NEWS

La Nissan Leaf è la nuova auto dei Carabinieri

Pubblicato 28 novembre 2020

Le 52 Nissan Leaf saranno utilizzate nell'ambito dei servizi di pattugliamento e tutela dei parchi nazionali statali.

La Nissan Leaf è la nuova auto dei Carabinieri

UN FLOTTA DIVERSIFICATA - Sono diverse le auto che fanno parte della flotta dell’Arma dei Carabinieri. Generalmente vengono scelte in base alle loro specificità per erogare un determinato tipo di servizio, come ad esempio il pattugliamento o i trasporti veloci e sicuri. Tuttavia ci sono alcuni contesti come ad esempio le ispezioni all’interno dei parchi  naturali dove, anche in virtù dell’attuale transizione verso la mobilità elettrificata, l’utilizzo di un’auto con motore termico non rappresenta di certo la scelta ideale.

VOCAZIONE GREEN - Ed è per questo che una flotta composta di 52 Nissan Leaf entrerà a far parte nell’autoparco dell’Arma dei Carabinieri e verrà utilizzata per le ispezioni che hanno lo scopo di tutelare i parchi nazionali e la biodiversità nelle riserve naturali statali. Questo è stato possibile grazie a un progetto che ha avuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in linea, perfettamente in linea con il piano di decarbonizzazione nazionale.

DUE VERSIONI - Attualmente la Nissan Leaf, giunta alla seconda generazione, è disponibile in due versioni: una con motore asincrono trifase da 150 CV e 320 Nm di coppia alimentato da una batteria da 40 kWh, in grado di assicurare di 270 km sul misto (389 km si ciclo urbano); e nella variante Leaf e+ equipaggiata con un motore elettrico che eroga 214 CV ed una coppia massima di 340 Nm alimentato da una batteria da 62 kWh, in grado di garantire un’autonomia di 385 km nel ciclo WLTP su percorso misto (528 km nel percorso cittadino).

Nissan Leaf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
84
64
43
29
43
VOTO MEDIO
3,4
3.444865
263




Aggiungi un commento
Ritratto di RubenC
30 novembre 2020 - 08:18
1
Sono centinaia di mezzi, mica uno o due...
Ritratto di Andre_a
30 novembre 2020 - 00:15
9
Stiamo parlando di sole 50 vetture.Ci sono parchi e riserve con strade asfaltate o con strade bianche più lisce di tante strade asfaltate, per pattugliare quelle la Leaf va bene. Per i sentieri più scassati avranno mezzi più adatti.
Ritratto di Andrea Zorzan
29 novembre 2020 - 11:16
Pessima auto elettrica, pessimo utilizzo, prezzo stratosferico per i contenuti tecnici.
Ritratto di RubenC
29 novembre 2020 - 12:00
1
Il prezzo di listino della Leaf è alto in rapporto ai contenuti tecnici (la base ha 270 km di autonomia!), ma in realtà le vendono a un prezzo molto più basso perché fanno molti sconti. Guardando sul sito Nissan vedo che la base la danno a € 21.800... che non è mica male.
Ritratto di katayama
29 novembre 2020 - 11:52
Dopo decenni di latitanza dal settore (Panda 4x4 a parte), finalmente produciamo sul nostro territorio nazionale una off-road, certo "addomesticata", come la Jeep Renegade (una Jeep!) e ai Carabinieri diamo in mano 'sto ciarpame che tra un paio d'anni è già obsoleto e che già allo stato attuale è inutilizzabile? Almeno, non in quei contesti e non efficacemente. Non ci credo.
Ritratto di Giuliopedrali
29 novembre 2020 - 12:06
Però non c'è elettrica la Jeep e col tempo conterà infinitamente di più produrre elettriche che 4x4 per quanto serie, che poi in teoria le elettriche pure nascono 4x4.
Ritratto di katayama
29 novembre 2020 - 14:10
L'assurdità è che la Renegade 4x4 attualmente in produzione è solo PHEV e pesa ben 450 chili in più della 4X2 termica pura. Un'assurdità. È come essere sempre in 5 a bordo, e col bagaglio. Così ne risultano fiaccate le prestazioni, e i consumi, quando non si viaggia in elettrico, sono esagerati. Certo, a quel punto meglio una 4x4 full electric, che tipicamente ha un motore per ogni asse e che quindi è di facile realizzazione e non comporta tutte le dissipazioni meccaniche del caso. Ripeto, secondo me questo non è il mezzo adatto alla funzione. Se le scelte vengono fatte così, ci si può aspettare di tutto in futuro... E questo mi preoccupa. La transizione dev'essere gestita con competenza e gradualità. Fanatismo e propaganda non giovano a nessuno.
Ritratto di FERRARI F1
30 novembre 2020 - 19:08
L'unica auto seria era (è) il Gimny
Ritratto di opinionista
30 novembre 2020 - 20:13
2
Le immissioni di CO2 della Gimny sono troppo alte, per questo non è stata più proposta in Europa, altro che auto delle forze dell’ordine
Ritratto di FERRARI F1
30 novembre 2020 - 21:15
Dovrebbero utilizzare il Centauro II, almeno non è soggetto alle idiote norme europee
Pagine