Citroën

Citroën
E-Mehari

da 27.300

Lungh./Largh./Alt.

381/173/165 cm

Numero posti

4

Bagagliaio

200/800 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

Della sua antenata del 1968 ripropone il nome e l’uso principale per cui è stata concepita: una vettura da spiaggia con carrozzeria in plastica, due (piccole) porte, 4 sedili e un abitacolo spartano.  Ma le analogie finiscono qui: la Citroën E-Mehari ospita sotto il cofano un motore elettrico, alimentato da batterie al litio metal polimeri da 30 kWh, in grado di sviluppare 68 CV. Quanto basta per muovere con un certo brio (fino a 60-70 km/h) una vettura che pesa oltre 1.400 kg. I rivestimenti interni non temono la pioggia, ma per difendersi dalle intemperie c'è un tettuccio in tela, i finestrini laterali e il lunotto, tutti forniti di serie e rimovibili (versione Soft Top). In configurazione Hard Top c'è invece un tetto rigido (smontabile) e "veri" finestrini di vetro, apribili come anche il lunotto. La dotazione di serie è ridotta all'osso per un’auto moderna, ma è per lo meno più ricca rispetto a quella dell’antica Mehari: non mancano Abs ed Esp, computer di bordo, radio con Bluetooth e ingressi Usb, servosterzo con funzione City e volante regolabile in altezza e profondità. Nel bagagliaio c’è infine un vano di circa 100 litri chiudibile a chiave: utile quando si lascia l’auto incustodita, visto il facile accesso all’abitacolo da parte di malintenzionati. Le batterie si possono ricaricare in circa 8 ore a una presa da 16 Ampere, oppure in 13 ore a una normale presa domestica. Possono anche essere poste in modalità “ibernazione”, evitando così di tenere la vettura collegata alla presa di ricarica quando la si lascia inattiva per mesi: una prerogativa senz’altro utile in un’auto prettamente estiva.

Versione consigliata

La versione Hard Top se avete intenzione di usarla tutto l'anno, e non tenerla solo al mare per l'estate: è un po' più sicura e protegge meglio dalle intemperie.

Perché sì

Autonomia I 195 chilometri dichiarati, anche se quasi si dimezzano nell’uso normale, sono sufficienti per l’utilizzo della vettura nel suo ambiente naturale, il piccolo cabotaggio vacanziero.

Esclusività  L’aspetto originale e insolito e la costruzione in piccola serie la rendono il mezzo ideale per distinguersi dalla massa.

 

Perché no

In spiaggia Due sole ruote motrici e una tonnellata e mezza di peso (con il solo guidatore e un passeggero a bordo) sconsigliano di avventurarsi sulla sabbia: sarebbe imbarazzante rimanere immobilizzati fra l’ilarità dei bagnanti...

Rivendibilità Un punto interrogativo, almeno per ora. Certo, appare difficile ipotizzarne un successo paragonabile a quello della Mehari di quarant’anni fa, prodotta in 145.000 esemplari nell’arco di vent’anni.

Citroën E-Mehari
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
15
9
6
12
17
VOTO MEDIO
2,9
2.881355
59
Photogallery