NEWS

Alfa Romeo: Mesonero-Romanos a capo del design?

di Fabio Madaro
Pubblicato 19 aprile 2021

Sembra ormai molto probabile che il designer spagnolo, ex Seat, Renault e Dacia, sia destinato a guidare il centro stile dell’Alfa Romeo.

Alfa Romeo: Mesonero-Romanos a capo del design?

INDISCREZIONE NON CONFERMATA - Secondo un’indiscrezione di Automotive News che il gruppo Stellantis al momento si è rifiutato di commentare, lo spagnolo Alejandro Mesonero-Romanos (nella foto) sarà il nuovo capo del design Alfa Romeo, per imprimere maggior vigore e forza a un marchio in difficoltà.

ANDRÀ A TORINO - Sempre secondo Automotive News, Mesonero-Romanos entrerà a far parte del team di progettazione con sede a Torino già a partire da luglio. Mesonero, 53 anni, dovrebbe sostituire Daniele Calonaci, che continuerà a guidare il design Jeep per l’Europa. Lo spagnolo proviene dal marchio Dacia, dove ha lavorato per appena sei mesi, andrebbe così a rafforzare il top management team che il nuovo ceo di Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato, sta mettendo insieme rilanciare le vendite dell’Alfa Romeo e sviluppare nuovi modelli.

PRIMI FRUTTI NON PRIMA DEL 2023 - Mesonero dovrebbe arrivare quando l’Alfa Romeo ha due nuovi modelli quasi pronti per la produzione: la suv compatta Tonale, il cui lancio è stato posticipato all'inizio del 2022, e una suv ancora più piccola che si dovrebbe chiamare Brennero prevista nel 2023. Ciò significa che le prime Alfa Romeo progettate da Mesonero non appariranno fino alla metà del 2023. Al momento la gamma Alfa è ridotta a due soli modelli, la suv Stelvio e la berlina Giulia che nel 2020 hanno trovato solo 53.422 clienti, di cui 35.503 in Europa e 18.586 negli USA.

UN DESIGNER DI SUCCESSO - Tornando a Mesonero, il designer spagnolo ha iniziato la sua carriera nel 1994 in Seat. Si è trasferito alla Renault nel 2001. Dal 2009 al 2011 è stato responsabile presso Renault Samsung Motors in Corea del Sud. Nel 2011 è tornato in Seat come direttore del design. In questo periodo ha introdotto una serie di vetture di successo, come Ateca, Arona e Tarraco, contribuendo a risanare il bilancio Seat. Inoltre ha progettato l’Ibiza di quinta generazione e le ultime due Leon e ha anche diretto lo sviluppo di modelli come Formentor e Tavascan per il marchio Cupra.





Aggiungi un commento
Ritratto di Roomy79
19 aprile 2021 - 21:27
1
In realtà prima delle auto progettava tombe di famiglia...
Ritratto di desmo3
19 aprile 2021 - 22:03
6
se si chiude basta pagarli la buonuscita e via... non si sono mica sposati finché morte non li separi
Ritratto di zioesse
20 aprile 2021 - 07:04
Stavo per scrivere ma per come sono parsimoniosi in alfa che non hanno fatto nemmeno la vresione station della giulia potrebbero mai spendere soldi in questa maniera a prendere una figura di alto profilo da poi non utilizzare. ma in effetti alfa è il marchio delle grandi contrarddizioni frose come nessun altro e tutto è possibile. come che fanno la 4C in fibra ma non danno un seguito alla giulietta oppure che presentano un prototipo di suv quando molti marchi nenmeno ci pensavano a questa categoria e poi il primo suv in gamma del marchio lo fanno oltre una decina d'anni dopo :)
Ritratto di Danza
19 aprile 2021 - 21:19
Ma si, la notizia (buona) non é chi sia costui o casa abbia prodotto dall'altra parte della barricata ma che, almeno per ora, non si chiude la baracca,
Ritratto di desmo3
19 aprile 2021 - 21:39
6
Quindi si presume che nel 2023 ci siano ancora dei clienti Alfa superstiti?
Ritratto di Oxygenerator
20 aprile 2021 - 08:21
Giusto a mio avviso cambiare. Speriamo abbandonino sti binocoli interni e alleggeriscano il trilobo. Peggiorare sembra impossibile. Quindi, auguri.
Ritratto di mondoka
20 aprile 2021 - 08:24
Ci proveranno ma difficilmente raggiungeranno la perfezione estetica di una A6-Etron quella sì bellissima.
Ritratto di desmo3
20 aprile 2021 - 09:12
6
@Oxygenerator Secondo me potrebbero/dovrebbero partire dal prototipo Pandion per modernizzare le linee dell'anteriore.
Ritratto di Oxygenerator
20 aprile 2021 - 10:01
Prototipo bellissimo. Concordo.
Ritratto di Salri
20 aprile 2021 - 09:07
Il marchio e' in difficolta' perche' ha solo due modelli ,di fascia medio alta entrambi non se la stanno cavando male se consideriamo che le berline sono un segmento ( d) in crisi e che una suv di seg D non puo' fare molto di piu'
Pagine