NEWS

Formula 1 2018, risultato gara Gp del Belgio: vince Vettel. Classifica e calendario

26 agosto 2018

Formula 1, ordine d’arrivo del Gran Premio del Belgio 2018: secondo Hamilton, terzo Verstappen. Classifica e prossima gara.

Formula 1 2018, risultato gara Gp del Belgio: vince Vettel. Classifica e calendario

SORPRESA FORCE INDIA - Sebastian Vettel fa la voce grossa sul circuito di Spa-Francorchamps e conquista la vittoria del Gran Premio del Belgio 2018 di Formula 1, ricucendo lo svantaggio in classifica a otto gare dal termine del campionato: ora il pilota della Ferrari ha 17 punti di ritardo dalla Mercedes di Lewis Hamilton, secondo al traguardo nonostante partisse dalla pole position. Terzo Max Verstappen, sulla Red Bull, davanti a Valtteri Bottas e alle sorprendenti Force India di Sergio Perez e Esteban Ocon, scuderia entrata in bancarotta a fine luglio e salvata pochi giorni dopo grazie all'arrivo di nuovi capitali (ora il team si chiama Racing Point Force India).

TUTTO AL VIA - Il momento chiave della gara è al via, complice la carambola innescata alla prima curva dalla Renault di Nico Hulkenberg: il pilota tedesco sbaglia la frenata e centra l'incolpevole Fernando Alonso, sulla McLaren, che a sua volta finisce contro la Sauber di Charles Leclerc. Dell'incidente (senza conseguenze per tutti i piloti) fa le spese anche Kim Raikkonen: il ferrarista fora un pneumatico e si ferma ai box, ma dopo pochi giri fa un'altra sosta ed è costretto a ritirarsi. La carambola al via non fa perdere la concentrazione a Vettel, che poco prima dell'ingresso in pista della safety car infila Hamilton e guadagna la prima posizione.

BOTTAS RIMONTA - La gara non regala altri colpi di scena, eccezion fatta per il sorpasso che vale a Verstappen la terza posizione e per la rimonta di Bottas, partito diciassettesimo dopo aver sostituito il motore della sua Mercedes. La prossima gara del campionato Formula 1 2018 si correrà domenica prossima sul circuito di Monza, una gara che negli ultimi anni ha regalato poche soddisfazioni alla Ferrari: l'ultimo successo risale addirittura al 2010 e dal 2014 vince consecutivamente la Mercedes (tre successi di Hamilton, uno di Rosberg). Vincendo però Vettel avrà l'occasione di rifarsi sotto, in vista del rush finale del campionato.

L'ORDINE D'ARRIVO

POS NO DRIVER CAR LAPS TIME/RETIRED PTS
1 5 Sebastian Vettel FERRARI 44 1:23:34.476 25
2 44 Lewis Hamilton MERCEDES 44 +11.061s 18
3 33 Max Verstappen RED BULL RACING TAG HEUER 44 +31.372s 15
4 77 Valtteri Bottas MERCEDES 44 +63.605s 12
5 11 Sergio Perez FORCE INDIA MERCEDES 44 +71.023s 10
6 31 Esteban Ocon FORCE INDIA MERCEDES 44 +79.520s 8
7 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 44 +85.953s 6
8 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 44 +87.639s 4
9 10 Pierre Gasly SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 44 +105.892s 2
10 9 Marcus Ericsson SAUBER FERRARI 43 +1 lap 1
11 55 Carlos Sainz RENAULT 43 +1 lap 0
12 35 Sergey Sirotkin WILLIAMS MERCEDES 43 +1 lap 0
13 18 Lance Stroll WILLIAMS MERCEDES 43 +1 lap 0
14 28 Brendon Hartley SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 43 +1 lap 0
15 2 Stoffel Vandoorne MCLAREN RENAULT 43 +1 lap 0
NC 3 Daniel Ricciardo RED BULL RACING TAG HEUER 28 DNF 0
NC 7 Kimi Räikkönen FERRARI 8 DNF 0
NC 16 Charles Leclerc SAUBER FERRARI 0 DNF 0
NC 14 Fernando Alonso MCLAREN RENAULT 0 DNF 0
NC 27 Nico Hulkenberg RENAULT 0 DNF 0
Aggiungi un commento
Ritratto di Rikolas
27 agosto 2018 - 16:57
La mappatura usata dalla Mercedes in gara era conservativa, stanno gestendo il vantaggio senza correre rischi, nella F1 attuale non conta vincere ma fare piazzamenti ed Hamilton saggiamente non ha voluto rischiare (come avvenuto negli scorsi, stesso copione). Lo vedete da Bottas il vero potenziale Mercedes, cambi mappatura e recuperi tutti in pochi giri, ieri hanno giocato tutto di tattica. La Ferrari come al solito è costretta a inseguire affannosamente, colpa di un progetto mal gestito che arriva sempre in ritardo sui tempi, di un Vettel che ha gettato alle ortiche un sacco di occasioni servite sul piatto d'argento (ad esempio Hockenheim), e di una affidabilità talvolta altalenante. Manca sotto una squadra con gli attributi come ai tempi dell'accoppiata Brawn/Todt, purtroppo Arrivabene non è in grado di gestire il suo staff e lo ha dimostrato in tante occasioni, persino sabato hanno sbalgiato tattica dai box per la pole position, per loro stessa ammissione tra l'altro. Le possibilità che la Ferrari vinca questo mondiale sono davvero scarse, siamo realisti.
Ritratto di Leonal1980
27 agosto 2018 - 21:46
3
Mercedes, non ha conservato, ha cercato di vincere ma aveva problemi di blister, e difatti c'è un intero giro verso la fine dove lui comincia a perdere 1 sec a giro, dove Hamilton prova ognimmappatura possibile, ma non trova il modo. Ha spremuto al limite. Guardati la gara! Poi esprimiti
Ritratto di Gordo88
27 agosto 2018 - 16:27
Lo sai che mancano ancora 8gp?? Può succedere ancora di tutto e di più
Ritratto di impala
27 agosto 2018 - 22:30
....ma per favore rikolas !!!!! "la mercedes ha giocato in difesa" .... ma lol alla fine. se poteva vincere questa gara la mercedes, sia sicuro che l'avrebbe fatto. La Ferrari era a questo punto superiore, e Hamilton non ha potuto fare niente
Ritratto di elmeio
27 agosto 2018 - 17:16
Ciao GeorgeN, guarda che i conti si tirano sempre alla fine. Saluti
Ritratto di mika69
27 agosto 2018 - 11:23
Ieri la Ferrari era un paio di 2-3 decimi più veloce della Mercedes... speriamo per Monza.
Ritratto di mika69
27 agosto 2018 - 11:51
...senza "un paio di" -- errore.
Ritratto di Rikolas
27 agosto 2018 - 12:00
La Mercedes ha solo giocato in difesa, non serviva vincere. Gli batsa solo finire le gare, mentre la Ferrari è costretta a strafare per recuperare (come al solito!), ma sarà molto, molto dura. Per non gliela fa a recuperare... troppo tardi, avevano da svegliarsi prima e Vettel doveva stare più attento, in Gemania ha praticamente buttato alle ortiche l'enneismo mondiale.
Ritratto di mika69
27 agosto 2018 - 15:44
No, che la Mercedes giochi in difesa è un assurdo... a 8 gare dalla fine si mettono a fare i risparmini ?? Non esiste, quelli tireranno fino all'ultimo metro dell'ultima gara.
Ritratto di Rikolas
27 agosto 2018 - 16:48
Purtroppo loro hanno una squadra molto compatta con grandi professionisti nei box e con due piloti molto in gamba, Hamilton sa guidare molto bene sia in attacco che in difesa, Bottas è un ottima spalla, ora devono solo amministrare il grande vantaggio in classifica, vincere non è necessario in questo momento, per loro è meglio non scoprire troppo le carte con gli avversari. La scenetta di Hamilton che guarda la Ferrari di Vettel a fine gara è una tattica già vista tante volte in passato (McLaren era leader in questo tipo di sceneggiate), è un modo per far credere agli avversari di essere forti, nulla di più. Chi conosce questo mondo sa come funzionano certi meccanismi, purtroppo alla Ferrari manca una squadra solida come ai tempi dell'era Motenzemolo (Ross Brawn/Jean Todt), Arrivabene non è assolutamente in grado di gestire il suo "povero" staff e lo ha dimostrato più volte, Vettel fa troppi errori ed è sotto pressione, Raikkonen fa il suo compitino ma ed è un pilota ormai a fine ciclo, mancano dei veri strateghi in squadra in grado di portare a casa risultati con costanza (e non occasionali e discontinui come adesso), Toto Wolf in Mercedes è davvero su un altro livello. Mi spiace doverlo ammettere ma la mercedes è davvero una grande squadra, nella F1 ciclicamente capita: McLaren fine anni '80, Williams anni '90, Ferrari anni 2000, ora tocca alla Mercedes.
Pagine

PROSSIMO GP

Yas Marina Circuit F1 2018
Yas Marina Circuit
ORARI
Venerdì 23 Novembre
Prove 110:00 - 11:30
Prove 214:00 - 15:30
Sabato 24 Novembre
Prove 311:00 - 12:00
Qualifiche14:00 - 15:00
Domenica 25 Novembre
Gara14:00

NEWS FORMULA 1