NEWS

Alfa Romeo Stelvio 2020: ecco come cambia

19 novembre 2019

Per la suv del Biscione (ma anche per la berlina Giulia) le differenze rispetto al vecchio modello riguardano soprattutto gli interni, oltre agli ADAS. Eccole nel dettaglio.

Alfa Romeo Stelvio 2020: ecco come cambia

Le modifiche estetiche per Alfa Romeo Stelvio e Giulia sono concentrate soprattutto nell’abitacolo. Fuori, oltre ai nuovi colori e alle scritte dell’allestimento nelle fiancate c’è ben poco. Vediamo al “microscopio” come cambiano gli interni della Stelvio (di cui trovate qui il primo contatto della 2.2 turbordiesel Sprint). Ma le modifiche sono le stesse nella Giulia. Per ciascun paragrafo la prima foto è quella della versione precedente, la seconda quella dell'edizione 2020.

FUORI LE NOVITÀ RIGUARDANO SOPRATTUTTO LA VELOCE
Non cambia il design dei fari e della mascherina. Ma l’inedita versione Veloce ha parafanghi e minigonne in tinta con la carrozzeria.


DIETRO, OCCHIO AL PARAURTI
Sempre nella Veloce la parte bassa del paraurti non è più in contrasto, mentre l’inserto centrale è nero anziché color alluminio, per dare più sportività.


AL PASSO COI TEMPI
La plancia ha un aspetto più moderno. Merito soprattutto della grafica del nuovo sistema multimediale e della rivisitata consolle fra i sedili, come vedremo nel dettaglio…


È UNA QUESTIONE DI FORMA
Minime le modifiche al volante: la razza in basso spicca per la forma ricurva. Nuovi i tasti da selezionare con la mano sinistra.


PRONTI A LASCIARLA GUIDARE?
Ecco il dettaglio dei nuovi pulsanti: quello in basso a sinistra attiva le funzioni di guida semiautonoma di livello 2, che le nuove Alfa Romeo Giulia e Stelvio introducono.


DISPLAY PIÙ RICCO
Al centro del cruscotto ora lo schermo è sempre di 7” (prima alcune versioni lo avevano di 3,5”). E può mostrare più informazioni, inclusa la pressione di acceleratore e freno.


TAGLIA “LARGE” PER TUTTE
Il nuovo sistema multimediale ha sempre una diagonale di 8,8” (in passato c’era anche di 6,5”), ma migliora nella grafica ed è configurabile.


FA GIOCARE CON LE ICONE
Più moderne le scritte e la selezione dei menu. Le icone si possono spostare a piacere trascinandole, esattamente come in un tablet.


SFRUTTA MEGLIO L’ALTEZZA
Le mappe del navigatore si vedono meglio, grazie al fatto che l’altezza dello schermo è sfruttata completamente: prima la fascia inferiore era occupata dalle scritte.


OCCHIO AI SIMBOLI
Non cambiano molto i comandi del climatizzatore, ma le scritte e i simboli suo tasti sono stati aggiornati. Anche quelli per il riscaldamento delle poltrone e dei sedili (optional).


UN PO’ DI PATRIOTTISMO
Più moderna e curata la consolle: la leva del cambio, con alla base il Tricolore, ha una forma più sinuosa e ha una parte rivestita in pelle. Rivisti anche la rotella e i tasti per il multimediale.


IL FRENO A MANO NON È PIÙ QUI
Nuovo anche il taglio del bracciolo anteriore. E si sposta il pulsante del freno a mano elettronico: ora e a sinistra della leva del cambio.


ADDIO CAVETTI IN GIRO
Lo scomparto sotto al bracciolo è stato leggermente variato, ma la modifica più importante è il vano per la ricarica wireless dei cellulari. Vi si accede anche senza sollevare l’imbottitura.


E IL DIVANO ORA SI SCALDA
Dietro le due prese Usb di ricarica sono più evidenti. E, soprattutto, si aggiungono i pulsanti per il riscaldamento del divano (a richiesta, in base all’allestimento).


Alfa Romeo Stelvio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
542
151
101
116
156
VOTO MEDIO
3,8
3.757035
1066




Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Zorzan
19 novembre 2019 - 16:25
Il motivo è un pessimo rapporto qualità/prezzo. Vendono tantissime KM 0 perché superscontate.
Ritratto di ForzaItalia
19 novembre 2019 - 17:00
Eh ma con le km0 il valore del prodotto affossa ancora di più, e la situazione peggiora.
Ritratto di mika69
20 novembre 2019 - 15:42
Se floppa il motivo è che Alfa non può rinascere in 2 anni..serve tempo e di strada da recuperare ce n'è. Ancora la gente preferisce andare sul sicuro, quindi sulle tedesche.
Ritratto di OB2016
20 novembre 2019 - 16:04
1
Per te tutto il progresso sarebbe il virtual cockpit?? Grazie a persone come te che nelle auto viene premiata la fuffa e non la qualità o la vera tecnologia..
Ritratto di marcoveneto
19 novembre 2019 - 11:33
Se ne parlava giusto ieri con Remor di questo facelift...be fuori è pressochè identica (il paraurti tutto verniciato in questo caso sta bene, anche se forse si poteva fare qualcosa di più incisivo). Dentro piccole migliorie, che le permettono di mantenere una plancia sportiva e lineare, senza l'inutile tablet a sbalzo che montano tante concorrenti.Peccato solo per i full led, dovevano metterli secondo me (soprattutto per una questione di immagine, ormai sono di serie persino sulla Clio).
Ritratto di remor
19 novembre 2019 - 13:00
Giusto. Da apprezzare comunque l'articolo con zona per zona tutte le foto in confronto pre vs post, permette di identificare anche quei lievi cambiamenti effettuati
Ritratto di marcoveneto
19 novembre 2019 - 14:46
Si veramente un applauso alla redazione. Secondo me dovrebbero farli più spesso questi paragoni con prima e dopo.
Ritratto di remor
20 novembre 2019 - 08:34
Speriamo a breve in un analogo articolo sulla Giulia pre e post per le analoghe differenze (anche perché così si anima un po' la parte dei commenti che altrimenti, con gli articoli di altri marchi e modelli, è spesso un po' fiacca)
Ritratto di zero
20 novembre 2019 - 09:39
Vero. Lo noto anche io da tempo: ogni volta che appare un articolo sull'Alfa, giù una fraccata di commenti in poche ore. Segno che il marchio suscita sempre emozioni e scatena gli istinti degli haters più beceri che però finiscono col sortire gli effetti opposti, perché vale il vecchio adagio... Bene o male, purché se ne parli. Viceversa, molti altri articoli, paradossalmente pensati proprio per accendere discussioni accanite, stanno finendo col destare sempre meno attenzione e interesse.
Ritratto di zero
19 novembre 2019 - 19:58
Io credo che questo facelift sia frutto di un approccio corretto, stante l'attuale situazione dell'Alfa. Nel 2021 (che ormai è veramente vicino), la Tonale innoverà radicalmente il family styling delle Alfa: andare ad aggiornare adesso l'estetica e il frontale di Giulia e Stelvio avrebbe voluto dire creare qualcosa che - per ovvi motivi di opportunità commerciale - non poteva anticipare lo stile di un modello completamente nuovo (appunto la Tonale) e quindi avrebbe dovuto percorrere una "terza via" stilistica tra Giulia/Stelvio e Tonale, con l'inevitabile risultato di arrivare al 2021 con una Giulia e una Stelvio da aggiornare di nuovo pesantemente. Giusto così, allora: un leggero aggiornamento soprattutto ad interni e adas, senza scadere nell'abominevole kitsch di tablet piazzati a centro plancia oppure di glass cockpit da luna park. Le Alfa io le voglio così, con cruscotti e strumenti vecchia scuola ed emozionali. Sì, peccato solo per i full led... Arriveranno certamente con il corposo restyling del 2021 (post-Tonale).
Pagine