Ford

Ford
EcoSport

da 19.000

Lungh./Largh./Alt.

410/177/165 cm

Numero posti

5

Bagagliaio

356/1.238 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

Costruita nello stabilimento romeno di Craiova e rinnovata all'inizio del 2018, questa piccola crossover ha un frontale massiccio e grintoso, con una mascherina più grande e rialzata a filo del cofano. Sono inediti anche i fari, che, assieme alle fiancate alte e agli accattivanti cerchi in lega (dal nuovo disegno), donano alla vettura una certa imponenza e la rendono meno banale rispetto alla prima versione del 2013. Nell'abitacolo, la Ford EcoSport è cambiata parecchio: ora è più razionale, con la plancia in stile Fiesta, meno affollata di tasti, rifinita con discreta cura (ha inserti lucidi e, nella parte alta, è in plastica morbida) e più gradevole nelle forme. Per regalare alla Ecosport un'aria da vera fuoristrada c'è la possibilità di avere (optional, al posto del kit gonfia&ripara) la ruota di scorta fissata all’esterno del portellone, in un involucro in tinta con la carrozzeria. Non male neppure l'ampiezza del baule, che può essere rapidamente ingrandito abbattendo lo schienale del divano (frazionato asimmetricamente). Peccato che rimanga il portellone inciernierato a sinistra, scomodo da aprire negli spazi stretti. Dotata di uno sterzo preciso e di una discreta tenuta di strada, la Ford EcoSport è offerta con il brioso tricilindrico a benzina 1.0 Ecoboost da 100, 125 o 140 CV, oppure con il turbodiesel TDCi 1.5 da 100 CV e da 125 cavalli (con la trazione integrale; le altre hanno quella anteriore).

Versione consigliata

Una 1.0 da 125 CV, se l'uso prevalente è in città. Altrimenti, una 1.5 diesel: già quelle da 100 cavalli sono vivaci e non bevono tanto. Consilgiamo le versioni più potenti solo a chi ha la necessità delle quattro ruote motrici.

 

Perché sì

Agilità Le dimensioni contenute e la buona maneggevolezza rendono la guida piacevole in città.

Finiture Sono più curate rispetto a quelle del vecchio modello; e l'assemblaggio dei pannelli appare più preciso.

Luce a terra Fra il punto più basso della carrozzeria e il suolo ci sono 19 cm (per le 1.0 e 16 cm per le TDCi): sui terreni sconnessi o sui dossi pronunciati non si rischia di “spanciare”.

Praticità L’abitacolo, ben congegnato e versatile, dispone di numerosi vani portaoggetti uno dei quali refrigerato; “furbo” il cassetto sotto la seduta del passeggero.

 

 

Perché no

Cambio automatico. È disponibile solo in abbinamento al 1.0 Ecoboost a benzina da 125 CV.

Fruscii Una volta superati i 110 km/h i rumori aerodinamici si fanno sentire parecchio nell'abitracolo.

Portellone. Incernierato a sinistra, è scomodo da aprire quando ci si trova con un'altra macchina parcheggiata subito dietro: non c'è spazio sufficiente per spalancarlo interamente.

Regolazione dello schienale. Quella dei sedili anteriori è a scatti, quindi poco precisa.

GLI INTERNI
Ford EcoSport
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
70
39
74
67
142
VOTO MEDIO
2,6
2.561225
392
Photogallery