Partecipa ai nuovi forum

CREA UNA DISCUSSIONE
Preventivi, risparmio, preventivatore e nuovo contrassegno e maggior controllo: Solo fumo o un pò di arrosto c'è?
18 marzo 2015 - 09:38
Come parlai mesi fa con altri utenti, in prossimità della scadenza della polizza avrei fatto un po' di preventivi, il tutto dopo aver tentato con il preventivatore dell'Ivass, cosa che ha prodotto il risultato, e devo dare ragione a chi me ne informò, che il preventivatore è inutile, ovvero magari può essere usato per non perdere tempo a fare preventivi con le più care li indicate, ma io ho fatto 5-6 preventivi, girando un pomeriggio, e la classifica delle prime cambia e anche le cifre cambiano con gli sconti di agenzia, quindi credo si possa usare, ma solo per prendere le prime 6-7-10 assicurazioni e poi comunque andare a fare preventivi. E questo è davvero un consiglio che mi sento di dare. Io, premettendo che ho fatto preventivi per rc auto, più infortuni conducente e anche eventi atmosferici, cristalli, cioè abbastanza completa e devo dire che ho riscontrato nel preventivo più conveniente il 25% circa di risparmio, quindi se volete un consiglio, prendetevi un giorno e girate tutte le agenzie possibili e immaginabili, alla fine ne vale la pena. Per il secondo aspetto della discussione, il contrassegno elettronico che dovrebbe partire dal 1 aprile è un pesce o una realtà? Mancano pochi giorni ma nessuno ne parla e vorrei saperne di più, se sarà davvero utilizzato dal 1 aprile o meno, così da avere la così detta lotta alle false assicurazioni... Fatemi sapere il vostro parere. ...Saluti
Aggiungi un commento
Ritratto di M93
23 marzo 2015 - 15:40
Il consiglio di fare, a parità di condizioni e contento, più preventivi in modo tale da scegliere quello più conveniente è ottimo e sempre valido: io faccio così un po' per tutti gli acquisti, specialmente quelli più importanti ed onerosi. Bisogna armarsi di tempo e pazienza, e girare un po', ma molto spesso tutto ciò consente di risparmiare, come nel tuo caso: fare un tentativo è sempre consigliabile e tale politica spesso e volentieri paga, con conseguente sollievo per il portafoglio e per le tasche ;) Passo ora alla questione inerente il contrassegno elettronico o telematico, che dir si voglia, Da quel che so in proposito, il nuovo contrassegno verrà introdotto ad ottobre 2015, come da decreto 27 del 24 dicembre 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 gennaio 2013. Il vecchio contrassegno cartaceo sarà sostituito da un chip, contenente tutte le informazioni sulla polizza: la sua validità e regolarità, oltre che il saldo del premio riconducibile alla polizza stessa. Tutto ciò per tentare di eliminare, o meglio arginare, tutti i problemi connessi alle false polizze e alle numerose vetture circolanti prive di RCA e rendere più semplice il monitoraggio e il controllo del parco circolante. Le premesse per fare bene ci sono e mi auguro che questo nuovo sistema venga gestito e organizzato al meglio, per tutti, automobilisti in primis. Un saluto. Marco
Ritratto di Storm Sentry
10 giugno 2016 - 17:41
Lasciatemi dire la mia da agente di assicurazione: per quanto riguarda il tagliando assicurativo in realtà c'è anche un po' di arrosto, anzi, più di quel che sembri...il problema è sempre lo stesso: non riuscendoci a "staccare" dalla carta, la possibilità per il conducente di far valere il certificato cartaceo in deroga alla banca dati espone a problemi di replicazione di dati e di difformità...comunque la normativa non è male (e ci credo, è stata scritta dalle associazioni di categoria e non da quei cerebrolesi dei parlamentari...anche se non tutti) per quanto riguarda i preventivi, sono d'accordo che molto spesso ci sono differenze ENORMI tra un preventivo e un altro...alle volte effettivamente la differenza c'è, molto spesso invece la differenza è dovuta alla qualità delle garanzie, che è molto molto diversa, specialmente se il preventivo molto più basso è proposto da dei competitor che per natura non sono in grado di fare gli assicuratori, come le banche e le poste. detto questo, ben venga la concorrenza, ma se vedete che un preventivo per una copertura infortuni conducente vi costa 5 euro e un altro preventivo 60, fatevi quantomeno due domande.