Perché molte auto elettriche hanno motore e trazione posteriori?

Tecnologia
Pubblicato 13 ottobre 2020

Vediamo i motivi di questa scelta tecnica che sovverte una prassi consolidata per le auto a motore termico, prevalentemente a trazione anteriore.

TUTTI I TIPI DI TRAZIONE MA…. -  Se prendiamo le auto elettriche attualmente vendute in Italia notiamo che sono a trazione anteriore, posteriore o integrale. Ma questa situazione non è destinata a durare infatti, fra qualche anno, quelle a trazione posteriore saranno la maggioranza. Un bel ribaltone rispetto alla situazione odierna, ma le ragioni di questa tendenza sono diverse e fondate.

ELETTRICHE DALLA NASCITA - Osserviamo intanto che già oggi le automobili concepite dalla nascita per essere elettriche, come la Volkswagen ID.3, la BMW i3, le Tesla, la Honda E e la Ford Mustang Mach-E sono a trazione posteriore o integrale. Molte elettriche derivate da modelli nati con motori a combustione sono invece a trazione anteriore: ne sono un esempio DS 3 Crossback, Hyundai Ioniq e Kona, Kia e-Soul e Niro, Mazda MX-30 .

NELLE AUTO A MOTORE TERMICO - Nelle auto con motore termico, il motore e la trazione anteriori permettono di eliminare l’albero di trasmissione rendendo la meccanica più semplice. Si ha anche un certo guadagno di spazio, derivato dall’assenza del tunnel della trasmissione, e il peso del motore grava sulle ruote motrici, cosa che aumenta la trazione su fondi difficili. La trazione anteriore è adattissima a veicoli compatti e non molto potenti, ottimizzati per efficienza e costo, ma che a volte sacrificano la dinamica della guida. La concentrazione delle masse all’avantreno porta infatti ad un comportamento tendenzialmente sottosterzante, che può essere corretto, entro certi limiti, decelerando o frenando leggermente per trasferire più carico all’anteriore.

LA POSIZIONE DEL MOTORE - I vantaggi della trazione anteriore, però, perdono molta forza nei veicoli a batteria. Il motore elettrico è leggero e compatto e quindi sistemarlo all’asse anteriore o posteriore è praticamente indifferente, anche dal punto di vista dei costi, dato che comunque non c’è l’albero di trasmissione (lo spazio liberato è usato in alcuni casi per accogliere la batteria).

VANTAGGI IN ACCELERAZIONE - Inoltre, in accelerazione l’anteriore si alza e lo spostamento del peso porta a caricare di più l’asse posteriore. Avere la trazione alle ruote posteriori quindi aiuta a trasmettere a terra la coppia perché le ruote motrici, più caricate, hanno maggiore aderenza. Questo spostamento di carico può annullare il vantaggio della trazione anteriore (le ruote motrici più cariche), ad esempio in salita o in uscita di curva. Dato che i motori elettrici erogano la coppia massima quasi istantaneamente, ha più senso usare la trazione posteriore o integrale rispetto a quella anteriore.

STERZO PIÙ PRECISO - La trazione posteriore inoltre libera lo sterzo dalle sollecitazioni dovute alla trasmissione della coppia motrice, rendendolo più preciso rispetto alle condizioni di aderenza delle ruote anteriori.

RAGGIO DI STERZATA RIDOTTO - Altro vantaggio della trazione posteriore è la possibilità di ottenere un raggio di sterzata molto contenuto, dato che non ci sono i giunti omocinetici a limitare gli spostamenti angolari dell’asse delle ruote anteriori. La Honda e ne è un esempio, con il suo diametro di sterzata di soli 8,6 metri. 

PIÙ SPAZIO PER I BAGAGLI - Ultimo, ma non ultimo, pregio è legato alla compattezza della meccanica, che dà la possibilità di sistemare l’ingombrante batteria sotto il pavimento e quindi permette di ricavare un portabagagli anteriore che si aggiunge a quello posteriore.



Aggiungi un commento
Ritratto di Co-Bra
14 ottobre 2020 - 16:17
Difficilmente si farà mai, dato che il motore elettrico ha, per sua natura, un peso elevato in rapporto all'ingombro
Ritratto di Meandro78
13 ottobre 2020 - 21:09
Scusate ma non si era sempre detto che un motore posteriore elettrico alleggerendo eccessivamente l'anteriore perde forza la frenata rigenerativa?
Ritratto di 82BOB
13 ottobre 2020 - 23:03
Ragionando, la frenata rigenerativa non la sfrutti con frenate al limite, ma con un uso diciamo "one pedal" della vettura nei rallentamenti e in generale nelle situazioni in cui di solito si ricorre al freno motore, quindi con una vettura ben bilanciata come le elettriche i trasferimenti di peso generano meno problemi. Inoltre su vetture come la VW si adottano freni a tamburo al posteriore, proprio perché si può contare sul freno motore! Quindi direi che si sono fatti due conti e mi sa che sono più i vantaggi degli svantaggi.
Ritratto di MotorG
13 ottobre 2020 - 22:04
Ma portare il motore sull asse posteriore vuol dire anche spostare l elettronica di controllo sul posteriore oppure questa rimane sull asse anteriore... per distribuire il peso complessivo al fatidico 50/50 ...
Ritratto di Luke_66
14 ottobre 2020 - 11:09
4
con 1000 kg di batterie nel pianale, l'elettronica la puoi mettere dove meglio credi, non sposta certo il baricentro in modo significativo
Ritratto di lucaconcio
13 ottobre 2020 - 23:43
2
Sono scelte. La Nissan Leaf, che nasce elettrica, ha la trazione anteriore. La Smart/Twingo, che nasce termica, ha motore e trazione posteriore. Vetture elettriche a trazione integrale, la ottengono con due (o più) motori. Come alcune vetture ibride a trazione integrale (RAV4, Jeep Renegade/ Compass 4xe).
Ritratto di lucaconcio
13 ottobre 2020 - 23:49
2
Per esempio, la ZD2 (per chi si chiede cosa sia, è la microcar elettrica che veniva utilizzata per il car sharing di "Share'n go") ha la trazione davanti (prima di vederla, non me lo sarei aspettato)
Ritratto di Andre_a
14 ottobre 2020 - 00:09
9
Io comunque voglio solo vedere una Honda e che drifta... altrimenti cosa glie l’hanno messi a fare la trazione posteriore e quell’angolo di sterzata??
Ritratto di MotorG
15 ottobre 2020 - 11:18
Giusto, peccato che la hyundai kona sia anteriore se no devi vedere come fa pattinare le ruote anteriori in modalità sport ( riferito alla 204 cv)
Ritratto di erresseste
14 ottobre 2020 - 08:46
Lo sapevo, le automobiline della mia pista polistil sono tutte a trazione posteriore da più di 50 anni
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Hyundai Bayon
    Hyundai Bayon
    da € 19.400 a € 25.500
  • Porsche 911 Cabriolet
    Porsche 911 Cabriolet
    da € 124.779 a € 240.467
  • Audi A3 Sportback
    Audi A3 Sportback
    da € 28.400 a € 47.200
  • Audi A4
    Audi A4
    da € 35.900 a € 78.150
  • Nissan X-Trail
    Nissan X-Trail
    da € 29.618 a € 43.968

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Hyundai Kona 2.0 T-GDI N Performance
    € 42.500
    La Hyundai Kona N è la versione ad alte prestazioni della crossover coreana: docile se si vuole andare piano, sa essere “cattiva” se si mette alla frusta il 2.0 turbo da 280 CV: sterzo, sospensioni, cambio e freni sono da vera sportiva. Sottotono, però, alcune plastiche degli interni.
  • Mercedes EQS 580 4Matic
    € 150.000*
    Questa ammiraglia elettrica vanta una delle migliori autonomie dichiarate e un comfort per guidatore e passeggeri da prima classe. Gli interni della Mercedes EQS sono un trionfo di tecnologia, in particolare la plancia, che però ha bocchette del “clima” piccole e prive di regolazione separata della portata.
  • Suzuki Jimny Pro
    € 23.400
    La Suzuki Jimny ritorna in vendita come autocarro: ha due posti in meno, tanta capacità di carico in più e la stessa abilità nel districarsi anche sui terreni più impervi. Ma su strada “dondola” un po’ troppo e non è silenziosa.