Lamborghini

Lamborghini
Aventador Roadster

da 382.510

Lungh./Largh./Alt.

480/203/114 cm

Numero posti

2

Bagagliaio

110/n.d. litri

Garanzia (anni/km)

3/illimitati
In sintesi

La variante Roadster della più esclusiva e potente delle Lamborghini ha il tettuccio rimovibile: toglierlo richiede pochi secondi e non è troppo faticoso, perché è costruito in fibra di carbonio, diviso in due sezioni e pesa soltanto 12 kg; specifici i montanti del parabrezza e le “pinne” posteriori (che completano l’arcata centrale) verniciati in nero lucido. Anche qui ritroviamo le porte che si aprono verso l’alto, ma cambia il cofano posteriore, la cui esclusiva finestratura con quattro elementi esagonali lascia a vista il motore; la sua conformazione facilita anche il raffreddamento e il deflusso dell’acqua piovana. Il 6.5 V12 è lo stesso della versione chiusa, abbinato al cambio robotizzato a 7 marce (con palette al volante) e alla trasmissione integrale a ripartizione variabile (di norma privilegia le ruote posteriori, ma può trasferire fino al 60% della coppia a quelle davanti); non manca il “Drive Select Mode”, che permette di scegliere fra tre tarature di sterzo, acceleratore e cambio (Strada, Sport o Corsa). Rispetto alla versione chiusa, le prestazioni sono di fatto invariate, dato che l’aggravio di peso (dovuto ai rinforzi della scocca) è limitato a una cinquantina di chilogrammi. Specificamente disegnati i cerchi in lega Dione di tipo alleggerito (-10 kg), di 20 pollici davanti e 21 dietro, e i rivestimenti in pelle color sabbia del lussuoso quanto sportivissimo abitacolo biposto.

 

Versione consigliata

Anche la Roadster può essere personalizzata a piacimento e, comunque, offre di serie tutto il necessario (inclusi i fari allo xeno, gli airbag per le ginocchia del conducente, i sensori di pressione delle gomme e il navigatore). Da aggiungere i sensori di parcheggio con retrocamera, indispensabili perché la visuale posteriore è quasi nulla. Fra i colori della carrozzeria c’è anche l’Azzurro Thetys che richiama quello della Miura del 1968 e varia tonalità in base alla direzione della luce.

 

Perché sì

Materiali Fibra di carbonio per il telaio monoscocca e alluminio per la carrozzeria: la Roadster è una fuoriserie allo stato dell’arte della tecnologia costruttiva.

Prestazioni Secondo la casa questa “semiscoperta” brucia lo “0-100” in 3 secondi (1/10 in più della coupé), dopo altri 20 secondi viaggia già a 300 km/h e può toccare i 350 km/h di punta.

Frenata L’impianto utilizza dischi carboceramici: oltre che potente e modulabile, non fa una grinza quando lo si strapazza in pista.

Cambio Si tratta di un robotizzato tradizionale, ma ottimizzato per la guida sportiva: ha gli ingranaggi disposti su due alberi e utilizza una frizione singola (dunque pesa meno di un “doppia frizione”).

 

Perché no

Tettuccio Più che “apribile”, il tetto è smontabile e va riposto nel piccolo cofano anteriore: soluzione radicale ma meno comoda dei sistemi elettrici offerti da altre supersportive.

Prezzo In un’auto del genere non si guarda la “convenienza”, ma è bene non dimenticare che con la differenza di prezzo rispetto alla versione chiusa si compra una berlina bene accessoriata…

Garanzia Tre anni, seppure con chilometraggio illimitato, non sono molti per una fuoriserie da oltre 350.000 euro.

Accessibilità Le poltrone sono piuttosto sagomate, collocate in basso e distanti dal profilo esterno della battuta delle porte: per calarsi nell’abitacolo si deve essere agili.

 

Lamborghini Aventador Roadster
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
126
9
2
3
11
VOTO MEDIO
4,6
4.562915
151
Photogallery