Audi

Audi
Q7

da 64.250

Lungh./Largh./Alt.

505/197/174 cm

Numero posti

5/7

Bagagliaio

890/2.075 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

Completamente rinnovata nel 2015, l’Audi Q7 ha linee tese e squadrate che la fanno apparire filante, per quanto le dimensioni siano davvero importanti (505 cm di lunghezza). Oltre che davvero ben rifinito, l’abitacolo è generoso di spazio anche nella zona posteriore (con sovrapprezzo, c’è la versione a 7 posti) e piuttosto pratico: il divano scorre longitudinalmente di 13 cm e si può ripiegare per formare un piano di carico privo di gradini lungo oltre 2 metri. In quanto ai motori, è disponibile un sei cilindri a V turbodiesel, abbinato a un cambio automatico a 8 marce e alla trazione integrale, che sviluppa 231 o 286 CV. Entrambe le motorizzazioni sono omologate come ibride, anche se il motorino d’avviamento (che fa da alternatore per ricaricare la batteria al litio nei rallentamenti) non fornisce potenza direttamente alle ruote. Alleggerita di oltre 300 kg rispetto al modello della precedente generazione, l’Audi Q7 può essere resa più maneggevole acquistando il sistema di sterzata integrale, che agisce (con movimenti di pochi gradi) anche sulle ruote posteriori. Nulla da eccepire sul comfort: l’abitacolo è insonorizzato a dovere e, se la vettura monta anche le sospensioni adattative (optional), sembra di viaggiare su un tappeto volante; gli ammortizzatori pneumatici consentono pure di ribassare l’assetto di 3 cm a velocità elevata e di rialzarlo di 6 cm in off-road. Anche se non esclude la necessità di integrazioni a pagamento, la dotazione di serie dell’Audi Q7 è adeguata, e comprende pure la frenata d’emergenza automatica a bassa velocità e il limitatore di velocità in discesa (utile sui fondi viscidi o innevati). Fra i principali optional, i sedili climatizzati, il volante con regolazione elettrica, l’head-up display, il sistema di parcheggio automatico e l’assistenza al mantenimento della propria corsia di marcia.

 

Versione consigliata

Il 3.0 TDI da 286 CV rimane il motore ideale in termini di rapporto fra prestazioni e costi di esercizio per l’Audi Q7. Il comando per regolare la risposta di motore, servosterzo, cambio e sospensioni attive (se presenti) è di serie per tutte, assieme al navigatore, ai fari bixeno, ai sensori di parcheggio davanti e dietro e al servosterzo con assistenza variabile. Chi desidera anche i cerchi di 19” e gli interni in pelle e Alcantara inclusi nel prezzo, opti per la top di gamma Business Plus.

 

Perché sì

Cambio L’automatico a 8 rapporti (di serie) è rapidissimo e dolce negli innesti.

Praticità L’abitacolo è spazioso e provvisto di divano scorrevole, mentre il bagagliaio è enorme, facilmente ampliabile e ben sfruttabile.

Qualità costruttiva I materiali sono davvero ricercati, e le finiture curate nei minimi dettagli.

Tecnologia Oltre ai numerosi ausili alla guida di ultima generazione, sono disponibili (tranne che per la versione ibrida e-tron) anche le quattro ruote sterzanti, che incrementano la maneggevolezza.

 

Perché no

Cruscotto Quello digitale, di serie nelle versioni superiori, è ricchissimo di informazioni ma non sempre immediato da interpretare.

Dotazione Dato il prezzo, disturba dover pagare a parte accessori come il ruotino, il bracciolo centrale anteriore Comfort o la chiave elettronica (in pacchetto con il portellone automatico).

Terza fila Sui due strapuntini (optional) ripiegabili elettricamente nel baule si viaggia rannicchiati.

Volante La registrazione in altezza è limitata, a differenza di quella in profondità.

 

Audi Q7
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
79
28
49
62
161
VOTO MEDIO
2,5
2.477575
379
Photogallery