NEWS

Affidabilità delle auto: i risultati negli USA

Pubblicato 24 febbraio 2021

L’edizione 2021 della ricerca J.D. Power evidenzia ottime performance delle case asiatiche, che riescono a fare molto meglio di quelle europee. La Lexus si conferma al primo posto.

Affidabilità delle auto: i risultati negli USA

UN PUNTO DI RIFERIMENTO - La qualità di una vettura comprende molti aspetti, tra cui il soddisfacimento delle aspettative del consumatore, ma anche l'affidabilità, cioè il ridotto numero di guai meccanici e inconvenienti tecnici. L’ultimo studio della società di analisi J.D. Power fa riferimento proprio a questo, misurando, attraverso i sondaggi, la qualità di un veicolo dal numero dei problemi riscontrati dai proprietari. Nello specifico, lo studio, giunto al suo 32° anno e  ormai diventato un punto di riferimento, si rivolge agli automobilisti americani e misura, attraverso le evidenze che emergono dalle interviste, il numero di problemi su un campione di 100 veicoli (PP100) durante gli ultimi 12 mesi, riscontrati da 33.251 proprietari dei su veicoli del 2017, quindi dopo tre anni di vita. Un numero basso riflette meno problemi e quindi una maggiore affidabilità. 

OTTO CATEGORIE - L’edizione 2021 dell’U.S. Vehicle Dependability Study si focalizza su 177 problemi specifici raggruppati in otto categorie principali del veicolo: audio/comunicazione/intrattenimento/navigazione; motore/trasmissione; esterno; interno; caratteristiche/controlli/display; esperienza di guida; riscaldamento, ventilazione e aria condizionata; sedili. Secondo le evidenze emerse, l’affidabilità generale dei veicoli è in miglioramento. La media del settore è di 121 problemi ogni 100 veicoli (121 PP100), il valore più basso nella storia dello studio, con un miglioramento di 13 PP100 (10%) rispetto ai 134 PP100 del 2020. 

LA CLASSIFICA 2021 - Osservando la tabella qui sopra risultano le ottime prestazioni delle marche coreane e giapponesi. I loro proprietari hanno riscontrato meno problemi (115 PP100) rispetto ai costruttori americani (126 PP100) ed europei (131 PP100). La Lexus, per la nona volta consecutiva in 10 anni, si piazza al primo posto nell'affidabilità generale, con un punteggio di 81 PP100. La Porsche (86 PP100) è al secondo posto, seguita da Kia (97 PP100), Toyota (98 PP100), Buick (100 PP100) e Cadillac (anche 100 PP100). In questa edizione il modello più affidabile in assoluto è risultato, per la seconda volta in tre anni, la Porsche 911.
 
IL PIÙ CRITICO - Il comparto che ha evidenziato più problemi è quello che riguarda audio/comunicazione/intrattenimento/navigazione, il quale, pur registrando un miglioramento marginale, rimane la categoria con più critica.

LA TESLA - La Tesla è stata profilata ricevendo un punteggio di 176 PP100. La casa automobilistica non è ufficialmente classificata nello studio perché non soddisfa i criteri previsti. Infatti, a differenza di altri produttori, non concede a J.D. Power il permesso di sondare i suoi proprietari in 15 Stati. In questo caso il punteggio della Tesla è stato calcolato sulla base di un campione di sondaggi di proprietari presenti negli altri 35 stati.





Aggiungi un commento
Ritratto di marcoluga
24 febbraio 2021 - 12:22
2
Avendo comprato la rivista americana "Customer Report", sapevo già che Tesla non fosse un gioiello di precisione (ed essendo elettrica direi che la cosa ne aggrava il risultato), ma quello che indigna è che impedisca in 15 stati di contattare i proprietari. Roba da Corea del Nord.
Ritratto di RubenC
24 febbraio 2021 - 12:31
1
Bisogna ricordare però che Tesla è un marchio recentissimo e per questo in rapida evoluzione anche per quanto riguarda la qualità costruttiva, e che questo sondaggio si riferisce ad auto del 2017, quindi probabilmente con ben più difetti di quelle del 2021 (anche se ovviamente è impossibile dare una valutazione se non dopo qualche anno).
Ritratto di EnricoRS
24 febbraio 2021 - 13:21
Non capisco questo continuo tartassamento contro Tesla che è un marchio quasi assente qua da noi quando c'è la "nostra" Alfa Romeo a far ben più pena. Poi non capisco la storia dei 15 stati no e 35 si. Non è che in certi stati le vendono peggiori e in altri migliori. Se prendi l'Italia le auto che vendono nel Veneto sono identiche a quelle che vendono in Piemonte, non è che qualche regione esclusa cambierebbe la classifica.
Ritratto di alphia
24 febbraio 2021 - 13:49
Fra Piemonte e Veneto no ma se si allarga al continente, come sono gli Usa, fra Svezia e Spagna non è molto più probabile che le auto soffrano in maniera diversa ?
Ritratto di EnricoRS
24 febbraio 2021 - 14:32
Ma qua non hanno escluso i 15 paesi dove soffrono di più le auto ma gli unici 15 paesi che hanno potuto escludere (quindi a caso ai fini della classifica)
Ritratto di Vincenzo1973
24 febbraio 2021 - 13:06
per essere completo, secondo me, dovrebbero pero' indicare (per macro gruppi) la natura dei problemi. se ho un problema all'infoteiment non posso considerarlo alla stregua del problema alla turbina o al volante o al mozzo della ruota che pregiudicano la sicurezza
Ritratto di EnricoRS
24 febbraio 2021 - 13:22
Appunto, il "problema" potrebbe essere anche un app che non parte sull'infotaiment e viene categorizzato alla pari di un problema ai cilindri del motore.
Ritratto di EnricoRS
24 febbraio 2021 - 13:24
Vedo tanta gente dire bla bla bla sono meglio dei tedeschi, evidentemente in molti non sanno che Porsche è tedesca.
Ritratto di alphia
24 febbraio 2021 - 13:47
Ma in Usa di tedesche mica vendono solo le Porsche ? Anzi irrilevanti come sono di numeri non aggiustano mica cosa la media delle Made in Germany ?
Ritratto di EnricoRS
24 febbraio 2021 - 14:36
In realtà il Made in Germany si posiziona nella fascia medio alta della classifica con Porsche che ottiene un risultato brillante. A parte VW che stona le altre sono messe bene. Se poi Porsche vende 300, 3000 o 30000 auto non cambia nulla a livello statistico, la percentuale di guasti rimane sempre la stessa. Ciò che è palese invece è che gli italiani hanno mille teorie sempre per tutto ma poi è Alfa Romeo ad essere penultima, non Mercedes, non BMW, non Tesla, non Volvo, non Audi e non Porsche.
Pagine