NEWS

Alfa Romeo Stelvio: più potenza per le diesel

2 luglio 2018

La suv sportiva Alfa Romeo Stelvio guadagna un nuova versione di ingresso alla gamma e il diesel 2.2 eroga 10 CV.

Alfa Romeo Stelvio: più potenza per le diesel

MINORI EMISSIONI - Da qualche giorno è ordinabile in Italia l’Alfa Romeo Stelvio edizione 2018, invariata a livello di stile rispetto a quella venduta finora, ma dotata di motori più potenti e in linea con la normativa anti-inquinamento Euro 6d-Temp, che entra in vigore a settembre 2019. Il motore a benzina resta il 2.0 turbo, offerto con due potenze (200 CV e 280 CV), in abbinamento alla trazione integrale Q4 e al cambio automatico EAT8 con 8 marce. I prezzi partono da 51.700 euro.

PIÙ POTENZA - L’incremento della potenza interessa solo il diesel 2.2 che, nella versione base, passa da 150 a 160 CV e, in quella più potente, da 180 a 190 CV. L’Alfa Romeo Stelvio con 160 CV è ordinabile solo con la trazione posteriore e il cambio EAT8, mentre quella con 190 CV si può avere con la trazione posteriore oppure integrale Q4 (su entrambe il cambio è automatico). Al vertice c’è il motore 2.2 con 210 CV. L’Alfa Romeo Stelvio 2.2 con 160 CV parte da 47.450 euro, che diventano 49.950 euro per la 2.2 con 190 CV a trazione posteriore, mentre la Stelvio 2.2 Q4 con 190 CV costa 52.450 euro e la Stelvio 2.2 Q4 con 210 CV 53.450 euro. Le percorrenze dichiarate sono superiori rispetto a prima, complice il passaggio al più realistico ciclo di omologazione WLTP: il dato dichiarato dall’Alfa Romeo per la 2.2 da 160 CV, ad esempio, è una percorrenza media di 18,7 km/l contro i precedenti 21,3 km/l.

Qui sopra il nuovo listino in vigore dal 18/6/2018.

TRE ALLESTIMENTI - L’allestimento di primo livello si chiama Business (la 2.2 con 160 CV in versione Business è la nuova versione più economica della gamma) e prevede i sedili in tessuto, il volante multifunzione in pelle, le ruote di 17”, i fari anteriori allo xeno, il regolatore di velocità adattivo, il “clima” automatico bizona e lo schermo a sfioramento nella consolle di 6,5”. La Super aggiunge i rivestimenti sui sedili in pelle e tessuto, le ruote di 18” e il mantenimento della velocità di crociera in discesa, dotazioni che la ricca Executive integra con lo schermo di 7” nel cruscotto, lo schermo a sfioramento di 8,8” nella consolle, i sensori di prossimità anteriori, la telecamera anteriore di parcheggio, il sistema d’ingresso senza chiave e il monitoraggio dell’angolo cieco.

Alfa Romeo Stelvio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
439
111
55
34
56
VOTO MEDIO
4,2
4.21295
695
Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
3 luglio 2018 - 08:46
Si già il triplo mi sembra a (vendite a giugno).
Ritratto di otttoz
2 luglio 2018 - 23:12
continua a mancare il benzina,gasabile, da 160cv...
Ritratto di luperk
3 luglio 2018 - 01:08
come no, già il 200 cv è un chiodo sottodimensionato
Ritratto di Maria Rossi
3 luglio 2018 - 02:08
Penso che queste modifiche vengano presto estese agli stessi motori montati però su Giulia. Quindi benzina dotati di filtro antiparticolato, presumo, vista la normativa rispettata.
Ritratto di anarchico2
3 luglio 2018 - 08:30
Potenza a parte, a me continua a non piacere, specie dal vivo.
Ritratto di Rikolas
3 luglio 2018 - 09:34
Un Suv Alfa per di più diesel... peggio di così è impossibile. M ichiedo che fine abbiano fatto gli alfsiti (quelli veri di un tempo, non gli adolescenti di oggi che si esaltano per questi furgoni terrificanti!). Alcuni miei colleghi di lavoro ex-alfaromeo Arese, sono inorriditi da questa vettura, e direi che ne hanno tutte le ragioni. Un Alfaromeo dovrebbe essere una vettura sportiva dal baricentro basso, leggera, meglio ancora se con motore aspirato di grande cilindrata. Nulla di tutto questo viene proposto agli appassionati, solo Suv modaioli adatti a chi non capisce NULLA di auto, di sportività e di piacere di guida. Ma si, compratevi pure questo bidone, tanto ormai qualsiasi baracca ci rifilano a noi va sempre bene...
Ritratto di Dr.Torque
3 luglio 2018 - 09:54
Sono molto d'accordo, ma il punto è che sono cambiate le condizioni al contorno. Quando serve oggi un'auto "sportiva"? Sulle autostrade costellate di tutor? In città piene di traffico? Sulle strade extraurbane costellate di buche? Sulle strade di montagna popolate da ciclisti? Non essendoci più le condizioni (come per certi versi è giusto che sia) la "sportività" diventa solo numeri e immagine. Tanti cavalli, necessari per spingere pachidermi appesantiti da milioni di gadget che non servono a nulla, cerchi da 20" che massacrano la spalla del pneumatico e la schiena del guidatore e prese d'aria finte che fanno tanto racing. Chi capisce qualcosa di auto e di guida sportiva ha una sola soluzione: la pista ed un mezzo preparato per quello. Non è un mistero che civiltà più evolute ci siano arrivate da tempo, vedi il successo dei track days nel Regno Unito. Mentre gli "sportivi" da bar mostreranno fieri i propri badge "M sport" su grossi scatoloni che almeno avranno il pregio di accogleire comodamente la famiglia. Saluti.
Ritratto di Spinoza
3 luglio 2018 - 15:53
"Un Alfaromeo dovrebbe essere una vettura sportiva dal baricentro basso, leggera, meglio ancora se con motore aspirato di grande cilindrata" Hai dimenticato di aggiungere "... e che non compra nessuno"
Ritratto di Mattia Bertero
3 luglio 2018 - 10:26
3
STELVIO. Nessuna novità di rilievo. La Stelvio é un SUV davvero ben fatto e cone estetica mi piace (anche se in misura minore della Giulia), specialmente con il Blu Misano.
Ritratto di Probabilmente
3 luglio 2018 - 10:52
Tutto molto bello, ma continua a mancare un 3.0l V6 diesel da 250/300 CV. Manca qui e sulla Giulia.
Pagine