NEWS

Alfa Romeo Stelvio 2020: ecco come cambia

19 novembre 2019

Per la suv del Biscione (ma anche per la berlina Giulia) le differenze rispetto al vecchio modello riguardano soprattutto gli interni, oltre agli ADAS. Eccole nel dettaglio.

Alfa Romeo Stelvio 2020: ecco come cambia

Le modifiche estetiche per Alfa Romeo Stelvio e Giulia sono concentrate soprattutto nell’abitacolo. Fuori, oltre ai nuovi colori e alle scritte dell’allestimento nelle fiancate c’è ben poco. Vediamo al “microscopio” come cambiano gli interni della Stelvio (di cui trovate qui il primo contatto della 2.2 turbordiesel Sprint). Ma le modifiche sono le stesse nella Giulia. Per ciascun paragrafo la prima foto è quella della versione precedente, la seconda quella dell'edizione 2020.

FUORI LE NOVITÀ RIGUARDANO SOPRATTUTTO LA VELOCE
Non cambia il design dei fari e della mascherina. Ma l’inedita versione Veloce ha parafanghi e minigonne in tinta con la carrozzeria.


DIETRO, OCCHIO AL PARAURTI
Sempre nella Veloce la parte bassa del paraurti non è più in contrasto, mentre l’inserto centrale è nero anziché color alluminio, per dare più sportività.


AL PASSO COI TEMPI
La plancia ha un aspetto più moderno. Merito soprattutto della grafica del nuovo sistema multimediale e della rivisitata consolle fra i sedili, come vedremo nel dettaglio…


È UNA QUESTIONE DI FORMA
Minime le modifiche al volante: la razza in basso spicca per la forma ricurva. Nuovi i tasti da selezionare con la mano sinistra.


PRONTI A LASCIARLA GUIDARE?
Ecco il dettaglio dei nuovi pulsanti: quello in basso a sinistra attiva le funzioni di guida semiautonoma di livello 2, che le nuove Alfa Romeo Giulia e Stelvio introducono.


DISPLAY PIÙ RICCO
Al centro del cruscotto ora lo schermo è sempre di 7” (prima alcune versioni lo avevano di 3,5”). E può mostrare più informazioni, inclusa la pressione di acceleratore e freno.


TAGLIA “LARGE” PER TUTTE
Il nuovo sistema multimediale ha sempre una diagonale di 8,8” (in passato c’era anche di 6,5”), ma migliora nella grafica ed è configurabile.


FA GIOCARE CON LE ICONE
Più moderne le scritte e la selezione dei menu. Le icone si possono spostare a piacere trascinandole, esattamente come in un tablet.


SFRUTTA MEGLIO L’ALTEZZA
Le mappe del navigatore si vedono meglio, grazie al fatto che l’altezza dello schermo è sfruttata completamente: prima la fascia inferiore era occupata dalle scritte.


OCCHIO AI SIMBOLI
Non cambiano molto i comandi del climatizzatore, ma le scritte e i simboli suo tasti sono stati aggiornati. Anche quelli per il riscaldamento delle poltrone e dei sedili (optional).


UN PO’ DI PATRIOTTISMO
Più moderna e curata la consolle: la leva del cambio, con alla base il Tricolore, ha una forma più sinuosa e ha una parte rivestita in pelle. Rivisti anche la rotella e i tasti per il multimediale.


IL FRENO A MANO NON È PIÙ QUI
Nuovo anche il taglio del bracciolo anteriore. E si sposta il pulsante del freno a mano elettronico: ora e a sinistra della leva del cambio.


ADDIO CAVETTI IN GIRO
Lo scomparto sotto al bracciolo è stato leggermente variato, ma la modifica più importante è il vano per la ricarica wireless dei cellulari. Vi si accede anche senza sollevare l’imbottitura.


E IL DIVANO ORA SI SCALDA
Dietro le due prese Usb di ricarica sono più evidenti. E, soprattutto, si aggiungono i pulsanti per il riscaldamento del divano (a richiesta, in base all’allestimento).


Alfa Romeo Stelvio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
542
151
101
116
156
VOTO MEDIO
3,8
3.757035
1066




Aggiungi un commento
Ritratto di 82BOB
19 novembre 2019 - 17:45
Sarei intervenuto in maniera più pesante all'esterno, soprattutto al posteriore, togliendo il "pannolone", rendendo squadrato il doppio scarico circolare e rimuovendo lo pseudo-spoiler a favore di un lunotto a V. All'anteriore avrei ingentilito i baffi del trilobo. L'interno non sembra male, ma la leva del cambio non mi fa impazzire.
Ritratto di Giulio Menzo
19 novembre 2019 - 19:14
2
bella,adesso può competere con le tedesche quasi ad armi pari
Ritratto di Pompilio
19 novembre 2019 - 20:27
Già...anzi , con un altro restyling come questo e le supera pure... Ma per favore...
Ritratto di remor
19 novembre 2019 - 21:30
Mia opinione: non è che adesso può, più semplicemente ha posto e pone l'attenzione su altri aspetti rispetto alle tre tedesche. Seppur del 2016, nessuna fra C-Class A4 e 3er le tiene il passo.
Ritratto di zero
20 novembre 2019 - 17:16
Sono d'accordo, remor. La Giulia non segue e non deve inseguire la concorrenza sulla stessa strada, ma ha puntato su altre doti tipicamente Alfa. Dispiace che non abbia raggiunto gli obiettivi commerciali prefissati, ma sono stati fatti errori sia nell'articolazione della gamma sia nel potenziamento della rete commerciale: se accanto alla berlina, ci fossero state anche una sport wagon, una coupé quattro posti e magari anche una crossover e, in più, ci fosse stata pure una rete commerciale più capillare in Europa e in Nord-America, la Giulia nelle sue varie declinazioni avrebbe fatto ben altri numeri.
Ritratto di AndyCapitan
8 maggio 2020 - 01:16
1
anche se mia nonna aveva le ruote era una cariola....qui abbiamo solo due cosse chiare...menagement incompetente promozione sbagliata e prodotto scarso rispetto alle concorrenti!...come fai a fare i numeri????
Ritratto di Marco_Tst-97
8 maggio 2020 - 10:27
Le prime 2 coSe (con una sola s) sono vicine alla verità, l'ultima vorrei sapere da che cosa la tiri fuori, forse dall'assenza di uno schermino in più o di un faro solo un po' più funzionale ma che fa più o meno la stessa luce?! Probabilmente i numeri non li fa perché la gente ragiona come te... Di sicuro c'è che hai poco rispetto per tua nonna e che non sai scrivere in italiano.
Ritratto di Gatsu
19 novembre 2019 - 21:56
2
Ok, non è un restyling quindi c'è ancora speranza, però mettere i fari a led anche optional non è un crimine, che cavolo. Per il resto modifiche di fino gradite
Ritratto di anthomino
20 novembre 2019 - 12:24
ragazzi ben sapete che FCA da anni minimizza gli investimenti. altrimenti come potrebbe fare profitti vendendo sempre meno auto? l'obiettivo dai tempi del genio Marchionne era a chi ammollare il tutto, Hyundai, GM, Mercedes, Renault... finalmente hanno trovato. peraltro a carissimo prezzo. Ma cosa hanno venduto? Crysler-Jeep e Fiat Brasile. Mentre in Italia gli impianti al 50% sono più un problem: ne prevedo la chiusura entro 3 anni (tranne Maserati). in sintesi, che investire a fare sulla Giulia/Stelvio? da gennaio saranno problemi di PSA. la stessa piattaforma Giorgio pare destinata al pensionamento perchè incompatibile con l'ibrido. La domanda dcreo sia cosa pensa di fare PSA di alfa romeo? forse 2 anni fa avrebbero evitato di investire su un nuovo marchio DS, Ma ora? Lancia, invece, si soprappone perfettamente a citroen... ergo la vedo male. dopo i tanti soldi pubblici presi da Fiat, in sostanza, ci hanno guadagnato solo i proprietari. è la mia ininfluente opinione, ovvio.
Ritratto di hipgnosis
20 novembre 2019 - 23:00
L' unica spernza di sopravvivenza per' Alfa è la venderla a VW o Geely.. Comunque una vera "genialata"FCA al contrario il pianale giorgio non compatibile con l' elettrificazione, complimenti al management....
Pagine