NEWS

Nel 2010 3,47 milioni a Marchionne, 8,7 a Montezemolo

24 febbraio 2011

L'amministratore delegato del gruppo Fiat nel 2010 ha percepito il 27,4% in meno rispetto al 2009. Più del doppio ha guadagnato Luca Cordero di Montezemolo come presidente della Ferrari.

STIPENDIO IN CALO - Come emerge dal bilancio 2010 del gruppo torinese, l'ultimo prima della scissione nelle due nuove società Fiat Spa e Fiat Industrial Spa, nel 2010 Sergio Marchionne (nella foto in alto), in qualità  di amministratore delegato della Fiat, ha ricevuto compensi per 3,47 milioni di euro lordi. Una cifra inferiore del 27,4% rispetto al 2009, quando il top manager guadagnò 4,78 milioni di euro, perché Marchionne non ha maturato i bonus legati alla produttività. Ricordiamo che dei 3,47 milioni di euro percepiti da Marchionne, 3,05 sono da contratto quale amministratore delegato del gruppo torinese, 423.300 per la carica ricoperta in Fiat Svizzera, mentre non riceve nessun compenso quale amministratore delegato della Chrysler.

montezemolo_ferrari.jpg


IN FERRARI GUADAGNA DI PIÙ
- Più di Marchionne ha guadagnato Luca Cordero di Montezemolo (nella foto sopra). Il presidente della Ferrari ha ricevuto dal gruppo Fiat 8,7 milioni di euro, 7,46 per la carica ricoperta in Ferrari, e circa 1 milione come compenso straordinario quale “una tantum” per il ruolo di presidente della Fiat, ricoperto fino ad aprile 2010, quando ha passato il testimone al John Elkann. Quest'ultimo, che fino al 21 aprile era vicepresidente, ha ricevuto invece poco più di 589 mila euro. I 7,46 milioni di euro lordi percepiti da Montezemolo, più del doppio dello stipendio di Sergio Marchionne, sono legati agli ottimi risultati economici conseguiti dalla Ferrari nel 2010: nonostante la crisi, i ricavi sono cresciuti da 1.778 a 1.919 milioni e l'utile operativo è passato da 245 a 302 milioni.

> Il bilancio 2010 del gruppo Fiat





Aggiungi un commento
Ritratto di Zack TS
25 febbraio 2011 - 20:32
1
....eh si farà la fame....
Ritratto di negus
25 febbraio 2011 - 18:28
e sopravvalutato, aver perso il 27.4% è un chiaro manifesto delle sue LAMPANTI scelte miopi per la casa torinese (attacco ai lavoratori senza mettere sulla bilancia un rilancio effettivo della produzione). Ad oggi è stato capace solo di "ricarrozzare" auto di altri mettendoci di volta in volta lo stemma Fiat, Lancia oppure Alfa. Vediamo il prossimo anno quanto calerai ancora...
Ritratto di money82
25 febbraio 2011 - 19:36
1
Quoto tutto!
Ritratto di odin
25 febbraio 2011 - 20:27
OTTIMO COMMENTO. x gli altri. Certo che siete tutti grandi finanzieri o grandi economisti o grandi manager. Ho i miei dubbi, molti commenti mi lasciano perplesso, e´come toornare indietro nel tempo nella lotta tra PADRONE E OPERAIO. Forse il mondo e´andato avanti e voi forse non lo avete capito. M a quanto guadagna un onorevole, o forse un calciatore o un senatore, certo molto rispetto a quello che danno. Ma voi avete mai analizzato il lavoro di un manager di una grande multinazionale? Forse no. In quanto al vero guadagno di marchionne non credo che si possa quantificare in quanto lui agli inizi della sua avventura in fiat a comprato azioni con i suoi soldi maturati precedentemente mettendo a rischio i suoi capoitali perche credeva in quello che avrebbe fatto. Il mio non e´un commento di un padrone ma di uno che percepisce uno stipendio a fine mese finche´lavora bene, se sbagli vai a casa.
Ritratto di Il Checco
26 febbraio 2011 - 04:17
Trovo alquanto fuori luogo e gratuitamente "cattivi" alcuni commenti, è vero Marchionne percepisce uno stipendio molto elevato (forse troppo) ma è altresì vero che ricopre un ruolo importante, poco invidiabile e non semplice. Gestire una multinazionale qual è Fiat non è una cosa da niente, inoltre l'astio maturato negli anni contro l'azienda non facilita il compito ad un uomo che ci mette anche la faccia. Tutti si sono scagliati contro Marchionne, ma quasi nessuno ha detto niente su Montezemolo, che guadagna più del doppio dell'a.d. Fiat e perché poi? Perché Montezemolo è uomo Ferrari e la Rossa non si tocca? Sono tanti coloro che in Italia e nel mondo guadagnano più di quanto dovrebbero, sportivi e politici su tutti, ma sono altrettanti quelli che gli stipendi se li guadagnano davvero.
Ritratto di Mister Grr
26 febbraio 2011 - 10:05
qualcuno che la pensa come ma...alleluia!
Ritratto di odin
26 febbraio 2011 - 09:59
ottimo commento lo approvo in pieno. Qua stiamo perdendo il senso della misura e il "R I S P E T T O" per il lavoro degli altri, e specialmente per quelli che comandano come se fossero tutti ladri. Io sono uno stipendiato (bene) e comando e ne´sono fierissimo. Anni di studi e di sacrifici fatti in gioventu´vanno premiati nel futuro, e ripeto sacrifici, non quelli che la laurea la ottengono dopo anni di fuori corso e di bella vita. Oh ragazzi svegliatevi, ricordate che la realta´della vita elimina gli incapaci, i nulla facenti e le troppe persone che spesso parlano a vanvera. Marchionne vai avanti e non fermarti, il futuro ciu dira´chi ha ragione.
Ritratto di Il Checco
26 febbraio 2011 - 15:40
Hai ragione, chi nella vita ha fatto reali sacrifici e si è impegnato per arrivare ad altissimi livelli nel mondo del lavoro merita un compenso adeguato e soprattutto rispetto. Tuttavia in Italia (e non solo) questo concetto è considerato ingiusto e inaccettabile, ma sarebbe inconcepibile mettere sullo stesso piano nullafacenti e stakanovisti. Francamente non invidio affatto Marchionne, quando si comanda a volte bisogna saper prendere anche decisioni difficili e impopolari per il bene dell'azienda e in attesa di un futuro migliore. Si attacca Marchionne perché guadagna quasi 3,5 milioni lordi all'anno, ma come ho già scritto nel mio commento sopra sarebbero ben altre le persone o meglio dire i "ladri" da criticare, se proprio lo si volesse fare.
Ritratto di matrixfantoman
26 febbraio 2011 - 11:46
francamente non mi scandalizzo per questi soldi a marchionne ma mi scandalizzo di più per i 4 milioni di euro a mancini ex roma,inter,milan ,ora in brasile che non gioca mai oppure per i 5 milioni ad amauri ecc .Ma siamo in un libero mercato per cui finche esiste il moratti di turno che può dare questi soldi a mancini oppure 13 milioni a recoba non mi scandalizzo per queste cifre considerando che fiat dopo anni di perdita chiuede in attivo e dimezza i debiti,e la ferrari in periedo di crisi aumenta il fatturato questo e lo specchio il settore auto e in crisi il settore auto per gli operai vedi utiliatare ma i marchi dell lusso vanno a gonfie vele questo significa i ricchi sono più ricchi i poveri sempre più poveri poi io firmerei anche per il dispari di marchionne
Ritratto di TN68
26 febbraio 2011 - 17:03
Sono due "manager" pagati troppo in relazione ai danni causati alle aziende per cui lavorano. Visto che la Fiat vuole il 51% di Chrysler perchè non riduce lo stipedio di questi due incapci (e chissà quanti altri ce ne sono al Lingotto e a Maranello!) intanto, anche se poco, mette da parte un po di soldi!! Marchionne ha venduto la tradizione di Lancia e Alfa Romeo in nome del risparmio e la 500 la fabbrica in Polonia vendendola poi a un prezzo molto più alto e Montezemolo costruisce le Ferrari come la Fiat fabbrica la Panda. Qui mi fermo perchè come italiano e appassionato di auto mi fanno schifo tutti e due.
Pagine