NEWS

La Nissan Leaf è la nuova auto dei Carabinieri

Pubblicato 28 novembre 2020

Le 52 Nissan Leaf saranno utilizzate nell'ambito dei servizi di pattugliamento e tutela dei parchi nazionali statali.

La Nissan Leaf è la nuova auto dei Carabinieri

UN FLOTTA DIVERSIFICATA - Sono diverse le auto che fanno parte della flotta dell’Arma dei Carabinieri. Generalmente vengono scelte in base alle loro specificità per erogare un determinato tipo di servizio, come ad esempio il pattugliamento o i trasporti veloci e sicuri. Tuttavia ci sono alcuni contesti come ad esempio le ispezioni all’interno dei parchi  naturali dove, anche in virtù dell’attuale transizione verso la mobilità elettrificata, l’utilizzo di un’auto con motore termico non rappresenta di certo la scelta ideale.

VOCAZIONE GREEN - Ed è per questo che una flotta composta di 52 Nissan Leaf entrerà a far parte nell’autoparco dell’Arma dei Carabinieri e verrà utilizzata per le ispezioni che hanno lo scopo di tutelare i parchi nazionali e la biodiversità nelle riserve naturali statali. Questo è stato possibile grazie a un progetto che ha avuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in linea, perfettamente in linea con il piano di decarbonizzazione nazionale.

DUE VERSIONI - Attualmente la Nissan Leaf, giunta alla seconda generazione, è disponibile in due versioni: una con motore asincrono trifase da 150 CV e 320 Nm di coppia alimentato da una batteria da 40 kWh, in grado di assicurare di 270 km sul misto (389 km si ciclo urbano); e nella variante Leaf e+ equipaggiata con un motore elettrico che eroga 214 CV ed una coppia massima di 340 Nm alimentato da una batteria da 62 kWh, in grado di garantire un’autonomia di 385 km nel ciclo WLTP su percorso misto (528 km nel percorso cittadino).

Nissan Leaf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
84
64
38
22
38
VOTO MEDIO
3,5
3.544715
246




Aggiungi un commento
Ritratto di Andre_a
29 novembre 2020 - 17:04
9
Può essere che per un ingegnere elettrico il paragone sia interessante, ma per il resto del mondo... il paragone con le Ferrari invece non l'ho proprio capito. Nella parte tra parentesi, la cosa che volevo sottolineare è l'importanza del misurare la potenza alla ruota: inutile avere tanti CV all'albero se dopo si ha una trasmissione inefficiente. Già che c'ero ci ho messo anche i kW perché secondo il SI al quale aderiamo, la potenza si misura in Watt, ma era un dettaglio da pignoli. Sempre secondo il SI, la massa si misura in kg, quindi dal fruttivendolo continuerò a chiedere un kg di arance.
Ritratto di v8sound
29 novembre 2020 - 18:21
@ Andre_a. Si da' il caso che siamo noi ingegneri a progettare e sviluppare impianti, sistemi e quant'altro, non certo i propagandisti di professione che affollano il sito, se permetti. Qualsiasi valutazione in ordine alle prestazioni non può esimersi dal valutare la potenza del motore, a prescindere dall'alimentazione. Ti faccio un esempio: anni fà ricordo una comparativa tra BMW 520i E 525 tds, entrambe sui 150 cv. La diesel risultò più performante, e infatti l'articolo faceva notare questo interessante "sorpasso" prestazionale. Ti chiedo, se invece della 520i avessero preso una M5, che comparazione inutile sarebbe stata? La cosa interessante fù proprio questa: valutare le prestazioni di 2 tipologie di alimentazione ma con potenza pressochè analoga ed il diesel ne uscì vincitore. Punto. Non mi pare difficile da capire, dai! Sul discorso albero / trasmissione / ruota, in linea di principio hai ragione, ma che vuol dire? Oggigiorno le trasmissioni sono molto efficienti, tornando alle BEV la trasmissione non ce l'hanno, allora ti giro la domanda, cosa me ne frega di perdere il 5% della potenza sulla trasmissione (di una termica) se poi a parità di cavalli, anzi kilowatt all'albero, la termica ha comunque prestazioni migliori? A me, niente. P.S.: il kg secondo il SI è l'unità di misura della massa, la bilancia del fruttivendolo misura il peso che si esprime in Newton, non la massa... che poi il risultato te lo dia in kilogrammi è un altro discorso... sono, appunto, pignolerie. Del resto per esprimere la diagonale di un monitor si utilizza molto frequentemente il pollice, invece dovremmo farlo in metri o centimetri; stessa cosa per il diametro delle tubazioni idrauliche.
Ritratto di Andre_a
29 novembre 2020 - 23:56
9
@v8sound: continuo a non essere d'accordo. Anche la comparativa tra le BMW, seppur interessante come informazione, non vuol dire niente nella scelta del consumatore. Il diesel è superiore quando ha prestazioni migliori del benzina a parità di prezzo, consumi, manutenzione o altre cose "concrete". Allo stesso modo, si può certamente dire che a parità di potenza il termico è più prestazionale: è vero, sono d'accordo, ci si può scrivere un articolo sopra e poi basta, serve solo come curiosità, quando si va a comprare la macchina non interessa. Anzi, nel diesel vs benzina il confronto a parità di potenza può avere un senso pratico, perché corrisponde una parità di tassa di circolazione, nel termico vs elettrico non c'è neanche questo. Sulla misurazione della potenza alla ruota, dico semplicemente che mi sembrerebbe più onesta, e più facile da verificare. Io sarei per misurare in cm il diametro di schermi (alcuni paesi europei lo fanno), cerchi, tubi... ci vorrebbe un minimo adattamento all'inizio, ma poi sarebbe più comodo. Sulle arance, infine non saprei: noi compriamo un kg-massa o un kg-peso? Anche se la bilancia misura il peso, sarei tentato di dire che acquistiamo massa: se in un lontano futuro i nostri discendenti acquisteranno arance durante le loro vacanze sulla Luna, credo che continueranno a chiederne il solito kg, e non 160 grammi. Discorso molto interessante, sono davvero tentato di chiedere la frutta in Newton la prossima volta che la compro :)
Ritratto di Meandro78
29 novembre 2020 - 09:30
No, se parliamo di prestazioni pure sullo spunto vincono da sempre le elettriche. Poi però sono pesanti e, drag race a parte, esistono curve, dislivelli, avvallamenti nel mondo reale. E il vantaggio finisce lì. Ma in un ipotetico inseguimento un'auto delle forze dell'ordine, in virtù della potenza del motore dovrebbe essere avvantaggiata. Certo se poi il fuggitivo è bravo nella fuga o questa dura troppo...
Ritratto di v8sound
29 novembre 2020 - 09:47
@ Meandro78. A parità di altri fattori le elettriche pesano di più delle corrispondenti termiche perché aggravate dalle batterie. Evitiamo ragionamenti a comparti stagni... la zavorra delle batterie serve alle BEV, se pesano di più è un problema loro. Se prendi lo 0 100 della Leaf da 214 cv siamo a 6,9 sec.; una BMW 120, un'Audi A3 ma molte altre, con potenza inferiore ai 200 cv fanno uguale ma anche meglio. Conclusione: spesso non è vero, nel mondo reale, a parità di potenza, che le elettriche abbiano accelerazioni migliori. Chiaro che in teoria il motore elettrico in sé lo permetterebbe, ma non il gruppo motore + batteria.
Ritratto di Meandro78
29 novembre 2020 - 10:08
Ovviamente hai ragione.
Ritratto di orlak
29 novembre 2020 - 10:26
Ma “forse” nella fattispecie più che l’accelerazione da ripartenza al semaforo in un’ottica d’uso tipo inseguimento andrebbe maggiormente considerata la classica performance mista da “giro di pista”, quella che una volta le riviste pure facevano (anche alle citycar), ora purtroppo caduta abbastanza in disuso come test (purtroppo perché sapere come se la caverebbero poi molte bev anche da 30-35k di listino sarebbe interessante, aldilà del solo tanto e spesso sottolineato 0-100). Oltre che ovviamente, importante in tali contesti, la velocità di punta raggiungibile perché se l’auto in dotazione, con quanti cv si voglia, tappa a 160 all’ora e chi sta sfuggendo anche alla guida di una semplice utilitaria da 90cv può arrivare a 180km/h alla prima strada a scorrimento veloce non lo si vede più.
Ritratto di RubenC
29 novembre 2020 - 12:31
1
Sfrecciare a 200 nelle strade dei parchi nazionali di solito non è così facile...
Ritratto di orlak
29 novembre 2020 - 12:47
Si parlava più ampiamente di un uso generico termica vs elettrica in dotazione. Perché altrimenti in un articolo in cui per percorrere unicamente strade sterrate è presa in considerazione una berlina (nemmeno 4x4), fissare l’attenzione sul dato “inutilità” di 180-200km/h vs soli 160 (altrettanto inutili) lo vedo alquanto come focalizzare sul dito e perdersi quella bella, tonda e splendente lunona piena che c’è poco oltre.
Ritratto di orlak
29 novembre 2020 - 12:49
* -magari- unicamente strade sterrate
Pagine