Perché molte auto elettriche hanno motore e trazione posteriori?

Tecnologia
Pubblicato 13 ottobre 2020

Vediamo i motivi di questa scelta tecnica che sovverte una prassi consolidata per le auto a motore termico, prevalentemente a trazione anteriore.

TUTTI I TIPI DI TRAZIONE MA…. -  Se prendiamo le auto elettriche attualmente vendute in Italia notiamo che sono a trazione anteriore, posteriore o integrale. Ma questa situazione non è destinata a durare infatti, fra qualche anno, quelle a trazione posteriore saranno la maggioranza. Un bel ribaltone rispetto alla situazione odierna, ma le ragioni di questa tendenza sono diverse e fondate.

ELETTRICHE DALLA NASCITA - Osserviamo intanto che già oggi le automobili concepite dalla nascita per essere elettriche, come la Volkswagen ID.3, la BMW i3, le Tesla, la Honda E e la Ford Mustang Mach-E sono a trazione posteriore o integrale. Molte elettriche derivate da modelli nati con motori a combustione sono invece a trazione anteriore: ne sono un esempio DS 3 Crossback, Hyundai Ioniq e Kona, Kia e-Soul e Niro, Mazda MX-30 .

NELLE AUTO A MOTORE TERMICO - Nelle auto con motore termico, il motore e la trazione anteriori permettono di eliminare l’albero di trasmissione rendendo la meccanica più semplice. Si ha anche un certo guadagno di spazio, derivato dall’assenza del tunnel della trasmissione, e il peso del motore grava sulle ruote motrici, cosa che aumenta la trazione su fondi difficili. La trazione anteriore è adattissima a veicoli compatti e non molto potenti, ottimizzati per efficienza e costo, ma che a volte sacrificano la dinamica della guida. La concentrazione delle masse all’avantreno porta infatti ad un comportamento tendenzialmente sottosterzante, che può essere corretto, entro certi limiti, decelerando o frenando leggermente per trasferire più carico all’anteriore.

LA POSIZIONE DEL MOTORE - I vantaggi della trazione anteriore, però, perdono molta forza nei veicoli a batteria. Il motore elettrico è leggero e compatto e quindi sistemarlo all’asse anteriore o posteriore è praticamente indifferente, anche dal punto di vista dei costi, dato che comunque non c’è l’albero di trasmissione (lo spazio liberato è usato in alcuni casi per accogliere la batteria).

VANTAGGI IN ACCELERAZIONE - Inoltre, in accelerazione l’anteriore si alza e lo spostamento del peso porta a caricare di più l’asse posteriore. Avere la trazione alle ruote posteriori quindi aiuta a trasmettere a terra la coppia perché le ruote motrici, più caricate, hanno maggiore aderenza. Questo spostamento di carico può annullare il vantaggio della trazione anteriore (le ruote motrici più cariche), ad esempio in salita o in uscita di curva. Dato che i motori elettrici erogano la coppia massima quasi istantaneamente, ha più senso usare la trazione posteriore o integrale rispetto a quella anteriore.

STERZO PIÙ PRECISO - La trazione posteriore inoltre libera lo sterzo dalle sollecitazioni dovute alla trasmissione della coppia motrice, rendendolo più preciso rispetto alle condizioni di aderenza delle ruote anteriori.

RAGGIO DI STERZATA RIDOTTO - Altro vantaggio della trazione posteriore è la possibilità di ottenere un raggio di sterzata molto contenuto, dato che non ci sono i giunti omocinetici a limitare gli spostamenti angolari dell’asse delle ruote anteriori. La Honda e ne è un esempio, con il suo diametro di sterzata di soli 8,6 metri. 

PIÙ SPAZIO PER I BAGAGLI - Ultimo, ma non ultimo, pregio è legato alla compattezza della meccanica, che dà la possibilità di sistemare l’ingombrante batteria sotto il pavimento e quindi permette di ricavare un portabagagli anteriore che si aggiunge a quello posteriore.



Aggiungi un commento
Ritratto di flacogta
14 ottobre 2020 - 09:55
2
Le emozioni di guidare un auto senza ausili elettronici è imparagonabile. Sei tu e la meccanica. Poi l'elettronica serve solamente a coadiuvare il pilota. Ma per una guida pura l'aiuto elettronico non è richiesto né necessario. Poi ovvio che anche le Ferrari&co. hanno elettronica, schermini e sensori, ma questo non significa che anche le Ferrari&co. si siano snaturate parlando esclusivamente di PURO piacere di guida. Convenite con me che dell'elettronica se ne può fare a meno per divertirsi di più? Poi ciò non esclude che ci si possa divertire anche con auto con elettronica o totalmente elettriche...
Ritratto di Andre_a
14 ottobre 2020 - 22:26
9
Sono d’accordo, anche per me senza aiuti la guida (in pista) è molto più divertente, ma tra abs, esp che non si disattiva del tutto, cambio automatico, servosterzo elettrico... ormai trovare un’auto nuova che offra una vera esperienza di guida analogica è quasi impossibile, senza contare il peso aggiuntivo dato dalle maggiori dimensioni e dispositivi di sicurezza, forse ci sono rimaste solo Caterham e pochi simili, tutte le altre si sono snaturate eccome!
Ritratto di BigDeals
15 ottobre 2020 - 20:21
Escludendo città, statali e autostrade, rimangono ben pochi posti per le emozioni.
Ritratto di mgiver
15 ottobre 2020 - 16:08
Buongiorno a tutti, premesso che non ho mai potuto guidare in condizioni "particolari" una vettura elettrica, sarebbe opportuno fare una disamina tra i pro ed i contro. Ritengo ormai ai fini della sicurezza stradale per gli occupanti del veicolo e per tutti gli altri indispensabili tutti i dispositivi di sicurezza che la tecnologia meccanica ed elettronica ci forniscono. Certo non obietto che tutto ciò che è stato aggiunto su una vettura impoverisce il conducente delle proprie capacità di guida e, come ho potuto provare, non sempre "l'aiutino elettronico" fa il suo dovere come la "sensibilità" del conducente. Al giorno d'oggi il legislatore imponendo sistemi elettronici non fa altro che aumentare la sicurezza degli utenti della strada. Ma per noi romantici con una "certa" età che abbiamo preso la patente con il 131 Supermirafiori di papà e la prima auto era una A112 junior, tutto questo fa sorridere. Da giovane GAS, Freno, frizione, Freno a mano, tacco e punta, doppio corpo, erano parole al pari di battito cardiaco e respiro. Non cambierei mai il gusto dei 40 Cv DIN del 903 ad aste e bilancieri con i 200 cv di una vettura ibrida od elettrica. Quando con le 135 R 13 sorpassavo sulla neve i fuoristrada (allora duri e puri) con le catene e bloccati sulla salita per i Prati di Tivo. Potrei raccontarne per giorni. Ma potrei farvi anche i nomi di tutti i conoscenti che per una distrazione, stanchezza o asfalto insidioso hanno fatto arricchire nel migliore dei casi i carrozzieri, nel peggiore gli ortopedici. P.S.: che tempi! SIGH
Ritratto di BigDeals
16 ottobre 2020 - 21:50
Anche oggi puoi superare un fuoristrada in salita, tu con le catene e lui con le gomme estive, sempre se ne trovi uno che ancora non usa le invernali o almeno le all seasons. In quel caso, tu vai a 40 con le catene e lui guida come se non ci fosse la neve. Ghiaccio permettendo per entrambi.
Ritratto di 82BOB
13 ottobre 2020 - 22:56
Da Wikipedia: "Il motore è una macchina capace di trasformare una sorgente di energia, che può essere in forma chimica (in presenza di un combustibile), elettrica o termica, in un'energia meccanica o lavoro meccanico continui (i dispositivi capaci di questa trasformazione in modo impulsivo e discontinuo sono detti attuatori; muscoli piezoelettrici, elettrovalvole, relè ecc.), tipicamente impiegato in ambito applicativo con finalità di propulsione per veicoli di vario tipo." Quindi il motore elettrico è un motore e le batterie sono come il serbatoio per il motore ciclo otto o ciclo diesel. Quindi scrivere "qui il motore non cè, chiamatele batterie" è un'emerita fesseria! Fatela finita con questi commenti da talebani, fascio-nazisti, anti-elettrico! Se non vi piacciono le elettriche potete benissimo esprimervi e argomentare senza inutili assolutismi (tra l'altro spesso e volentieri palesemente errati)!
Ritratto di flavio84
13 ottobre 2020 - 23:01
Sarà, ma x me sei tu nazi elettricaro
Ritratto di 82BOB
13 ottobre 2020 - 23:09
Per qual motivo sarei nazi? Perché scrivo che se vuoi puoi esprimere a parole che non hai provato emozione guidando una Tesla? Perché chiedo di non scrivere fandonie sul web? Sono proprio illiberale, avrò studiato con Orban, Putin e Trump alla Scuola Mussolini!
Ritratto di flacogta
14 ottobre 2020 - 09:58
2
Dittatori a parte :D, siete d'accordo che un'automobile possa divertire di più senza elettronica?
Ritratto di 82BOB
14 ottobre 2020 - 11:37
Francamente flacogta non ti so rispondere... ho guidato dalla Uno 45 all'Alfa 156 tutte macchine che avevano poco bisogno di aiuti elettronici, tutte a trazione anteriore. Per te sicuramente è così, io non vengo a contestare le tue sensazioni, ci mancherebbe!
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Nissan NV200
    Nissan NV200
    da € 45.460 a € 45.521
  • Cupra Formentor
    Cupra Formentor
    da € 32.000 a € 47.250
  • Audi A3 Sedan
    Audi A3 Sedan
    da € 29.700 a € 48.500
  • Renault Clio
    Renault Clio
    da € 16.400 a € 27.700
  • Kia XCeed
    Kia XCeed
    da € 23.300 a € 41.000

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Hyundai Kona 2.0 T-GDI N Performance
    € 42.500
    La Hyundai Kona N è la versione ad alte prestazioni della crossover coreana: docile se si vuole andare piano, sa essere “cattiva” se si mette alla frusta il 2.0 turbo da 280 CV: sterzo, sospensioni, cambio e freni sono da vera sportiva. Sottotono, però, alcune plastiche degli interni.
  • Mercedes EQS 580 4Matic
    € 150.000*
    Questa ammiraglia elettrica vanta una delle migliori autonomie dichiarate e un comfort per guidatore e passeggeri da prima classe. Gli interni della Mercedes EQS sono un trionfo di tecnologia, in particolare la plancia, che però ha bocchette del “clima” piccole e prive di regolazione separata della portata.
  • Suzuki Jimny Pro
    € 23.400
    La Suzuki Jimny ritorna in vendita come autocarro: ha due posti in meno, tanta capacità di carico in più e la stessa abilità nel districarsi anche sui terreni più impervi. Ma su strada “dondola” un po’ troppo e non è silenziosa.