Formula E 2018: risultato gara Zurigo. Vince Di Grassi. Classifica e calendario

Nella gara svizzera l’Audi vince ancora e Bird, sulla DS Virgin, riapre i giochi per il mondiale 2018.

BIRD RIAPRE IL CAMPIONATO - A Zurico vince Lucas Di Grassi (foto qui sopra), il campione del mondo in carica, con l’Audi; il brasiliano conquista così la prima vittoria della stagione. Ma il vero spunto per il campionato di Formula E arriva da Sam Bird (foto qui sotto): l’inglese con la DS Virgin Racing guadagna il secondo gradino del podio e toglie una bella fetta di punti ad Eric Vergne, l’attuale leader del mondiale con la Techeetah che non arriva oltre il decimo posto nella gara elvetica. A due appuntamenti dalla fine, che prenderanno forma con la doppia gara di New York di metà luglio, l’inglese Bird ha 23 punti di distacco da Vergne. I giochi sono aperti come non mai. 

LA GARA - Di Grassi scattava dalla sesta posizione e, fin da subito, ha dimostrato di poter essere il più veloce in pista. Tanto che al giro numero 18 ha guadagnato la testa della classifica, senza più mollarla. Va detto che un regime di full course yellow, a cui si aggiungono diverse penalità con passaggio obbligato nella corsia dei box per i piloti che hanno superato i limiti di velocità proprio durante la bandiera gialla, hanno influito parecchio sull’esito della gara. Bird, senza le penalità inflitte ai colleghi, non avrebbe infatti avuto vita semplice per guadagnare una posizione da podio. Dietro di lui, al traguardo, Jerome D’Ambrosio con la Dragon (foto qui sotto). Andre Lotterer è stato un grande protagonista della gara nelle città elvetica e, a lungo, ha battagliato nelle prime tre posizioni. Forse è proprio il tedesco quello che ha perso di più con il “drive trhough” che gli è stato inflitto. Sotta la bandiera a scacchi è passato in quarta posizione, dimostrando che avrebbe avuto i numeri giusti per puntare a ben altra piazza. 

L’AUDI INSEDIA LA TECHEETAH - Vergne partiva dalla diciassettesima posizione. Il francese ha messo in scena una gara muscolare in cui ha dimostrato di essere un combattente e di voler con ogni fibra il titolo mondiale. La corsa alle posizioni da punti, però, non è andata oltre la decima finale. Se il campionato piloti è stato riaperto a Zurigo da Bird, lo stesso si può dire per quello riservato ai team. La Techeetah è sempre in prima posizione con 219 punti. Ma Audi Sport Abt si è avvicinata pericolosamente nelle ultime due gare grazie ed ora ha 186 punti; c’è ancora un bel margine di sicurezza per la squadra di Vergne e Lotterer ma basterebbe un nuovo passo falso per perdere il comando della classifica iridata. Occhi puntati quindi sulla Grande Mela per il gran finale.



Leggi l'articolo su alVolante.it