Chevrolet

Chevrolet
Corvette Cabriolet

da 99.840

Lungh./Largh./Alt.(cm)

463/193/123

Posti

2

Bagagliaio (litri)

357

Garanzia (anni/km)

3/100.000

In sintesi

La Chevrolet Corvette è la supersportiva-simbolo degli Stati Uniti d'America fin dal lancio della prima edizione, nel 1953. Da sempre è stata caratterizzata dal motore anteriore, ma le cose sono cambiate con l'ottava serie del 2019: la nuova Chevrolet Corvette Stingray (quest'ultimo nome è ripreso dalla seconda edizione) ha sempre un maxi-V8 6.2, ricco di potenza e di coppia motrice (613 Nm) pur avendo due sole valvole per cilindro, ma ora sta dietro l'abitacolo, come in tutte le rivali dirette. Così, la distribuzione dei pesi (al 60% sulla parte posteriore) è più adatta a garantire inserimenti rapidi in curva e una valida trazione quando si accelera al massimo. Il motore è abbinato a un nuovo cambio robotizzato a doppia frizione e a 8 rapporti. Lo spostamento del motore rivoluziona anche lo stile: la parte anteriore è corta e inclinata, mentre quella posteriore più possente, con ampie prese d'aria laterali. Le linee sono moderne, con tagli decisi, e si rifanno a quelle degli aerei da combattimento F22 e F35. La Corvette Stingray ha il piccolo tettuccio amovibile a mano, ma c'è anche in questa versione Convertible, con capote apribile elettricamente e due scenografiche pinne posteriori. L'abitacolo è molto sportivo e personale, a partire dal volante a due razze con corona quasi rettangolare, passando per il tunnel centrale molto alto e con un "labbro" spostato verso il posto del passeggero, dove trovano posto gran parte dei comandi. Due i display: il cruscotto di 12” e lo schermo di 16,5” del sistema multimediale. Le Chevrolet Corvette Stingray importate in Europa dispongono di serie del pacchetto Z51, che le rende più adatte a un uso molto sportivo, anche in pista: fra l'altro, ci sono un impianto di scarico che regala 5 cavalli, i freni maggiorati della Brembo, modifiche aerodinamiche e le sospensioni elettroniche attive. La risposta dell'auto (motore, cambio, sterzo, ammortizzatori e così via) è settabile a piacere, e nel volante c'è un tasto siglato "Z" che richiama la combinazione preferita dal guidatore. La "Z" sta per Zora Arkus-Duntov, il progettista-pilota che sviluppò le prime versioni della Corvette.  

Versione consigliata

Minime le differenze fra 2LT e 3LT: riguardano i sedili, che nel secondo caso sono più imbottiti e sportivi, e alcuni rivestimenti. Piuttosto, se usate l'auto con una certa regolarità, valutate se ordinare il sistema che solleva la parte anteriore (di 5 cm) quando serve: passi carrai, rampe dei garage e così via. 

Perché sì

Le informazioni su quest'auto saranno disponibili a breve.

Perché no

Le informazioni su quest'auto saranno disponibili a breve.

Chevrolet Corvette Cabriolet
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
17
11
2
5
5
VOTO MEDIO
3,8
3.75
40

Photogallery