NEWS

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: motori Euro 6d e un nuovo allestimento

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 30 novembre 2020

Arriva l’edizione 2021 di Giulia e Stelvio, senza novità stilistiche ma con motori più puliti e un nuovo allestimento Rosso Edizione.

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: motori Euro 6d e un nuovo allestimento

ESCE IL DIESEL DA 136 CV - L’Alfa Romeo annuncia l’edizione 2021 delle sue auto di medie dimensioni: la berlina Giulia e la suv Stelvio. Non ci sono novità stilistiche e all’interno, ma arrivano lievi aggiornamenti per i motori turbo: ora rispettano la norma anti smog Euro 6d, obbligatoria del prossimo anno. Come per l’edizione precedente, si possono avere il benzina 2.0, nelle versioni da 200, 250 e 280 CV, e il diesel 2.2, con 160, 190 o 210 CV, oltre al benzina V6 2.9 da 510 CV per la Giulia e Stelvio Quadrifoglio. Per la Giulia non c’è più la versione base del 2.2, con 136 CV. Tutti i motori sono abbinati al cambio automatico AT8 a 8 marce. Infine, arrivano nuovi allestimenti.

ROSSO EDIZIONE - L’Alfa Romeo Giulia ha un nuovo allestimento base: si chiama Rosso Edizione ed è offerto solo con il 2.2 diesel da 160 CV. Di serie ha le ruote in lega di 18”, oltre a sedili in tessuto con cuciture rosse, telecamera posteriore di aiuto al parcheggio, clima bizona, frenata automatica e sistema contro l’involontario cambio di corsia. Non cambiano gli allestimenti successivi, che sono i Business, Sprint, Executive, Ti e Veloce, ma torna disponibile il top di gamma Veloce Ti, offerto fino al 2019: ha di serie i sedili sportivi in pelle e Alcantara, i fascioni sportivi e l’assistente alla guida in colonna. 

SETTE ALLESTIMENTI - L’allestimento Rosso Edizione è offerto anche per l’Alfa Romeo Stelvio, ma soltanto con il 2.2 da 160 CV e la trazione posteriore: offre di serie le ruote di 19”, i sedili neri con cuciture rosse e il sistema multimediale con schermo di 8,8”, oltre al clima bizona, alla frenata automatica e al sistema contro l’involontario cambio di corsia. Anche per lei, gli allestimenti successivi sono gli stessi dell’edizione precedente: Business, Sprint, Executive, Veloce e Ti. Debutta poi il Veloce Ti, con i sedili sportivi in pelle e Alcantara, i fascioni sportivi e l’assistente alla guida in colonna. 

> I prezzi dell’Alfa Romeo Giulia 2021 

Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Business: da 47.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Sprint: da 49.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Executive: da 50.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Ti: da 55.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 250 CV Sprint: da 55.400 euro 
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 280 CV Veloce: da 58.900 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce: da 59.900 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce Ti: da 65.900 euro

Alfa Romeo Giulia 2.9 AT8 RWD Quadrifoglio: da 91.000 euro

Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Rosso Edizione: da 45.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Business: da 46.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Sprint: da 48.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Business: da 48.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Sprint: da 50.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Executive: da 51.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Ti: da 56.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce: da 59.700 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce Ti: da 64.700 euro

> I prezzi dell’Alfa Romeo Stelvio 2021 

Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 200 CV Business: da 56.500 euro 
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 250 CV Sprint: da 58.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 200 CV Executive: da 59.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 250 CV Sprint: da 61.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce: da 66.200 euro 
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Ti: da 67.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce Ti: da 72.200 euro

Alfa Romeo Stelvio 2.9 AT8 Q4 Quadrifoglio: da 101.000 euro 

Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Rosso Edizione: da 51.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Business: da 52.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Business da 55.000 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Sprint: da 57.000 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Business: da 57.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Executive: da 58.000 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Sprint: da 59.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Executive: da 60.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Ti: 65.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce: da 65.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Ti: da 66.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce Ti: da 71.200 euro 

(RWD versioni a trazione posteriore, Q4 con il 4x4)

Alfa Romeo Stelvio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
559
163
105
117
165
VOTO MEDIO
3,8
3.75203
1109




Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
1 dicembre 2020 - 08:57
Rolls Royce buuu buuu. Comunque Compass è diciottesima in Europa nella sua categoria (SUV compatti) dominata da T-roc, Tiguan, mentre Renegade è sempre diciottesima nella sua categoria (SUV piccoli) dominata da Captur e Puma, sai che successo.
Ritratto di RubenC
30 novembre 2020 - 13:14
1
Si meriterebbero un restyling vero e proprio... Soprattutto la Giulia: non è possibile che una berlina di questa categoria non possa avere i fari full led neanche come optional e non abbia nemmeno una versione ibrida (nemmeno "leggera"!). Quanto al design, rimangono tutte e due belle ed eleganti.
Ritratto di MauroMecallo
30 novembre 2020 - 17:55
1
Ma soprattutto dico io , come si fa a non fare una versione station della Giulia !!! Venderebbe infinitamente di più della berlina ,seppur sia anche questa bellissima. Mauro.
Ritratto di RubenC
30 novembre 2020 - 18:04
1
Ma poi, wagon o no, rimane una gamma un po' povera... E' un'auto molto bella, è anche un peccato che non possa avere altre varianti.
Ritratto di 82BOB
30 novembre 2020 - 13:34
2
Tavares dovrà ripensare il progetto Giulia/Stelvio per la prossima generazione! Occorrono la SW, la coupé una SUV-coupé (che a me farebbe ribrezzo ma le fanno tutti) oltre a motori nuovi! Servono alimentazioni alternative (gpl più semplice, metano mi pare impossibile per il tipo di motori) e ibridi per competere in questo mercato, oltre ad una motorizzazione entry-level con cavallerie umane! La 280 cv non ha molto senso (circa 30cv oltre soglia perché?), così come i diesel non ibridi (o meglio, i diesel in generale, a maggior ragione sulle sportive, ma senza sembra che i rappresentanti non possano vivere)! Il telaio è tra i migliori, speriamo non vada sprecato...
Ritratto di Giuliopedrali
30 novembre 2020 - 16:03
Occorrerebbe una compatta 2 volumi diciamo così ma che risalti molto più della Golf e sia migliore come sarebbe nel DNA Alfa di BMW e Audi concorrenti. Le berline 3 volumi ormai sono Tesla e Xpeng nell'immaginario di chi sogna berline / supercar, non so cosa ci fai con una Giulia.
Ritratto di 82BOB
30 novembre 2020 - 16:25
2
Sto scrivendo di auto "tradizionali" di seg. D...
Ritratto di Giuliopedrali
30 novembre 2020 - 16:32
Una 2 volumi un pò grande molto dinamica magari pure costosa e raffinata sarebbe la soluzione per Alfa Romeo (a parte i SUV), le 3 volumi penso che ormai saranno una chimera, pure nella declinazione SW che credo ormai non si associ più ad Alfa, ma poco per volta neanche tanto alle tedesche, un pò alla volta le categorie saranno rivoluzionate.
Ritratto di 82BOB
30 novembre 2020 - 18:17
2
Difficile in quel segmento coniugare tutto in una due volumi propriamente detta! Shooting-brake, station-wagon, coupé e berline tre volumi (magari con portellone) sono le uniche carrozzerie iconiche in grado di attrarre senza rinunciare a estetica e/o praticità!
Ritratto di Giuliopedrali
30 novembre 2020 - 18:30
La 33 era così, apparentemente e realmente bassissima 131 cm primato mondiale di bassezza per una berlina assieme alla Aston Martin Lagonda del 1976 di William Towns un pochettino più rara, però poi era caricabile come una wagon, penso che pianpiano questa tipologia di auto sarà l'unica che resterà tra le berline medie, cioè ne utilitarie ne limousine, col portellone e molto sportive o dinamiche magari anche grandi come delle ammiraglie, le berline per un pò le vedremo solo elettriche.
Pagine