McLaren

McLaren
Sports Series Spider

da 214.450

Lungh./Largh./Alt.

453/193/120 cm

Numero posti

2

Bagagliaio

150/202 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

Scoperta di impostazione supersportiva, la McLaren 570S Spider non differisce molto dalla versione chiusa dalla quale deriva (è più pesante di soli 46 kg): anche in questo caso troviamo la raffinata costruzione di ispirazione racing, con scocca in fibra di carbonio e parti in lega leggera; non mancano nemmeno le appariscenti portiere ad apertura verticale. La differenza è nel tetto ripiegabile (di tipo rigido) elettricamente: bastano 15 secondi per farlo sparire nella coda dell’auto (anche in marcia, fino a 40 km/h), lasciando in vista soltanto due suggestive “gobbe” separate dal lunotto in vetro che, se lasciato in posizione, funge da frangivento. Altrimenti lo si può far discendere per ascoltare meglio il sound del 3.8 V8 collocato alle spalle dell’abitacolo biposto: si tratta di un biturbo da 570 CV, gli stessi della Coupé, che assicura la medesima bruciante accelerazione della versione chiusa (“0-100” in 3,2 secondi dichiarati). Anche in questo caso il cambio è un robotizzato a doppia frizione e a sette marce: provvisto di palette al volante, si gestisce da una pulsantiera alloggiata nello stretto tunnel in fibra di carbonio (prolungato a formare la consolle che ospita pure lo schermo del navigatore, di serie). Realizzato con materiali di pregio e rifinito in modo eccellente, l’abitacolo della McLaren 570S Spider può essere ampiamente personalizzato al pari della carrozzeria ma è piuttosto essenziale e fasciante, e lascia poco spazio a tutto ciò che non è strettamente funzionale alla guida. D’altronde, questa scoperta è destinata a dare il massimo in pista, pur risultando redditizia e divertente (oltre che relativamente facile) su strada.

Versione consigliata

A differenza di alcune rivali, nel caso della McLaren 570S Spider ci si deve “accontentare” dell’unicità di motore e allestimento, e di una dotazione di serie che pur prevedendo elementi di pregio (fari full led, interni in pelle, navigatore) nonché le sospensioni attive, non mette al riparo dalla tentazione degli optional. Fra quelli irrinunciabili ci sono i sensori di parcheggio (anche con telecamera), ma ci si può sbizzarrire fra cerchi diamantati o con finitura Stealth e “Upgrade carbonio” per gli interni, sino ad arrivare alla verniciatura speciale per le pinze dei freni o per l’intera carrozzeria.

Perché sì

Contenuti tecnici La struttura monoscocca in fibra di carbonio è come quella delle auto da competizione, e la meccanica non è meno pregiata.

Finiture Dentro la spider inglese è essenziale e, per alcuni versi, spartana, eppure ogni dettaglio è curato in modo maniacale.

Guida Nulla a che vedere con le cabrio da lungomare: questa inglese è capace di inserimenti in curva fulminei e ha freni carboceramici, adatti anche alle sollecitazioni estreme dell’uso in pista.

Prestazioni La 570S è una delle “scoperte” più veloci in circolazione ma, grazie all’evoluta elettronica di controllo, è relativamente facile da portare al limite.

 

Perché no

Praticità Nel fasciante abitacolo lo spazio per riporre qualche piccolo oggetto scarseggia, e il baule è quasi inesistente: nell’uso quotidiano si fanno i conti con la sportività esasperata.

Prezzo Di fatto, dalla versione chiusa la Spider si differenzia soltanto per il tetto ripiegabile elettricamente (il telaio monoscocca non ha avuto bisogno di irrigidimenti). Ma lo fa pagare davvero salato.Tempi d’attesa La 570S Spider è un’auto esclusiva, prodotta in piccole quantità: per averla ci si deve mettere in coda.

Visibilità posteriore Scarsa come quella della Coupé, anche quando si guida a cielo aperto: in retromarcia, meglio affidarsi ai sensori (optional).

McLaren Sports Series Spider
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
10
5
2
1
2
VOTO MEDIO
4,0
4
20
Photogallery