NEWS

Alfa Romeo Giulia: i prezzi dell’edizione 2020

Pubblicato 24 dicembre 2019

Piccoli interventi migliorativi per la Giulia, soprattutto negli interni e nelle dotazioni tecnologiche. Il listino parte da 40.000 euro.

Alfa Romeo Giulia: i prezzi dell’edizione 2020

DI SERIE IL CAMBIO AUTOMATICO - L’Alfa Romeo Giulia edizione 2020 (leggi qui il primo contatto) è già ordinabile e sarà in consegna a partire da gennaio. Il listino parte da 40.000 euro, un prezzo riferito alla turbodiesel con motore 2.2 da 136 CV e l’allestimento base. A parità di motore, l’allestimento Super costa 43.000 euro, mentre servono 46.500 euro per il Business con il turbo 2.0 da 200 CV, il più economico fra quelli con motore a benzina. Per tutte le Giulia è di serie il cambio automatico a 8 marce e la trazione posteriore, mentre quella integrale Q4 è disponibile solo con l’allestimento Veloce, il più ricco: costa 57.700 euro con il motore 2.2 da 210 CV e 58.900 euro con il 2.0 da 280 CV. 

GLI ALLESTIMENTI - L’Alfa Romeo Giulia ha di serie i cerchi in lega di 16”, i sedili in tessuto, il “clima” automatico bizona, lo schermo touch di 8,8” del sistema multimediale e alcuni aiuti alla guida, come la frenata automatica con funzione anti-investimento dei pedoni e il sistema di contro l’involontario del cambio di corsia. A parità di motore, l’allestimento Super costa 3.000 euro in più, per i quali offre i cerchi di 17”, i fari allo xeno, la soglia d’accesso in alluminio, i sensori di distanza posteriori e la compatibilità con Android Auto ed Apple Car per gli smartphone. Per 1.000 euro in più c’è il Business, privo della soglia d’accesso in alluminio e dei cerchi di 17” (ha quelli di 16”), ma nell’equipaggiamento di serie ci sono il regolatore di velocità adattativo, le bocchette del “clima” per i passeggeri posteriori, la presa usb posteriore e il sistema d’accesso a bordo senza chiave.

LA SPRINT È PER GLI SPORTIVI - L’allestimento Sprint dell’Alfa Romeo Giulia ha un prezzo di listino superiore di 3.000 euro rispetto al Super, però aggiunge la pedaliera in alluminio, il volante sportivo in pelle, i cerchi di 18”, le pinze dei freni neri, due scarichi, il regolatore di velocità adattativo, i sensori di distanza anteriori e la telecamera posteriore di parcheggio. A impreziosire il Executive, di 3.000 euro più caro del Business, sono i cerchi di 18”, le soglie d’accesso in alluminio, i sensori di prossimità anteriori, la telecamera posteriore di parcheggio, il monitoraggio dell’angolo cieco negli specchietti, il sistema contro l’involontario cambio di corsia, il sistema che riproduce i cartelli stradali nel cruscotto e quello che monitora lo stato di affaticamento del guidatore, consigliandosi di effettuare una sosta se percepisce segni di assopimento.

TI E VELOCE, LE PIÙ RICCHE - I sedili in pelle, il volante riscaldato, gli inserti in legno, i cerchi di 18” e la ricarica senza filo per gli smartphone compatibili sono fra le dotazioni presenti per il più ricco allestimento Ti, in vendita a 4.500 euro in più del Executive, ma in più ci sono anche il regolatore di velocità con funzione di arresto e ripartenza nel traffico a “singhiozzo”, il sistema che monitora il livello di attenzione nel conducente e quello che riproduce i cartelli stradali nel cruscotto. L’allestimento più ricco è il Veloce, che costa 4.500 euro in più dello Sprint: ha i sedili sportivi in pelle (quello di guida regolabile elettricamente), il volante riscaldato, i cerchi di 19”, i freni maggiorati e il pacchetto completo di aiuti alla guida.

I PREZZI

  PREZZI IN EURO
MOTORE BASE SUPER BUSINESS SPRINT EXECUTIVE TI VELOCE
2.0 AT8 RWD 200 CV     46.500  48.500 49.500    
2.0 AT8 Q4 280 CV             58.900
2.2 AT8 RWD 136 CV 40.000 43.000 44.000        
2.2 AT8 RWD 160 CV     45.000 47.000 48.000    
2.2 AT8 RWD 190 CV       49.500   55.000  
2.2 AT8 Q4 210 CV             57.700
Alfa Romeo Giulia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1169
190
98
108
196
VOTO MEDIO
4,2
4.15162
1761


Aggiungi un commento
Ritratto di Alfa1967
29 dicembre 2019 - 20:53
Utilizzi le palette o muovi le leva su manuale se scendi. Se sali non vedo dove sia la.rottura.
Ritratto di Flavio8484
30 dicembre 2019 - 11:13
Ognuno è libero di usare il cambio che vuole, se vuoi usare le palette fallo, sei libero
Ritratto di marcoveneto
26 dicembre 2019 - 23:16
Immagino.. Fortunatamente non sono spesso in mezzo al traffico.
Ritratto di Andre_a
27 dicembre 2019 - 10:08
Un punta-tacco prima di entrare in rotonda lo faccio ogni tanto: non serve a niente e un automatico lo farebbe sicuramente meglio di me, ma é divertente. Poi, se uno si compra una Giulia (o un'altra auto che punta al piacere di guida) e la usa per stare in coda tra semafori e rotonde, secondo me ha sbagliato acquisto.
Ritratto di Alfa1967
29 dicembre 2019 - 20:57
Code rotonde semafori le trovi sia in città che in autostrade tipo A8 A4. Dunque che scelta bisogna fare?
Ritratto di Thresher3253
24 dicembre 2019 - 19:10
Al posto di abbassarsi vedo che i prezzi aumentano. L'ideale per un modello che sta vendendo poco.
Ritratto di remor
26 dicembre 2019 - 09:03
In Italia è la più venduta del segmento. A livello continentale vende più di XE e S60 che pure presidiano il segmento con continuità da un bel po' (mentre in Alfa c'è stato oltretutto un vuoto di presenza dopo la 159)
Ritratto di Thresher3253
26 dicembre 2019 - 17:18
Il mercato italiano é ininfluente, essendo pressappoco il 7% o poco più del bacino potenziale europeo. E per questioni di nazionalismo é anche logico che venda da noi, lo stesso motivo per il quale auto obsolete come 500 e Panda continuano negli anni a restare best seller.
Ritratto di remor
26 dicembre 2019 - 19:12
Bah, con quasi 2 mln di vetture nel 2018 siamo il quarto paese a un soffio delle 2.17 della Francia e non troppo lontani dalle 2.36mln della GB. Se il 7% va considerato irrilevante non è che poi i 3,44mln della Germania (ossia per analogia l'11%) faccia una gran differenza.
Ritratto di remor
26 dicembre 2019 - 19:14
12%
Pagine