Orientarsi nelle promozioni delle auto: le “parole chiave”

Vivere con l'auto
Pubblicato 06 luglio 2020

Quando si sta per comprare un’auto si apre un mondo di opzioni, e di termini da “addetti ai lavori”, come anticipo, valore futuro garantito, taeg.... Vediamo che cosa significano.

UNA VOLTA ERA PIÙ SEMPLICE… - Un tempo per comprare un’auto nuova c’erano due strade: pagarla in contanti o chiedere un finanziamento. Oggi le opzioni sono ancora di più: si può chiedere un prestito in banca o, come accade più frequentemente, affidarsi alla finanziaria indicata dalla concessionaria. Oppure, ancora, prendere l’auto a noleggio a lungo termine o in leasing: per aziende, partite Iva e anche privati. Spesso sono le stesse case automobilistiche a erogare i prestiti attraverso società finanziarie dedicate, come la FCA Bank. Talvolta non viene finanziato l’intero valore dell’auto, ma si richiede un anticipo e/o una maxi-rata finale. Dev’essere chiaro, comunque, il costo del prestito: è espresso dal taeg, il tasso annuo effettivo globale; mentre il tan (tasso annuo nominale) indica soltanto gli interessi. Vediamo questi termini uno per uno. Se, invece, già avvezzo all’argomento, sei a caccia di un'auto...

> SCOPRI LE PROMOZIONI E GLI SCONTI DI QUESTO MESE
 
ANTICIPO - In caso di finanziamento o per attivare un leasing può essere richiesto il pagamento di una somma iniziale di alcune migliaia di euro. Lo scopo è alleggerire l’importo delle successive rate o dei canoni di leasing.
 
CREDITO PROTETTO - È una copertura assicurativa, spesso imposta dalla finanziaria, che garantisce (in toto o in parte) il pagamento delle rate o dei canoni in caso di eventuali problemi del cliente, come quelli legati alla salute o alla perdita del posto di lavoro.


 
LEASING e NOLEGGIO A LUNGO TERMINE - Nel caso del leasing, il cliente non è proprietario dell’auto, ma versa canoni mensili per il suo utilizzo. Una volta terminato il periodo di leasing, il titolare può riscattare la vettura pagando una somma predefinita (il Valore futuro garantito) e diventarne proprietario; oppure può restituirla senza sborsare un euro. Il lungo termine prevede solo il pagamento per l’utilizzo: non consente di diventare proprietari della vettura, ma include le spese di gestione dell’auto, quali Rca, manutenzione ordinaria (e talvolta anche straordinaria) o il cambio dei pneumatici in estate e in inverno. Intestataria dell’auto resta la società di noleggio, in genere una divisione specializzata della stessa casa automobilistica. Per esempio, la Leasys lo è per i marchi del gruppo FCA.
 
MAXI-RATA FINALE o VALORE FUTURO GARANTITO - È la somma (in genere, di qualche migliaio di euro) che si versa a estinzione del finanziamento, dopo aver pagato le rate o i canoni mensili, consentendo di restare proprietari della vettura o, nel caso di leasing, di diventarlo. L’alternativa è restituire l’auto o darla in permuta per un’altra del marchio.
 
MASSIMALE CHILOMETRICO - È un tetto all’utilizzo (espresso in chilometri) consentito in caso o di acquisto con maxi-rata finale, oppure di leasing o noleggio a lungo termine. Se il cliente restituisce l’auto con una percorrenza superiore a quella pattuita, dovrà pagare una penale definita: centesimi di euro per ogni chilometro in più. Viceversa, ma solo nel caso dei noleggi, il contratto potrebbe anche prevedere un accredito al cliente nel caso di percorrenze inferiori al pattuito.


 
PERMUTA E ROTTAMAZIONE - Talvolta, gli sconti o i finanziamenti legati alle promozioni vengono concessi solo in caso di permuta di un’auto vecchia (che la concessionaria rivenderà) o della sua demolizione (rottamazione). In entrambi i casi l’acquirente della nuova vettura deve essere proprietario dell’usato da un certo numero di mesi definito nella promozione.
 
RATE - Rappresentano le somme da pagare mensilmente per il rimborso del finanziamento erogato. Il loro esborso può avvenire anche a distanza dall’acquisto (per esempio, in un’offerta con “prima rata dopo un anno”). Per conterne l’importo, possono essere precedute da un anticipo e/o seguite da una maxi-rata a estinzione del debito. In tal caso, quindi, il costo finale della vettura si ottiene moltiplicando il numero delle rate, cui sommare anticipo e maxi-rata. In genere le rate hanno un valore costante per tutta la durata del finanziamento, ma si stanno diffondendo nuovi finanziamenti a doppia rateazione (più leggera all’inizio, più pesante in seguito) per agevolare l’acquirente.
 
SCONTO - È la riduzione rispetto al prezzo di listino della vettura. Viene evidenziato nelle promozioni, ma attenzione a valutarlo correttamente: quasi sempre il costo del finanziamento è tale da “neutralizzare” lo sconto.


 
TAN e TAEG - Il tasso annuo nominale (tan) esprime in percentuale (su base annua) il costo degli interessi rispetto all’importo del finanziamento. È quindi più basso del taeg, il tasso annuo effettivo globale, sempre in percentuale ma che tiene conto di tutto: gli interessi e i costi accessori, come quello di apertura della pratica, le spese d’incasso delle rate o i bolli e, in generale, le spese d’istruttoria del finanziamento o di eventuali coperture assicurative. Ovviamente, più il taeg è basso, meglio è per l’acquirente.

> SCOPRI LE PROMOZIONI E GLI SCONTI DI QUESTO MESE



Aggiungi un commento
Ritratto di Intenditore
6 luglio 2020 - 20:45
Altro consiglio spassionato: se non avete partita IVA evitate di farvi infinocchiare con la poverata del valore futuro garantito e state quindi alla larga dal Leasing si vergognano pure a chiamarlo così, ne hanno quasi il timore i concessionari nonostante siano i primi a proporlo. Questo conviene soltanto a chi ha partita IVA per via della sua deducibilità e cambia auto con una certa frequenza. Nella parte restante dei casi serve a solo tenere costantemente indebitati i vorrei ma non posso che guidano il macchinone ma non è di loro proprietà.
Ritratto di oretaxa
7 luglio 2020 - 08:42
Questi finanziamenti "con anticipo, piccole rate per 3 anni e poi decidi se restituirla o tenerla pagando o la rata finale" li trovo al limite del ridicolo. Ma veramente trovano dei fessi che li sottoscrivono? Ci hanno preso tutti per bischeri?
Ritratto di Lo Stregone
7 luglio 2020 - 10:12
Tante frasi fatte che vogliono dire nulla
Ritratto di Lo Stregone
7 luglio 2020 - 10:29
Oggi si usa la formula di pagare tutto a rate perchè "più comodo, più conveniente, meno pesante". Andrà bene per tutti quelli che non riescono a far fronte a tutto in quanto hanno varie cose da mantenere, però è uno stress senza fine. Appena uno dimentica una rata viene segnalato come soggetto a rischio, poi alla 2a rata non pagata diventa pericoloso, a nulla valgono le spiegazioni o le scuse. Bel modo di vivere
Ritratto di Intenditore
7 luglio 2020 - 21:23
Ma cosa devi dimenticarti di pagare se te l'addebitano in automatico sul conto corrente?
Ritratto di Lo Stregone
8 luglio 2020 - 11:34
Ecco: peggio ancora. Tutto sul conto corrente, tutto tracciato, tutto anticipato. Ma se per caso mi arriva un'addebito non richiesto, comincia una bella trafila per fare le richieste di storno. E' così il ns. modo di vivere oggi? E ci piace? Tanti auguri a chi lo fa.
Ritratto di Intenditore
8 luglio 2020 - 17:39
ma quale addebito non richiesto ti deve arrivare se quando fai un contratto le rate sono già prestabilite? boh. A sto punto tienili sotto il materasso i soldi e non in banca se non hai confidenza con i tuoi strumenti finanziari.
Ritratto di gainfranco
4 aprile 2021 - 20:42
prezzi auto gonfiati esageratamente e finanziamenti con interessi che si avvicinano a tassi da usurai, tengo l'auto che ho fin che dura !!
Ritratto di Manlio y6
16 luglio 2021 - 09:09
l'Ivass ha deciso di intervenire sulle compagnie assicurative e sulle finanziarie per chiedere modifiche del processo di vendita e della modulistica. In attesa di avere riscontri anche da Banca d'Italia e dall'Antitust, il consiglio è quello di far valere sempre i propri diritti. Non c'è alcun obbligo di acquistare le polizze abbinate al prestito proposto in concessionaria. Se interessato all'acquisto di una copertura assicurativa, chiederei informazioni dettagliate sul prodotto proposto e confronto con gli altri prodotti presenti sul mercato. Infine è obbligatorio dichiarare il prezzo effettivo del bene in vendita.
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Lynk & Co 01
    Lynk & Co 01
    da € 35.000 a € 40.700
  • Dacia Sandero Stepway
    Dacia Sandero Stepway
    da € 13.150 a € 15.500
  • Mercedes E
    Mercedes E
    da € 54.989 a € 126.896
  • Dacia Sandero Streetway
    Dacia Sandero Streetway
    da € 9.050 a € 13.900
  • Skoda Superb
    Skoda Superb
    da € 34.100 a € 50.250

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Porsche 911 Targa 4 GTS
    € 169.435
    Ennesima versione di un vero e proprio “mito” fra le sportive, la Porsche 911 Targa 4 GTS si distingue per il tetto retrattile (da tenere aperto solo a bassa velocità, pena noiosi fruscii), per i dettagli di stile e per i 30 cavalli in più rispetto alla S. Ottimo il rapporto fra piacere di guida e praticità d’uso.
  • Dacia Duster 1.3 TCe 150 CV Prestige 4X2
    € 22.150
    Per la crossover “low cost” Dacia Duster è il momento di un leggero aggiornamento, che porta al debutto il rinnovato e vispo 1.3 a benzina da 150 CV con il debuttante cambio a doppia frizione. Ancora migliorabile, però, la dotazione di sicurezza.
  • Peugeot 308 1.6 Hybrid 224 CV GT Pack EAT8
    € 43.450
    La nuova Peugeot 308 è grintosa, ben rifinita e, in questa versione ibrida plug-in, va forte ed è ben insonorizzata. Ma con le gomme di 18” è un po' rigida sulle buche.