NEWS

Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020: stessa potenza più connettività

Pubblicato 07 maggio 2020

Anche le versioni Quadrifoglio dell’Alfa Romeo Giulia e Stelvio si rinnovano. Arrivano la guida semiautonoma di livello 2, un nuovo impianto multimediale touchscreen e alcune migliorie agli interni.

Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020: stessa potenza più connettività

COSA CAMBIA - Dopo aver svelato lo scorso autunno le rinnovate Alfa Romeo Giulia e Stelvio, arrivano anche per le Quadrifoglio tutte le novità del “Model Year 2020”. Se sotto al cofano della berlina e della Suv sportive pulsa sempre il 2.9 V6 da 510 CV e 600 Nm, le nuove Quadrifoglio si arricchiscono delle ultime tecnologie di assistenza alla guida semiautonoma di livello 2, di un moderno sistema multimediale con schermo touchscreen da 8,8” e di nuove possibilità di personalizzazione per gli interni e la carrozzeria. 

SEGUE IL TRAFFICO E LE CORSIE - Il cruise control adattativo delle Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020 è ora dotato della funzione di arresto e ripartenza nel traffico a “singhiozzo” mentre attraverso il riconoscimento dei cartelli stradali può regolare la velocità in base ai limiti della strada percorsa. A questo sono poi abbinati il sistema di mantenimento di corsia attivo e il monitoraggio dell’angolo cieco.

HANNO IL TOUCHSCREEN - L’impianto multimediale delle Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020 è stato rivisto da cima a fondo. Anche se la diagonale rimane la stessa (8,8”), il display ha una grafica più raffinata ed è a sfioramento, sebbene sia sempre possibile controllarlo anche con la manopola sul tunnel centrale. Le “schermate” sono composte da icone che si possono spostare a piacimento per porre in evidenza le funzioni preferite, come si fa con gli smartphone. Inoltre, il sistema è arricchito dell’hot spot Wi-Fi, che può supportare fino a otto telefoni, e della gestione a distanza di alcune funzionalità tramite il telefonino. Per esempio, l’apertura e la chiusura delle porte, l’invio al navigatore dell’itinerario del prossimo viaggio e il collegamento con assistenti vocali di casa come Alexa e Google home. 

NUOVI COLORI E SCARICO - A distinguere esteticamente le nuove Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020 ci pensano la nuova finitura brunita dei fanali, dei loghi e della mascherina e le inedite verniciature ispirate alle Alfa Romeo del passato: sono il Verde “Montreal”, il Rosso “Villa d’Este”, l’Ocra “GTJunior”. Sulla Stelvio Quadrifoglio sono inoltre disponibili nuovi cerchi in lega maggiorati da 21”, mentre per entrambe le vetture è previsto un nuovo impianto di scarico sportivo (optional) firmato Akrapovič e caratterizzato dai terminali di scarico in carbonio. All’interno dell’abitacolo, oltre alle novità distintive del “Model Year 2020” come il tunnel centrale ridisegnato e la nuova leva del cambio automatico le Quadrifoglio possono ora contare su una maggiore personalizzazione delle finiture con rivestimenti in pelle o Alcantara e cuciture a contrasto di diversi colori. 

PIÙ AVANTI IL LISTINO - Non cambia la meccanica delle nuove Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020, sebbene i tecnici del Biscione siano intervenuti su alcuni dettagli come il miglioramento dell’isolamento acustico dal manto stradale. Le Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020 saranno ordinabili dai prossimi mesi; al momento non si conosce ancora il listino delle due vetture ma si ipotizza un prezzo in linea o appena superiore alle versioni disponibili fino a questo momento. 

VIDEO
Alfa Romeo Giulia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1194
210
102
110
197
VOTO MEDIO
4,2
4.15499
1813




Aggiungi un commento
Ritratto di remor
7 maggio 2020 - 23:24
Penso sia un po' il motivo per cui oramai da un po' il gruppo sembra avere un interesse davvero minimale al qui vendere-vendere-vendere (non per niente Fiat non ha una seg.B già da tempo e da poco Alfa stessa non propone la seg.C); tanto alla fine il prodotto non viene capito
Ritratto di troy bayliss
8 maggio 2020 - 08:31
1
Io invece condivido il pensiero di Francesco31: se alfa vuole vendere e inserirsi nel trio di punta (bmw mercedes audi) deve proporre un prodotto nuovo, meccanicamente emozionale, tecnologicamente avanzato, materiali e assemblamenti di alto livello, ma soprattutto prezzi concorrenziali. Non magari i 30mila ma i 40mila con 2.2 mjet da 160cv e allestimento top..si. Questo per me è aggredire il mercato.Tu compratore devi avere il dubbio delle serie: prendo una A4 o una serie 3 a 50/55 mila o una giulia 190cv a 45mila?
Ritratto di remor
8 maggio 2020 - 09:23
La mia idea è invece che la triade nella sua compattezza finisca per fare essenzialmente tendenza, e quindi una strada da loro intrapresa diventa quella maestra. Faccio un semplice esempio: se l'ibrido (tradizionale) invece che da Toyota-Lexus fosse stato da oltre un decennio portato avanti dalle tre tedesche oggi (probabilmente) si considererebbe qualsiasi auto non ibrida (tradizionale) un avanzo dell'era preistorica; invece (vedasi recenti precedenti articoli) stiamo ancora ad elogiare (visto che lo si adotta in quel di Germania) il diesel che addirittura invece di (come paventato a ridosso del relativo gate) venìre relegato in un angolino è attualmente soggetto a un proliferare di motorizzazioni diesel sulle versioni "sportive" (e si prende pure i relativi elogi)
Ritratto di remor
8 maggio 2020 - 09:37
Quindi (esempio ipotetico) nel caso un domani in quel di germania si decidesse che già su una segmento C premium è assolutamente indispensabile il pulsante che chiude elettromeccanicamente il portellone posteriore (non so se si ha presente quanto irrilevante, imho, sia l'azione di abbassare lo sportellone manualmente invece che delegare ad un pulsante...) e mentre invece non lo è avere android auto (e anzi magari non avere andorid auto è considerato un pregio anche su auto di segmento D o E); beh lo standard "d'eccellenza" sarà che se non hai il pulsante portellone NON sei tecnologicamente avanzato, mentre invece lo sei anche anche se le tue auto non hanno android auto
Ritratto di troy bayliss
8 maggio 2020 - 09:51
1
questo commento risponde al tuo secondo msg mentre il precedente al primo. Concordo sul concetto e lo condivido in pieno: il pulsante per chiusura automatica è schick ma android auto è al giorno d'oggi indispensabile ma soprattutto è il sistema operativo più usato negli smartphone (bmw?perchè no android?).In definitiva nella mia prox auto guarderò i seguenti opt: fari a led, adas, connettività col telefono.Per il resto do per scontato sensori e nav, vorrei assetto sportivo e pelle
Ritratto di remor
8 maggio 2020 - 09:56
Questo per dire che qualsiasi concorrente esterno alle 3 sorelle parte svantaggiatissimo perché mette il touchscreen integrato in plancia più rettangoloso e invece magari fa in quel momento tendenza(*) quello a sbalzo più quadrato; prevede un albero in carbonio (oltre a un sistema transaxle) per un perfetto bilanciamento dei pesi e relativa straordinaria dinamica stradale e invece la qual cosa non fa tendenza come magari fa avere 99 possibili tonalità di colore impostabili per luci d'ambiente interno, ecc.ecc. ---- In merito al prezzo, poi, in verità facendo i conti in tasca altrui, visti i volumi di vendita globale (più vendi di un modello e più puoi abbassare i margini per singola vettura venduta) avrebbe più senso che fossero le tedesche a qui sottoprezzare per eventualmente provare a (ri)prendersi lo scettro di berlina d premium più venduta nel nostro paese (scettro che invece ha la Giulia dal lontano 2016); come dicevo in altro commento, in Usa i prezzi di molte auto sono più bassi che nella stesso continente di produzione europeo...
Ritratto di troy bayliss
8 maggio 2020 - 10:48
1
ho fatto una piccola ricerca e le berline classiche in italia nel 2019, togliendo i SUV (a proposito stelvio secondo dietro alla tiguan) la prima berlina classica è la A4. Giulia manco figura tra le prime 10 assolute. La moda indirizza ma nn è obbligo seguirla.I colori vanno a periodi ma i led rimangono e faranno storia(non se ne farà più a meno come l'autoradio).A mio avviso la giulia deve avere una qualità superiore in tutto soprattutto in qualità costruttiva, scelta dei materiali e motori più parsimoniosi e affidabili. e un 8/10.000 mila di prezzo in meno.Aggiungo che la scelta di far a meno della giulietta senza rimpiazzarla è un errore madornale di Alfa..della serie vai F1 e hai 2 auto a listino
Ritratto di remor
8 maggio 2020 - 11:35
Questa mi risulta nuova in assoluto. Penso di non aver qui mai visto o quasi una A4 berlina delle ultime serie. Che addirittura ora sia la berlina D premium qui più venduta penso sia la cosa più improbabile in assoluto; presumo invece qui la classifica sia Giulia poi qualcuna fra 3er e Classe C e poi "forse" la A4 ma non è nemmeno certo perché potrebbe forse essere insidiata anche dalla XE. Ciò parlando prettamente berline come sono strettamente Giulia e XE, poi eventuali versioni suv sw coupé ecc giustamente vanno computate a parte
Ritratto di Oxygenerator
8 maggio 2020 - 14:55
@ remor Non le può risultare essere una novità in assoluto, perché 10 commenti sopra le ho ampiamente spiegato su Club Alfa le 140.000 vetture in più vendute da BMW e le 130.000 in più di Audi rispetto al venduto Alfa nel 2019. Cosa non le è chiaro di tutto ciò ? Non vuol capire, o ci sono difficoltà nell’affrontare la realtà senza ipotesi campate in aria e autocostruite ?? Oltretutto se fa trendy il fatto che si aggiunga un bottone o no, questo va a merito delle vetture tedesche che impongono il loro stile e le loro capacità e non a demerito, esattamente come noi lo facciamo nel campo della moda, dalla street, all’ haute couture. Inventiamolo noi qualcosa no ? Che apporto moderno o innovativo, montano le auto costruite da FCA, per invogliarmi a comprarle ?
Ritratto di bellaguida
9 maggio 2020 - 13:42
Queste cifre riguardano solo l'Europa. Se includiamo anche il resto del mondo la triade ha numeri enormi. Si ragiona come tifosi. Capisco difendere la Giulia per le doti di sportività,ma non si può negare l'insuccesso commerciale. Hanno clonato la serie 3, magari anche affinando certi elementi. Ma i consumatori hanno continuato a comprare l'originale. Rimane un'auto esotica per amatori, la Giulia. I numeri sono quelli che sono.
Pagine