Formula E 2018-19: debutta il team DS-Techeetah

La nuova collaborazione coinciderà con il varo della nuova formula di gara, con gara unica di 45 minuti e motori sviluppati dai costruttori.

NUOVA COLLABORAZIONE FRANCO-CINESE - Il campionato di Formula E si è appena concluso e già ci sono gli annunci delle novità per la prossima serie. La DS Automobiles, conclusa la collaborazione con la Virgin Racing, affronterà il campionato 2018-2019 (prima gara il 15 dicembre a Riad, in Arabia Saudita) con una nuova partnership. È stato annunciato ufficialmente quello che le indiscrezioni avevano portato alla luce nei mesi scorsi: la nuova controparte della DS Automobiles sarà la scuderia cinese Techeetah.

SCOMMESSA SULLA DS E-ETENSE FE 19 - La presentazione è già fissata per il primo ottobre e avrà come protagonista la nuova monoposto 100% elettrica DS E-Etense FE 19. La nuova vettura è sviluppata sulla piattaforma GEN 2 (qui per saperne di più) ed è stata concepita per affrontare le gare del campionato così come previste dal regolamento: corse di 45 minuti (più un giro) l’una senza il cambio di monoposto a metà corsa, come è stato per i primi quattro campionati Formula E. Il significativo cambiamento nella struttura delle gare e nella serie è reso possibile dalle nuove batterie sviluppate dalla McLaren

BUON “CARNIERE” - Viene così a finire la collaborazione DS-Virgin che ha ottenuto buoni risultati, con cinque vittorie, 16 podi, 6 pole position e 3 migliori giri in gara. Risultati ben sintetizzati dai due piazzamenti da podio conseguiti da DS-Virgin Racing nella classifica per Team. Quanto al pilota Sam Bird è stato in lotta per la vittoria finale fino all’ultimo appuntamento del campionato, a New York, dove a vincere è stato Jean-Eric Vergne del team Techeetah che oltre ad avere portato Vergne al titolo piloti, ha conquistato il secondo posto nella graduatoria per team. Per la scuderia cinese la nuova partnership con la DS significherà anche il cambio della meccanica, lasciando il sistema di trazione della Renault Z-E. in favore di quello DS.

VERO CONFRONTO TRA COSTRUTTORI - Altra novità regolamentare che innalzerà il livello della sfida in pista e l’interesse generale, sarà il fatto che le monoposto saranno mosse da propulsori sviluppati dai costruttori. La potenza prevista è di 350 CV. In pratica ci sono tutti gli elementi per garantire uno spettacolo avvincente, per le prestazioni delle vetture e per il confronto tecnico tra i costruttori, elemento sempre fondamentale nelle gare motoristiche.



Leggi l'articolo su alVolante.it