’auto. Nell’eventualità in cui il fumo uscito dal tubo di scarico risultasse così evidente, sarebbe necessario un controllo in un’officina specializzata.

Sostanzialmente, i gas di scarico fanno parte di un processo chimico che viene causato dalla combustione del carburante utilizzato, ovvero dalla miscela aria-benzina o aria-gasolio: l’immissione nell’aria di questi gas di scarico da parte del motore comporta problemi per la qualità dell’aria che respiriamo, con conseguenze anche sulla salute delle persone. Specialmente per questo motivo, negli ultimi anni si sta spingendo verso l’incentivazione dell’acquisto dei veicoli a basse emissioni o a 0 emissioni, come quelli elettrici. 

DA COSA SONO COMPOSTI I GAS DI SCARICO

La composizione del carburante vede la presenza di atomi di idrogeno e carbonio. L’aria, come ben sappiamo, è fatta di ossigeno. Nella miscela tra aria e carburante (benzina o gasolio), avviene un processo di combustione che però non risulta completo, rilasciando così una determinata quantità di sostanze nocive e inquinanti, ovvero monossido di carbonio, idrocarburi incombusti, ossidi di azoto, ossido zolfo e particolato carbonioso. 

Queste sostanze le troviamo spesso classificate nelle seguenti sigle e possono essere descritte come nella tabella che segue:

SOSTANZA

SIMBOLO

DESCRIZIONE

Monossido di carbonio

CO

Privo di colore e di odore, è molto pericoloso per la salute, perché ostacola l’afflusso di ossigeno ai tessuti, legandosi allo ione del ferro. Elevate concentrazioni di CO possono portare a danni gravi anche dopo diverse ore (può essere il caso di auto lasciate con il motore acceso per diversi minuti). La presenza di questa sostanza si può rilevare solo tramite apposito strumento elettronico

Ossidi di azoto

NOx

Queste molecole si compongono da Azoto (N) e Ossigeno (O) e sono sostanze molto pericolose per l’apparato respiratorio, nocive soprattutto per chi soffre di asma. Si genera tramite i processi di combustione a elevate temperature e, al contrario del CO, ha un odore forte e ha un colore tra il giallo e il rosso.

Ossido di zolfo

SOx

Sono composti da anidride solforosa (SO2) e anidride solforica (SO3) e la reazione con l’acqua produce acido solforico. Il biossido di zolfo (SOx2) in particolare, non ha colore, ma ha un odore pungente ed è il più pericoloso. Questa sostanza inquinante irrita le vie respiratorie. 

Idrocarburi incombusti

HC

Si tratta di composti chimici formati da Idrogeno (H) e Carbonio (C) ed emettono energia durante il processo di combustione. Alcuni composti che formano e che non prendono parte alla combustione possono essere cancerogeni: tra questi il più comune è il benzene, le cui elevate concentrazioni possono provocare il cancro o patologie ematologiche. 

Particolato carbonioso

PMx

È una miscela di particelle, che possono essere solide o liquide, le quali vengono prodotte durante il processo di combustione e poi emesse nell’aria dove rimangono sospese. Queste particelle possono avere differenti caratteristiche fisiche, morfologiche e chimiche. La loro pericolosità è maggiore più piccola è la loro dimensione. 

 

GAS DI SCARICO DIESEL CANCEROGENI

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, tramite l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, nel 2012 ha aggiunto all’elenco delle sostanze inquinante anche i gas di scarico dei motori diesel: infatti, secondo il report, ci sono prove attendibili e in quantità sufficiente per correlare l’esposizione a queste sostanze nocive all’insorgere dei tumori al polmone e del cancro alla vescica (nel 1998 queste sostanze erano state definite “probabilmente cancerogene”). 

INQUINAMENTO E GAS DI SCARICO

Oltre ai problemi alla salute, i gas di scarico emessi dalle auto contribuiscono a incrementare in modo notevole le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera. Inoltre, in quelle città dove sono maggiormente presenti fabbriche e industrie e dove c’è una elevata concentrazione di traffico giornaliero, i gas di scarico contribuiscono anche alla formazione di nebbia e smog. 

Dall’inizio degli anni Novanta a oggi, l’Unione Europea sta lavorando per ridurre la quantità di emissioni nocive nell’aria, varando provvedimenti attuati poi dai singoli Paesi. 

I veicoli sono classificati in base alla categoria ambientale, definita da relativa normativa. In base alla classe ambientale, i veicoli possono godere di agevolazioni o limitazioni (al traffico, ad esempio). Andiamo a vedere quali sono queste sigle e cosa indicano nella tabella che segue:

NORMATIVA EURO

ANNO DI ENTRATA IN VIGORE

DESCRIZIONE

0

 

Veicoli più inquinanti

1

1993

Auto alimentate a iniezione (diesel) o con catalizzatore (benzina)

2

1997

Auto immatricolate dopo il 1° gennaio 1997

3

2001

Auto immatricolate dopo il 1° gennaio 2001 e introduzione del sistema EOBD (European On Board Diagnostics) sui modelli a benzina

4

2006

Veicoli meno inquinanti immatricolati a partire dal 1° gennaio 2006

5

2009

Riguarda i veicoli omologati dopo il 1° settembre 2009 con eccezione per auto già in produzione e deroga fino al 1° gennaio 2011. Il FAP (Filtro Antiparticolato) sui veicoli con motore diesel diventa obbligatorio

6

2015

Riguarda i veicoli immatricolati dal 1° settembre 2015 e si suddivide in sottocategorie quali 6°, 6B, 6C e 6D-Temp, definite in base al quantitativo di emissioni ufficializzato durante la procedura di omologazione

 

GAS DI SCARICO: QUANDO SERVE RECARSI IN OFFICINA?

È sempre meglio recarsi in officina per sottoporre il veicolo a un controllo quando esce del fumo dal tubo di scarico. Quest’ultimo può essere di colore diverso e può voler significare diverse cose, dipende anche se l’auto è alimentata a benzina o a diesel. 

In caso di colore nero, se la macchina ha un motore diesel allora potrebbe significare che il filtro antiparticolato risulta impregnato, mentre se ha un motore a benzina, l’anomalia potrebbe riguardare il filtro dell’aria o gli iniettori. 

Se il fumo è di colore bianco e persiste per diverso tempo, la causa potrebbe essere una perdita del liquido di raffreddamento. 

Infine, se il fumo è di colore grigio o bluastro, allora adduce a un maggiore e anomalo consumo di olio motore, forse a causa di guarnizioni arrivate a fine vita. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Firebrand
23 novembre 2022 - 08:50
Aggiungo a completezza dell'articolo: quando leggete "inquinamento dell'aria", significa letteralmente "avvelenamento dell'aria", ma scritto usando delle parole che suscitano una reazione emotiva neutra (ovvero, per non allarmare le persone). Separatamente, quando si scrive "i gas di scarico emessi dalle auto contribuiscono a incrementare in modo notevole le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera" si sottintende, senza dunque scriverlo esplicitamente, che le emissioni di anidride carbonica sono dei GAS SERRA, e che quindi sono responsabili del SURRISCALDAMENTO GLOBALE. Infine tutte le sostanze tossiche elencate sono altamente velenose e/o cancerogene: questo vale sia per i gas di scarico dei motori benzina che per quelli diesel. Tra essi, ricordo che il monossido di carbonio è quello responsabile di moltissime morti nei casi in cui un veicolo con motore a scoppio rimanga acceso per molto tempo in spazi chiusi: è un modo classico in cui ad esempio nei film fanno fuori le persone, o alcuni si suicidano. Fate voi...
Ritratto di Firebrand
23 novembre 2022 - 08:55
Sempre a completezza di quanto riportato nell'articolo, ecco alcuni effetti sugli esseri umani dell'avvelenamento dell'aria delle nostre città: malattie cardiovascolare e respiratorie aggravate, aggiunto stress al cuore e ai polmoni (che devono lavorare di più per fornire ossigeno al corpo), cellule danneggiate nel sistema respiratorio, invecchiamento accelerato dei polmoni, perdita della capacità polmonare e ridotta funzionalità polmonare, sviluppo di malattie come asma, bronchite, enfisema e possibilmente cancro, durata della vita ridotta.
Ritratto di dreamerofcars
23 novembre 2022 - 09:31
Durante i lockdown la qualita' dell'aria non era migliorata significativamente. L'inquinamento principale non dipende dalle auto. Quindi non servono le elettriche.
Ritratto di Firebrand
23 novembre 2022 - 10:26
Sembra quasi che tu non viva sullo stesso pianeta di noi tutti. Ti hanno fatto il lavaggio del cervello, e fai affermazioni senza alcun fondamento scientifico. Guarda che anche tu sei intossicato dalla stessa aria velenosa che respiriamo noi... come puoi difendere chi avvelena te e la tua famiglia?
Ritratto di Firebrand
23 novembre 2022 - 10:32
Aggiungo, che se una persona accende un'auto con un motore a scoppio in uno spazio chiuso, come un garage, e aspetta 1-2 ore, l'aria diventa così velenosa che muore, e peraltro di una morte terribile. Fai un pò te...
Ritratto di Flynn
23 novembre 2022 - 13:20
Anche se ti chiudi in una cucina chiusa con il fornello acceso tiri la gamba dopo un paio d’ore. Non a caso la ventilazione dei locali è obbligatoria.
Ritratto di dreamerofcars
23 novembre 2022 - 13:24
anche se ti chiudi in stanza con me, dopo che ho mangiato il minestrone, l'aria diventa velenosa;)
Ritratto di Flynn
23 novembre 2022 - 13:29
:)-))))))))))))) ahahahah. Immagino che il sound sia paragonabile al boxer della 33.
Ritratto di dreamerofcars
23 novembre 2022 - 13:42
direi piu' un V8 Montreal, il minestrone e' bio ;))))))
Ritratto di dreamerofcars
23 novembre 2022 - 13:22
Ma no, vivo dove vivete voi. E' solo che mi piace di piu' una propaganda diversa.

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Suzuki Vitara
    Suzuki Vitara
    da € 24.900 a € 33.900
  • Suzuki Swift
    Suzuki Swift
    da € 21.000 a € 26.400
  • Suzuki S-Cross
    Suzuki S-Cross
    da € 26.990 a € 35.890
  • Suzuki Ignis
    Suzuki Ignis
    da € 20.400 a € 22.400
  • Suzuki Across
    Suzuki Across
    da € 55.400 a € 55.400

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Peugeot 408 1.6 Plug-in Hybrid 224 CV GT
    € 47.700
    Innovativa nello stile, la Peugeot 408 è una berlina che offre spazio, comfort e cura nelle finiture. Buone le prestazioni di questa plug-in e ricca la dotazione, se non per gli airbag.
  • Jeep Avenger BEV 1st Edition
    € 39.500
    Prime impressioni di guida della “baby Jeep” in versione elettrica. Bel design, tanta tecnologia e una notevole agilità. Bene il comfort, qualche dettaglio migliorabile.
  • Alfa Romeo Tonale 1.3 Plug-in Hybrid Veloce Q4
    € 55.900
    Nella versione ibrida “ricaricabile” la crossover media Alfa Romeo Tonale diventa 4x4, ha 280 CV ed è agile quanto brillante. Il baule, però, è meno capiente.