NEWS

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: motori Euro 6d e un nuovo allestimento

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 30 novembre 2020

Arriva l’edizione 2021 di Giulia e Stelvio, senza novità stilistiche ma con motori più puliti e un nuovo allestimento Rosso Edizione.

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: motori Euro 6d e un nuovo allestimento

ESCE IL DIESEL DA 136 CV - L’Alfa Romeo annuncia l’edizione 2021 delle sue auto di medie dimensioni: la berlina Giulia e la suv Stelvio. Non ci sono novità stilistiche e all’interno, ma arrivano lievi aggiornamenti per i motori turbo: ora rispettano la norma anti smog Euro 6d, obbligatoria del prossimo anno. Come per l’edizione precedente, si possono avere il benzina 2.0, nelle versioni da 200, 250 e 280 CV, e il diesel 2.2, con 160, 190 o 210 CV, oltre al benzina V6 2.9 da 510 CV per la Giulia e Stelvio Quadrifoglio. Per la Giulia non c’è più la versione base del 2.2, con 136 CV. Tutti i motori sono abbinati al cambio automatico AT8 a 8 marce. Infine, arrivano nuovi allestimenti.

ROSSO EDIZIONE - L’Alfa Romeo Giulia ha un nuovo allestimento base: si chiama Rosso Edizione ed è offerto solo con il 2.2 diesel da 160 CV. Di serie ha le ruote in lega di 18”, oltre a sedili in tessuto con cuciture rosse, telecamera posteriore di aiuto al parcheggio, clima bizona, frenata automatica e sistema contro l’involontario cambio di corsia. Non cambiano gli allestimenti successivi, che sono i Business, Sprint, Executive, Ti e Veloce, ma torna disponibile il top di gamma Veloce Ti, offerto fino al 2019: ha di serie i sedili sportivi in pelle e Alcantara, i fascioni sportivi e l’assistente alla guida in colonna. 

SETTE ALLESTIMENTI - L’allestimento Rosso Edizione è offerto anche per l’Alfa Romeo Stelvio, ma soltanto con il 2.2 da 160 CV e la trazione posteriore: offre di serie le ruote di 19”, i sedili neri con cuciture rosse e il sistema multimediale con schermo di 8,8”, oltre al clima bizona, alla frenata automatica e al sistema contro l’involontario cambio di corsia. Anche per lei, gli allestimenti successivi sono gli stessi dell’edizione precedente: Business, Sprint, Executive, Veloce e Ti. Debutta poi il Veloce Ti, con i sedili sportivi in pelle e Alcantara, i fascioni sportivi e l’assistente alla guida in colonna. 

> I prezzi dell’Alfa Romeo Giulia 2021 

Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Business: da 47.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Sprint: da 49.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Executive: da 50.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 200 CV Ti: da 55.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 250 CV Sprint: da 55.400 euro 
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 RWD 280 CV Veloce: da 58.900 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce: da 59.900 euro
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce Ti: da 65.900 euro

Alfa Romeo Giulia 2.9 AT8 RWD Quadrifoglio: da 91.000 euro

Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Rosso Edizione: da 45.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Business: da 46.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Sprint: da 48.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Business: da 48.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Sprint: da 50.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Executive: da 51.500 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Ti: da 56.000 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce: da 59.700 euro
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce Ti: da 64.700 euro

> I prezzi dell’Alfa Romeo Stelvio 2021 

Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 200 CV Business: da 56.500 euro 
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 250 CV Sprint: da 58.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 200 CV Executive: da 59.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 250 CV Sprint: da 61.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce: da 66.200 euro 
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Ti: da 67.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo Benzina AT8 Q4 280 CV Veloce Ti: da 72.200 euro

Alfa Romeo Stelvio 2.9 AT8 Q4 Quadrifoglio: da 101.000 euro 

Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Rosso Edizione: da 51.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 160 CV Business: da 52.500 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Business da 55.000 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Sprint: da 57.000 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Business: da 57.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 RWD 190 CV Executive: da 58.000 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Sprint: da 59.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Executive: da 60.700 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 190 CV Ti: 65.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce: da 65.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Ti: da 66.200 euro
Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel AT8 Q4 210 CV Veloce Ti: da 71.200 euro 

(RWD versioni a trazione posteriore, Q4 con il 4x4)

Alfa Romeo Stelvio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
554
163
105
116
164
VOTO MEDIO
3,8
3.750455
1102




Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
30 novembre 2020 - 15:09
La Ferrari nel listino ha ben 8 modelli da scegliere, Maserati 4 modelli, l'Alfa romeo sono queste due e la datata Giulietta, in Fiat le cose funzionano al contrario i brand di nicchia hanno piu modelli dei brand che dovrebbero essere generalisti premium, per me potrebbero chiudere alfa ed capire dei musei cosi da ricordarle nel migliore dei modi, stessa cosa la lancia con quella oscena Ypsilon, vendeteli questi due Marchi a chi saprebbe trattarli meglio, oppure chiudetele e commemorateli in altra maniera.
Ritratto di 82BOB
30 novembre 2020 - 15:28
2
Fotografia impietosa ma sfortunatamente aderente alla realtà... solo una precisazione: Ferrari non fa parte di FCA. Speriamo in Tavares...
Ritratto di alex_rm
30 novembre 2020 - 17:05
È più facile progettare,sviluppare,testare e produrre una supercar dove non ci sono limiti di spesa sulla componentistica da usare(e sono anche senza adas)rispetto ad una auto dai grandi volumi e margini di guadagno ridotti
Ritratto di Claus90
30 novembre 2020 - 17:11
Allora due modelli che li tengono a fare, sono inutili, sempre in perdita andranno, tanto vale vendere il marchio e qualche fabbrica, marchionne aveva in progetto di rilanciare alfa con serie intenzioni, a partire da giulia e Stelvio, oggi tutto è accantonato senza pianificazione gli anni passano, avrebbero fatto bene all'epoca a vendere a Vw,
Ritratto di zero
30 novembre 2020 - 17:46
Il ragionamento non farebbe una piega se non fosse che, da quando Giulia è Stelvio sono nate, in FCA è successo di tutto: dalla morte improvvisa del loro ideatore a tutte le vicende relative alle alleanze (prima Renault, poi PSA...) che chiaramente incidono sulla programmazione dei piani industriali. Irragionevole attendersi chiarezza nel bel mezzo di questo caos in cui tutto ma proprio tutto dovrà essere messo sul tavolo e rianalizzato, dalla sussistenza di alcuni marchi alle gamme di ciascun marchio. Impossibile aspettarsi che Alfa Romeo vada avanti con due soli modelli (anzi tre, comprendendo anche la prossima Tonale): qualcosa Stellantis dovrà inventarsi.
Ritratto di Cancello92
30 novembre 2020 - 15:49
Hanno alzato i prezzi vendendo lo stesso prodotto e non riescono a far uscire modelli nuovi e pensare che fca ha i conti in ordine. Forse vogliono solo continuare a esistere e investire quando il mercato sarà più stabile come tecnologia e standard richiesti, se mai sarà. Oppure sono solo incapaci
Ritratto di 82BOB
30 novembre 2020 - 18:28
2
Sarei tentato di darti una risposta alla Quelo... però è anche vero che sono nel pieno della cessione a PSA, quindi incapaci sì, ma anche un po' con le mani legate...
Ritratto di cesco67
30 novembre 2020 - 16:06
Prima di tutto buongiorno...leggendo i vari commenti(ovviamente non tutti..)sento sempre quell'aria di antiitaliano su qualsiasi cosa comunque sarà prodotta o proporranno aziende italiane (in primis FCA), prima di tutto Alfa Romeo non è Fiat ma fa parte del gruppo FCA (come Lamborghini,Seat,Skoda,Audi etc del gruppo Volkswagen o Dacia per Renault etc.etc) secondo il fatto di comprare auto tedesche non implica nulla di diverso rispetto alle auto italiane(poi se qualcuno vuole sapere di problemi su svariate auto tedesche possedute personalmente basta chiedere)terzo le aziende tedesche e i tedeschi stessi sono più "riservate" nel pubblicizzare le loro rogne e fanno bene visto il risultato in italia!!!quarto rammento magari a chi non fosse ferrato o magari troppo giovane, le auto italiane(sempre del gruppo Fiat o FCA) in passato hanno sempre bastonato le tedesche. che per vincere hanno dovuto aspettare che si ritirassero (Lancia 037,Lancia Stratos, Lancia Delta, Alfa 75 etc)quinto e lo dico sempre per esperienza.. non è che se compri un Audi o un BMW diventi più bello o più figo.. rimani semplicemente uno a cui piace Audi o BMW che invece sono auto piene di personalità.............Detto questo, continuate pure a comprare quello che volete ma non continuate a denigrare questo o quello solo perché sono italiane o a fare gli ingegneri ricordatevi che alla fine quello che conta è il risultato economico delle scelte fatte ...e con i loro "errori" i signori della Fiat dopo la fusione con il Gruppo PSA sono diventati il 4° produttore di autoveicoli del mondo!!!! e compratevi la macchina che vi piace!!!non quella che fa tendenza.....ve lo dice uno che per lavoro e per fortuna tra le tante auto aziendali ha avuto auto aziendali come Jaguar, 3 volte Touareg e che finalmente adesso da tre anni e il fortunato possessore di una "Fiat Stelvio".......che non cambierei in questo momento con nessuna auto sul mercato. Un ultimo piccolo particolare...la versione Quadrifoglio 510 cv è vero che non si vende molto in Italia.....se pensate però che il problema sia comprarla(con un paio di anni di vita e qualche sacrificio..si può fare)vi sbagliate ...semplicemente mantenerla circa 5.000,00 euro solo di bollo contro i 500 circa della Germania..... Meditate..e come detto compratevi un auto perché vi piace....uno brutto in BMW o Mercedes etc...rimane sempre brutto (anche se acquisti un Alfa/Fiat....rimani brutto.......)
Ritratto di RubenC
30 novembre 2020 - 16:24
1
Il fatto che siano brand tecnologicamente indietro non dico a Tesla o Xpeng o Lucid, ma anche a Audi o Mercedes o BMW è un dato oggettivo.
Ritratto di Giuliopedrali
30 novembre 2020 - 16:35
Quanti miliardi di volte mi è toccato dire che Alfa in realtà anche se nessuno lo fa notare vende solo auto innovative, tecnologicamente avanti anche di lay out, i grandi successi sono stati quelli, è ciò che uno si aspetta da un'auto italiana, stile e meccanica avanti sulla concorrenza, prestazioni da muscle car e sportività a tutto spiano forse aiutano ma niente più.
Pagine